Seguici su
Leader 9 Settembre, 2020 @ 1:08

Quanto (e a chi) ha donato finora in beneficenza Elon Musk

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Elon Musk
Elon Musk (Photo by Joshua Lott/Getty Images)

Articolo di Hayley C. Cuccinello apparso su Forbes.com

Quando Elon Musk, l’imprenditore dietro la casa automobilistica elettrica Tesla e la società aerospaziale SpaceX, ha firmato il Giving Pledge – promettendo di donare almeno metà della sua fortuna in beneficenza – nel 2012, valeva 2 miliardi di dollari. Otto anni dopo, è notevolmente più ricco e quindi ha molto di più da dare al prossimo.

Elon Musk è al settimo posto nella nuova classifica Forbes 400 degli americani più ricchi del 2020, con un patrimonio netto di 68 miliardi di dollari grazie all’enorme capitalizzazione di mercato delle azioni Tesla. E dopo che la classifica Forbes 400 è stata finalizzata (utilizzando i prezzi delle azioni al 24 luglio 2020), il patrimonio netto di Elon Musk è salito sopra i 100 miliardi di dollari a fine agosto per alcuni giorni. Poi, quando le azioni di Tesla sono scese un po’, il 4 settembre il patrimonio è sceso a 87,9 miliardi dollari.

Nella classifica Forbes 400 di quest’anno, abbiamo modificato la metodologia per ricavare il nostro score di filantropia in modo da prendere in esame l’importo totale delle donazioni in dollari che è stato elargito alle organizzazioni benefiche, piuttosto che contare i singoli dollari dati alle fondazioni di beneficenza. Come parte di questo sforzo, abbiamo verificato fino a che punto Musk è in linea con l’adempiere la sua promessa. Stimiamo che finora Elon Musk abbia donato circa 100 milioni di dollari in beneficenza. E poiché ha ceduto meno dell’1% del suo patrimonio netto, ha ricevuto un punteggio di filantropia pari a 1.

Elon Musk è un famoso miliardario povero di liquidità. Quasi tutta la sua ricchezza, ad eccezione di poche case, è impegnata nelle sue partecipazioni in Tesla e SpaceX, e ha conferito circa la metà delle sue azioni Tesla come garanzia per i prestiti. Il 49enne Musk ha detto che ha intenzione di aumentare le sue donazioni più avanti nella vita. Nel 2018, ha twittato che avrebbe venduto circa 100 milioni di dollari di azioni Tesla “ogni pochi anni” per beneficenza e che avrebbe effettuato “donazioni importanti in circa 20 anni quando Tesla sarà a regime”.

Ecco cosa sappiamo delle sue donazioni finora. Elon Musk ha donato circa 25 milioni di dollari a gruppi no profit attraverso la sua Musk Foundation da quando ha lanciato la fondazione nel 2002. Nel corso degli anni ha trasferito decine di milioni di dollari dalla sua fondazione a due fondi per donatori; un portavoce di Musk ha detto a Forbes che quei fondi hanno erogato sovvenzioni per un totale di circa 75 milioni di dollari. Poiché questi fondi sono un po’ come conti bancari filantropici, ovvero non presentano nessun obbligo di distribuzione annuale a enti di beneficenza né alcun obbligo di rivelare pubblicamente quando vengono concesse sovvenzioni, Forbes non ha considerato le elargizioni ai fondi, tranne quando i membri della classifica (come Musk) hanno condiviso i dettagli sulle sovvenzioni pagate da tali fondi.

La Elon Musk Foundation ha fornito 350 contributi dal 2002, di cui circa la metà, ovvero 17 milioni di dollari, destinati a organizzazioni no profit focalizzate sulla ricerca scientifica o sull’istruzione, tra cui Ad Astra (in latino “alle stelle”), la scuola privata sperimentale che Musk ha co-fondato nel 2014 nel campus di SpaceX, e frequentata dai suoi figli oltre che dai figli di alcuni dipendenti di SpaceX (secondo il suo profilo LinkedIn, la scuola ha interrotto le sue operazioni quest’anno e ha creato una nuova scuola, AstraNova, a Los Angeles). Il più grande contributo della fondazione fino ad oggi è stato un finanziamento di 10 milioni di dollari alla YC Org, un’entità affiliata al fondatore di Y Combinator Sam Altman, nel 2016. L ‘ “obiettivo generale” dell’organizzazione, secondo gli ultimi documenti depositati presso l’IRS, “è un’ulteriore ricerca scientifica che alla fine sarà resa disponibile gratuitamente al pubblico”.

YC Org è stata il veicolo di finanziamento di OpenAI, un’organizzazione no profit cofondata da Elon Musk e Altman nel 2015 per “far progredire l’intelligenza digitale a beneficio dell’umanità nel suo insieme, non vincolata dalla necessità di generare un ritorno finanziario”. Musk si è dimesso dal consiglio nel 2018, citando un potenziale conflitto di interessi in futuro poiché Tesla ha continuato a concentrarsi maggiormente sull’intelligenza artificiale. L’anno successivo, OpenAI ha creato una divisione a scopo di lucro che ha ricevuto un investimento di 1 miliardo di dollari da Microsoft. A maggio, Microsoft e OpenAI hanno rivelato un nuovo supercomputer costruito appositamente per “addestrare” i modelli d’intelligenza artificiale di grandi dimensioni di OpenAI.

Tra gli altri beneficiari troviamo l’Università della Pennsylvania (l’alma mater di Musk), la Wikimedia Foundation (che ospita l’amata Wikipedia di Musk ) e Kitchen Community (ora chiamata Big Green), un ente di beneficenza con sede in Colorado che amplia l’accesso dei bambini a cibi nutrienti creando orti scolastici, guidato dal fratello di Elon Musk Kimbal, che ha ricevuto 483.000 dollari dalla fondazione di Musk.

Elon Musk ha anche fatto donazioni ampiamente pubblicizzate: 10 milioni di dollari al Future of Life Institute, un’organizzazione no profit dedita a mantenere l’intelligenza artificiale “vantaggiosa per l’umanità”, 10 milioni di dollari per sponsorizzare il Global Learning XPrize e oltre 6 milioni di dollari al gruppo di difesa ambientale Sierra Club. Bloomberg ha riferito nel 2018 che Elon Musk ha chiesto al Sierra Club di rendere pubbliche le donazioni dopo essere stato criticato per aver donato alla campagna di alcuni politici repubblicani. (Il portavoce di Musk ha rifiutato di commentare).

È chiaro che se Elon Musk vuole davvero mantenere la promessa contenuta nel Giving Pledge ha il suo bel da fare. Per poter regalare metà della sua fortuna di 68 miliardi di dollari calcolata da Forbes in occasione della classifica dei 400 più ricchi d’America, dovrebbe regalare 2,3 milioni di dollari al giorno per i prossimi 40 anni.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!