Seguici su
BrandVoice
8 Settembre, 2020 @ 9:30

SpinUp: la prima media tech company italiana

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Team SpinUp
Team SpinUp

Il marketing ha bisogno della tecnologia, come la tecnologia ha bisogno del marketing. È questo l’assunto alla base del core business di SpinUp, la prima media tech company italiana, che unisce finalmente due ambiti ritenuti “diversi” tra loro e che difficilmente, ancora oggi, si completano all’interno di una stessa azienda. Tecnologia e media che finalmente si parlano per generare prodotti digitali innovativi che “producono” marketing a performance

Fondata e diretta da Antonio Romano, SpinUp è una società di performance marketing, ossia una società che – come racconta il suo fondatore e ceo Antonio Romano – ha come core business la creazione, gestione e sviluppo di campagne marketing basate completamente sui risultati ottenuti.

“Entrando più nel dettaglio – racconta Antonio Romano – il performance marketing è un modello di marketing online in cui l’inserzionista paga solamente per i risultati ottenuti. Di conseguenza, noi, per esempio, ci occupiamo di creare delle campagne per i nostri clienti per ottenere una risposta da parte degli utenti. Per farlo, ci avvaliamo delle nostre tecnologie proprietarie che ci permettono di valorizzare al massimo ogni click acquistato e garantire al tempo stesso per i nostri clienti risultati importanti. “In sintesi – aggiunge Romano – siamo diventati il punto di riferimento in diversi settori: telco, energy, finance e insurance, collaborando con i principali player del settore raddoppiano i volumi di risultati raggiunti di mese in mese”.

antonio romano spinUp
Antonio Romano – ceo e founder di SpinUp

SpinUp: la crescita e i riconoscimenti

Partendo dall’assunto che SpinUp – rivela Antonio Romano – ingloba l’idea delle agenzie di marketing e di quelle tech visto che “per le prime la tecnologia non è un elemento fondamentale e per le seconde il marketing è quasi sconosciuto”, l’azienda napoletana, con sede anche a Milano, è andata incontro a una crescita senza precedenti nel corso degli anni.

Infatti, il suo fatturato è passato dai 203mila euro registrati nel suo primo anno di attività (SpinUp è stata fondata a gennaio del 2017) a 855mila del 2018, a 1.43 milioni di euro nel 2019 e, infine, a circa 3 milioni di euro in questo 2020 che si avvia alla conclusione. 

Ma non è tutto, come svela il suo ceo e fondatore, SpinUp ha ottenuto due importanti riconoscimenti: è tra le prime società italiane che è più cresciuta in termini di Tasso di crescita Medio Annuo (145%) e nel 2019 al MADCon Dubai è stata inserita tra le migliori 100 di marketing e advertising al mondo. 

Guardando al presente, “oltre al fatto che la pandemia da Covid-19 non ha influito in maniera negativa sui conti dell’azienda, visto che ovviamente sono diminuiti i contatti fisici a discapito di quelli virtuali”, SpinUp – come dichiara Antonio Romano – il 25 giugno ha acquisito il 100% di una business tech company milanese: Rewave Srl”. Operazione che le ha permesso di diventare la prima media tech company italiana, capace potenzialmente di sviluppare qualsiasi prodotto tecnologico e digitale. Grazie all’acquisizione, infatti, la società napoletana ha inglobato al suo interno tutto il know how a disposizione. E l’inserimento di un grande ed esperto team di full stack developer ne è la dimostrazione”.

Gli obiettivi futuri e la tentazione della Borsa

E se il presente è roseo, il futuro di SpinUp è una vera e propria sfida che la società è pronta ad affrontare con grande entusiasmo. “Noi vogliamo cogliere tutte le nuove frontiere e per farlo avremo sempre più bisogno di tecnologie superiori capaci di interagire a 360 gradi con l’utente”. 

Proprio per questo – evidenzia il suo fondatore – “oltre a valutare l’acquisizione di una società che lavora nel settore B2B, stiamo anche lavorando sui progetti interni e quindi organici. Il nostro obiettivo è quello di arrivare nel 2021 a raddoppiare il nostro fatturato e portarlo, quindi, a 6/7 milioni di euro. E per farlo continueremo a creare asset e prodotti tecnologici, compito per noi essenziale e fondamentale”. Proprio su quest’ultimo aspetto è importante evidenziare che al momento SpinUp può già contare su ben 10 prodotti altamente innovativi e digitali che mixano contemporaneamente emozionalità, istantaneità e interattività.

E proprio l’emozionalità, insieme alla continua voglia di crescere e volare verso l’Eden delle migliori aziende al mondo, è alla base di una delle più grandi delle suggestioni di SpinUp: la Borsa. “Partendo dal presupposto che nel 2021 vogliamo sia consolidare il mercato italiano sia aprirci a quello internazionale, uno dei nostri obiettivi, nel giro di tre anni, è l’integrazione con una società più grande. Per realizzarsi, però – conclude Antonio Romano – è fondamentale un aspetto: la nostra quotazione in Borsa”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!