L’attrice Emma Watson entra nel cda del colosso del lusso Kering

Share
Emma Watson (Dia Dipasupil/Getty Images)

Durante l’assemblea generale annuale del 16 giugno, gli azionisti di Kering hanno approvato la nomina
di Jean Liu Liu, Tidjane Thiam ed Emma Watson quali membri del consiglio di amministrazione del gruppo. In particolare Emma Watson è stata anche eletta presidente del Comitato per la sostenibilità del consiglio di amministrazione.

François-Henri Pinault, presidente e direttore generale di Kering, ha motivato le nomine spiegando che “le loro rispettive conoscenze e competenze, la varietà del contesto da cui provengono daranno un apporto straordinario al consiglio di amministrazione di Kering. L’intelligenza collettiva derivante dall’eterogeneità dei punti di vista e dalla ricchezza delle diverse esperienze sono fondamentali per il futuro della nostra organizzazione e sono orgoglioso del fatto che talenti così eccezionali entrino a far parte del team”. Kering è un gruppo mondiale del lusso, sostiene e promuove lo sviluppo di alcuni tra i più rinomati marchi di moda, pelletteria, gioielli e orologi, tra cui: Gucci, Saint Laurent, Bottega Veneta, Balenciaga, Alexander McQueen, Brioni, Boucheron, Pomellato, DoDo, Qeelin, Ulysse Nardin, Girard-Perregaux, e Kering Eyewear.

Emma Watson diventa presidente del Comitato per la sostenibilità in ragione di un ricco curriculum. Oltre alla carriera sul grande schermo, l’attrice britannica è infatti anche nota come attivista. Ha raggiunto la fama recitando nel ruolo di Hermione Granger nell’adattamento cinematografico della serie di libri di Harry Potter, che ha riscosso un grandissimo successo in tutto il mondo. A distanza di vent’anni è una delle attrici più famose al mondo e una delle attiviste più conosciute. A maggio 2014 ha ottenuto la laurea in letteratura inglese presso la Brown University e, nello stesso anno, è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà per UN WOMEN, lanciando l’iniziativa “HeforShe”, intesa a coinvolgere gli uomini nella promozione della parità di genere. Il suo lavoro nella campagna “HeforShe” le è valso un posto nella classifica delle 100 persone più influenti della rivista Time nel 2015.
Nel 2016 ha creato “Our Shared Shelf“, un gruppo di lettura di impronta femminista.
La Watson fa parte anche dell’Entertainment Steering Committee di TIME’S UP e ha introdotto il movimento nel Regno Unito, coordinandone il lancio ai BAFTA britannici nel 2018 e creando una rete di centinaia di donne provenienti da tutto il settore.
Il suo dialogo con il movimento femminista ha condotto all’istituzione, in seno al Rosa (il fondo per le donne e ragazze del Regno Unito), di un nuovo Fondo per la giustizia e la parità nel Regno Unito, avviato da Emma con una donazione di 1 milione di sterline. Il fondo punta a porre fine a molestie, abusi e impunità attraverso il ricorso ad organizzazioni esperte del campo. Ha anche collaborato al lancio, nel Regno Unito, delle nuove linee guida in materia di molestie e bullismo nel settore cinematografico, nell’ambito del British Film Institute (BFI), della British Academy of Film and TV Arts (BAFTA), dell’AdvisoryConciliation and Arbitration Service (ACAS) e di altri enti primari. Nel 2019, il Presidente francese Emmanuel Macron l’ha invitata a partecipare al Consiglio sulla parità di genere del G7.
La Watson è anche in prima linea nella promozione della moda sostenibile ed è sostenitrice di “Good On You”, un’app che consente ai consumatori di verificare le credenziali di sostenibilità delle marche di abbigliamento.

Gli altri nuovi membri del cda

Jean Liu Liu è Presidente di Didi Chuxing. In collaborazione con Cheng Wei, fondatore e CEO di DiDi,
Jean Liu ha trasformato DiDi nella più grande piattaforma di trasporto mobile multimodale al mondo,
realizzando oltre 10 miliardi di ordini l’anno per oltre 550 milioni di utenti in Asia, America Latina e Australia.

Tidjane Thiam è stato sirettore generale di Credit Suisse Group AG dal luglio 2015 al febbraio 2020.
In aprile 2020, il Presidente Cyril Ramaphosa, Chairperson dell’Unione Africana ha nominato Tidjana Thiam come inviato speciale per l’Unione Africana dedicato all’emergenza Covid 19. Nel corso della sua carriera, il Dr. Thiam ha guidato organizzazioni sia nel settore privato che in quello pubblico e ha portato avanti progetti e programmi di sviluppo per stimolare imprese ed economie.