Skin
Johnson & Johnson, cancro alle ovaie
Trending

Johnson & Johnson offre 6,5 miliardi di dollari di risarcimenti per il cancro provocato dal talco

L’offerta è finalmente arrivata. Dopo mesi di ragionamenti legali, il colosso farmaceutico Johnson & Johnson ha dichiarato di aver dato vita a un piano da 6,47 miliardi di dollari “per la risoluzione completa e definitiva di tutte le rivendicazioni attuali e future” di chi accusa il talco della società di provocare il cancro ovarico. Cosa che l’azienda continua a smentire, anche se l’ha ritirato dal mercato nordamericano.

“Il piano rappresenta il culmine della nostra strategia di risoluzione consensuale annunciata a ottobre”, ha affermato Erik Haas, vicepresidente degli affari legali di Johnson & Johnson . “Da quel momento, la società ha collaborato con i legali che rappresentano la stragrande maggioranza dei ricorrenti per portare a termine questo contenzioso. Cosa che ci aspettiamo di fare attraverso questo piano”.

Le cause

Le cause legali che riguardano il talco e il cancro ovarico rappresentano il 99,75% delle cause pendenti contro Johnson & Johnson e le sue affiliate negli Stati Uniti. L’accordo è legato a una terza dichiarazione di fallimento di una società controllata da J&J, la Ltl Management. Il colosso farmaceutico ha anche raggiunto un accordo di principio per risolvere tutte le altre  cause, sempre relative al talco presentate dai fornitori (Imerys Talc America, Cyprus Mines Corporation e le loro parti correlate).

Entrando nel dettaglio, il piano prevede innanzitutto un periodo di attesa di tre mesi, durante il quale i ricorrenti saranno informati di tutti i termini. Sarà convalidato se otterrà almeno il 75% dei consensi. Percentuale che dovrebbe essere raggiunta, considerando che il gruppo ha detto di avere “l’appoggio” degli avvocati dei ricorrenti (che hanno collaborato alla stesura stessa del piano). “Il piano dovrebbe essere  confermato, perché è nei migliori interessi di coloro che hanno fatto causa”, ha aggiunto Johnson & Johnson.

La proposta di J&J

Johnson & Johnson verserà la cifra stabilita in 25 anni, dividendola più o meno come se fosse un mutuo. D’altronde, spiega la società, “rappresenta per le ricorrenti un arco temporale decisamente migliore rispetto a quello che potrebbe essere deciso in sede di processo”. A detta della società, l’accordo rappresenterebbe quasi un favore umanitario: “La maggior parte delle ricorrenti per cancro alle ovaie non ha avuto diritto o non recupererà alcuna cifra durante il processo. In effetti, la società ha prevalso in circa il 95% dei casi ovarici esaminati fino a oggi, compresi tutti i casi ovarici esaminati negli ultimi sei anni. Inoltre, in base al tasso di esecuzione storico, ci vorrebbero decenni per portare avanti i casi rimanenti e, pertanto, la maggior parte dei ricorrenti non avrà mai la propria giornata in tribunale”. Come dire: o accettate il piano o, probabilmente, perderete.

La convinzione di J&J si basa anche su un altro elemento. Il 27 marzo il giudice che presiede il contenzioso multidistrettuale (mdl) – dove è depositato il 93% delle richieste legate al cancro alle ovaie – ha accettato di riconsiderare la validità scientifica delle opinioni offerte dagli esperti dei querelanti, in conformità alla revisione richiesta dalle nuove Federal Rules of Evidence 702. “Se le opinioni non superano tale revisione, cosa che la società si aspetta, le cause dovrebbero essere respinte”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .