Seguici su
Business 13 Agosto, 2020 @ 10:07

I distributori dell’orsetto Trumpy stanno avendo qualche problema

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Un’immagine tratta dallo spot pubblicitario di Trumpy Bear – EXCEPTIONAL PRODUCTS Inc.

Articolo di Lisette Voytko apparso su Forbes.com

Il distributore del Trumpy Bear, un orsacchiotto di peluche da $ 40 che ricorda il presidente Trump e che viene pubblicizzato su canali via cavo come Fox News, ha detto a Forbes martedì di aver ricevuto centinaia di minacce relative al prodotto, comprese minacce di morte, e che una minaccia era tanto preoccupante da sollecitare un’indagine dell’FBI.

Aspetti principali

  • Elliott Bracket, vicepresidente di Exceptional Products (società nota per i gadget e i prodotti “visti in TV”, come l’acconciatore per capelli HairDini), supervisiona la promozione e la distribuzione di Trumpy Bear e ha detto a Forbes che le persone lasciano minacce, incluse quelle di morte, sulla casella di posta vocale dell’ufficio o, talvolta, tramite e-mail.
  • “Abbiamo avuto una [minaccia di morte] per la quale abbiamo dovuto fare riferimento all’FBI”, ha detto Brackett, aggiungendo: “ha detto che dovevamo morire e che il presidente doveva essere assassinato”.
  • Quell’uomo, che è rimasto anonimo, ha detto Brackett, ha chiamato tutti i telefoni in ufficio e ha lasciato una minaccia di morte sulla segreteria di ogni dipendente.
  • “Le autorità gli hanno fatto visita”, ha affermato Brackett, e l’uomo è stato inserito nella lista delle minacce tenute sotto osservazione dai servizi segreti nel caso Trump dovesse mai visitare la città in cui vive.
  • “Alla fine si tratta di un orsacchiotto arrabbiato”, ha detto Brackett, aggiungendo di credere che le persone reagiscano con forza al prodotto perché “Donald [Trump] attira solo emozioni estreme”.
  • L’FBI e i servizi segreti non hanno risposto alle richieste di commento di Forbes .

Punto critico

L’inventore del Trumpy Bear, V.L. Lange, ha detto a Forbes mercoledì di essere “straordinariamente triste che le persone minaccino un orsacchiotto”.

Citazione rilevante

“Non siamo un comitato di azione politica. Vendiamo un prodotto “, ha detto Brackett. “È solo una burla che piace alla gente e alla gente piace odiare.”

Il numero

10. E’ questo il numero di minacce che Exceptional Products ha ricevuto nei confronti di Trumpy Bear e che sono state inviate alle forze dell’ordine, ha detto Brackett.

Non è una parodia

Brackett ha detto che le persone spesso pensano che il Trumpy Bear sia uno scherzo o una parodia, e non un vero prodotto disponibile per l’acquisto. Il sito web di verifica dei fatti Snopes ha una pagina dedicata a dimostrare che Trumpy Bear è un oggetto reale.

Contesto di fondo

Uno spot del Trumpy Bear del 2017 , scritto, diretto e lanciato da Lange, si apre con una voce fuori campo che proclama: “Sta arrivando una tempesta”. La speculazione su Twitter ha collegato la frase alla teoria del complotto di QAnon, i cui seguaci credono che Trump stia combattendo un gruppo “deep state” di politici liberali, funzionari governativi e celebrità di Hollywood che gestiscono una rete globale di traffico sessuale. Per i non credenti di QA, “la tempesta” si riferisce a un momento nel futuro in cui Trump radunerà il presunto “stato profondo” e li arresterà, in una sorta di resa dei conti globale. Brackett ha detto che lo spot del Trumpy Bear del 2017 era precedente a QAnon. Brackett ha detto che il riferimento alla tempesta era dalla Bibbia, che Lange ha respinto. “Ci sono molti riferimenti alle tempeste nella Bibbia, ma l’ho inventato io stesso”, ha detto Lange. Brackett ha rifiutato di rivelare i numeri di vendita del Trumpy Bear. Ha detto, tuttavia, che le vendite dell’orso sono aumentate a marzo, cosa attribuita al maggior numero di persone che sono rimaste a casa a causa della pandemia di coronavirus e hanno così potuto vedere gli spot di Trumpy Bear in TV.

Lo spot pubblicitario del Trumpy Bear

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!