Un vaccino per il Coronavirus a giorni in produzione, anche se ancora non autorizzato

Coronavirus: ricerca biologica e ricerca genetica
(Gettyimages)
Share

 

(Gettyimages)

di Thomas Brewster per Forbes.com

Lunedì Forbes ha rivelato che Janssen Pharmaceutical, controllata da Johnson & Johnson, avrebbe ricevuto 450 milioni di dollari per lavorare su un trattamento preventivo per COVID-19. Successivamente, il gigante farmaceutico ha confermato che il vaccino contro il coronavirus potrebbe essere lanciato al pubblico all’inizio del 2021.

Ora il capo scientifico dell’azienda afferma che spenderà anche $ 500 milioni nell’ambito di una partnership da $ 1 miliardo con il governo degli Stati Uniti per la ricerca e la produzione di un vaccino. E Paul Stoffels, direttore scientifico di Johnson & Johnson, afferma che inizierà la produzione questo mese prima che il vaccino sia stato sottoposto a test clinici o approvato dalla FDA. Ciò al fine di preparare grandi quantitivi di vaccino per essere pronti ad andare sul mercato all’inizio del prossimo anno, qualora dovesse arrivare il via libera dalle agenzie di regolamentazione, ha detto Stoffels a Forbes.

“Non è assolutamente la procedura standard. Normalmente si verifica prima che funzioni e poi si inizia la produzione”, osserva Stoffels. “Qui, la crisi è così grande che dobbiamo organizzarci in modo diverso e andare avanti … Questo è un programma a rischio molto elevato perché facciamo tutto in parallelo, ma questa crisi è così grave che non abbiamo altra scelta. Si deve farlo. ”

E dice a Forbes che la società non prevede di trarre profitto da nessun vaccino COVID-19.

“Fin dall’inizio abbiamo deciso di non farlo a scopo di lucro, in modo che il vaccino diventi economico e disponibile su scala globale il più rapidamente possibile”, afferma Stoffels. Stoffels afferma che Johnson e Johnson deve collaborare piuttosto che competere per affrontare COVID-19, anche se non ha ancora rivelato alcuna partnership oltre a quella con il governo federale e il Beth Israel Deaconess Medical Center sulla ricerca sui vaccini . “Questo è il modo migliore per essere estremamente veloci, rendere il vaccino disponibile su larga scala e assicurarci di tenere sotto controllo questa cosa … Non si tratta di concorrenza. Devono esserci più treni sulle rotaie per il successo di un solo vaccino. ”

Sono già in corso due studi sui vaccini negli Stati Uniti e in Cina, di cui uno guidato da Moderna, con sede nel Massachusetts, mentre un certo numero di altri studi dovrebbero partire a breve. “Potremmo ancora non centrare l’obiettivo. Anche Moderna potrebbe non farcela … E poi ci sono 10 miliardi di persone nel mondo che potrebbero aver bisogno di un vaccino. Quindi ci sarà abbastanza spazio per i vaccini. ”

La notizia dei progressi per un vaccino contro il coronavirus ha fatto salire le azioni Johnson & Johnson del 7,5% lunedì, fino a $ 132,46 alla Borsa di New York.

Come funziona il vaccino di Johnson & Johnson contro il coronavirus

Stoffels ha anche spiegato il modo in cui lavora il possibile vaccino Johnson & Johnson. Innanzitutto, prendono un pezzo di DNA di coronavirus (in particolare, uno che codifica per la proteina “spike” che si attacca alle cellule umane) e lo inseriscono in un adenovirus morto. Gli adenovirus sono quelli che causano il raffreddore comune – quindi sono buoni per il trasporto di cose negli esseri umani – ma mancano del DNA necessario per replicarsi effettivamente. Quindi non si prenderà un raffreddore dal vaccino e neanche le proteine ​​che produce possono fare del male.

Da gennaio, gli scienziati del colosso farmaceutico stavano vedendo quale pezzo di proteina produceva la migliore risposta immunitaria, afferma Stoffels. Altrettanto importante era che la proteina potesse essere prodotta in serie, aggiunge. “Ecco perché ci sono volute 10 settimane per fare questo al fine di garantire la migliore immunogenicità e la produzione più ottimizzata”.

La tecnica Johnson & Johnson differisce da quella di Moderna, che ha rapidamente avviato un processo per l’approvazione con il governo degli Stati Uniti . Invece del DNA, Moderna inietta il cosiddetto RNA messaggero (mRNA), la molecola che trasferisce le istruzioni del codice genetico dal DNA alla parte di una cellula che produce proteine, in modo che gli esseri umani stessi possano produrre le proteine ​​che inducono il corpo a produrre anticorpi.

La stessa tecnica di J&J è stata utilizzata in vari gradi di successo da Johnson & Johnson, ad esempio per il trattamento di HIV, ebola e zika. È grazie a quei progetti precedenti che la società può muoversi rapidamente con un vaccino COVID-19. “Abbiamo un percorso validato per arrivarci. Ed è per questo che possiamo affermare con precisione che a settembre partiranno gli studi clinici. “