Seguici su
Business 16 Luglio, 2020 @ 2:32

Navistar investe in TuSimple, insieme costruiranno truck a guida autonoma

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

 

(Courtesy TuSimple)

Articolo di Alan Ohnsman apparso su Forbes.com

Navistar, società statunitense specializzata nell’assemblaggio di autocarri, autobus, veicoli commerciali e di motori diesel, ha iniziato una collaborazione ad ampio raggio con TuSimple, startup attiva nel settore della guida autonoma. Come affermato dalla stessa Navistar, oltre ad avere l’obiettivo di produrre grandi impianti robotici, l’azienda ha deciso di investire direttamente in TuSimple, visto che attualmente vanta la più grande flotta di camion a guida autonoma che opera sulle autostrade statunitensi.

La decisione di Navistar si basa su una collaborazione in fase iniziale con TuSimple, che divide le operazioni tra Stati Uniti e Cina, iniziata nel 2018 e arriva dopo che Persio Lisboa, nuovo ceo e presidente di Navistar non ha identificato altre tecnologie simili offerte sul mercato da altre aziende. L’obiettivo è avere sul mercato, entro il 2024, semi-truck (autoarticolati) con capacità di guida autonoma di livello 4, nel senso che possono guidare senza input umano.

“Siamo abbastanza avanti e insieme stiamo a poco a poco raggiungendo questo grande obiettivo”, dice Lisboa a Forbes. “Vediamo la maturità dell’organizzazione. È, inoltre, bello vedere come così tanti professionisti di talento, sia della loro che della nostra parte, si supportino così tanto nel processo di sviluppo”.

Al momento né Lisboa, nè TuSimple hanno reso noto la cifra dell’investimento effettuato da Navistar. Si sa solamente che la collaborazione sta procedendo a gonfie vele. Tant’è che lo stesso Lisboa ha rivelato che Navistar potrebbe investire ancora di più. TuSimple al momento ha raccolto circa 300 milioni di dollari da diversi investitori tra cui UPS, Nvidia, e la società tecnologica cinese Sina Corp. Inoltre, di recente ha aperto un round di investimento di “Serie E” che potrebbe portare ulteriori 250 milioni di dollari.

L’accordo di produzione è un grande passo avanti ed è il primo del suo genere nel settore dell’autotrasporto  a guida autonoma, che tra l’altro è altamente competitivo, con TuSimple che si contrappone ad Alphabet a Waymo e a startup tra cui Embark, Kodiak, Ike e Pony.ai.

Più recentemente, Aurora, guidata dall’ex Google Chris Urmson, capo del progetto di auto a guida autonoma, si è decisa a concentrarsi su camion a guida autonoma. Inoltre, bisogna sottolineare che la maggior parte del lavoro di sviluppo per la tecnologia a guida autonoma si è concentrata principalmente su robo-taxi e applicazioni per veicoli personali da quando Google un decennio fa ha dato il via. Il trasporto di camion, la consegna e la logistica sono sempre più visti come un’opportunità commerciale da analisti e investitori.

“La cosa chiave qui è che questo è un camion integrato che viene prodotto in fabbrica, usendo dalla linea di fabbrica”, afferma Cheng Lu, presidente di TuSimple, parlando dalla sede di San Diego. “Ovviamente tutto è di qualità automobilistica, quindi in termini di manutenzione e affidabilità, c’è un OEM (Original equipment manufacturer) dietro questo camion, che è davvero importante per l’utente finale.”

Fondata dallo scienziato informatico, Xiaodi Hou, Chief Technology Officer di TuSimple e architetto del suo software abilitato all’intelligenza artificiale, la società si è concentrata esclusivamente sull‘autotrasporto a lungo raggio per il mercato statunitense e sul trasporto di merci dai porti in Cina, perché Hou ha capito che era un modo più veloce per creare un business che generasse entrate. (TuSimple, tra l’altro, è anche membro straordinario dell’elenco delle 50 aziende di intelligenza artificiale più promettenti secondo Forbes)

Navistar vende annualmente circa 35.000 veicoli negli Stati Uniti e in Canada con il proprio marchio internazionale e dispone di un proprio team di ingegneri interno che sta lavorando su una tecnologia autonoma. Collaborerà a stretto contatto con TuSimple “per rafforzare la personalità del veicolo”, afferma Chris Gutierrez, ingegnere capo del team Advanced Driver Assistance System di Navistar.

“Qui c’è un po’ più di un semplice software e hardware”, afferma. “Una cosa è dire che questo camion si fermerà e girerà quando sarà necessario, ma come interagisce con altri conducenti e diventa un buon pilota? Come insegniamo al camion quando è opportuno attivare l’indicatore di direzione prima di cambiare corsia; quanto velocemente far cambiare quella corsia; e poi quando cambia il suo segnale di svolta alla fine di quella corsia? ”

Questi sono solo alcuni degli elementi da perfezionare in vista del lancio di autocarri autonomi derivanti dalla partnership, insieme a sistemi ridondanti per una maggiore sicurezza e l’aggiornamento dell’architettura elettrica in modo che i camion possano facilmente ospitare computer, fotocamere digitali, radar e sensori laser che le piattaforme richiedono.

La posizione azionaria di minoranza di Navistar in TuSimple è “la prima fase del nostro approccio in due fasi e del processo di sviluppo”, afferma Lisboa. “Avremo lo sviluppo congiuntamente con i clienti e poi passeremo alla fase due, che è più della convalida finale prima di entrare in produzione nel 2024.”

Nel frattempo, TuSimple sta spingendo per mettere a punto il suo software in modo tale che sia pronto a funzionare senza un autista di sicurezza al volante entro la fine del 2021. Ha generato diverse entrate negli ultimi due anni con una flotta che ora ammonta a 40 camion dal suo deposito di ingegneria a Tucson, in Arizona. Questo mese, inoltre, ha annunciato l’intenzione di gestire una rete di trasporto autonoma con i partner UPS, US Xpress, Penske Truck Leasing e Berkshire Hathaway e McLane, società di servizi alimentari che si estende per 1.100 miglia da Phoenix a Houston. Infine, mercoledì, le azioni di Navistar (quotate nella Borsa di New York) sono salite del 3,1% a 29,99 dollari per azione.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!