Airbnb taglia il 25% della forza lavoro. Il ceo: “Da Covid cambiamenti non di breve durata”

airbnb
(shutterstock.com)
Share
airbnb
(shutterstock.com)

Articolo di Rachel Sandler apparso su Forbes.com

Airbnb sta licenziando il 25% della sua forza lavoro globale mentre il coronavirus continua a danneggiare l’industria dei viaggi e dell’ospitalità.

Aspetti principali

  • Il ceo Brian Chesky ha dichiarato martedì che Airbnb sta tagliando 1.900 posti di lavoro, pari al 25% della sua forza lavoro globale composta da 7.500 persone.
  • I dipendenti statunitensi riceveranno 14 settimane di retribuzione base, più una settimana aggiuntiva per ogni anno presso Airbnb come trattamento di fine rapporto.
  • L’attività di Airbnb è diventata più difficile a causa del coronavirus, con ricavi previsti per il 2020 pari a meno della metà di quanto l’azienda ha guadagnato l’anno scorso.
  • Chesky ha detto di non sapere quando o se tornerà il normale modo di viaggiare, il che ha contribuito alla decisione di tagliare i posti di lavoro, anche se la compagnia ha raccolto altri 2 miliardi di dollari in aprile per mantenere a galla l’attività.
  • Airbnb sta rifocalizzando la società sul suo core business ovvero la condivisione di case, mettendo in pausa i suoi sforzi su alcuni servizi come i trasporti, nonché Airbnb Studios, che produce video di viaggi.
  • La società sta inoltre ridimensionando gli investimenti in Lux, il business specializzato in noleggi di lusso.

Dichiarazione rilevante

“Sebbene sappiamo che l’attività di Airbnb si riprenderà completamente, i cambiamenti che subirà non sono temporanei o di breve durata. Per questo motivo, dobbiamo apportare modifiche più profonde ad Airbnb riducendo le dimensioni della nostra forza lavoro verso una strategia aziendale più mirata”, ha dichiarato il ceo Brian Chesky in un post sul blog che annuncia i licenziamenti.

Contesto chiave

L’industria dei viaggi e dell’ospitalità è stata particolarmente colpita dal coronavirus poiché i paesi di tutto il mondo hanno bloccato i viaggi da alcuni paesi e sconsigliano ai cittadini di lasciare la propria casa. Anche le compagnie aeree, gli aeroporti, gli hotel e le altre startup della Silicon Valley hanno dovuto licenziare i lavoratori a causa del crollo della domanda. Anche gli host di Airbnb sono sotto stress economico poiché le prenotazioni sono scese praticamente a zero.