Seguici su
Smart Mobility 25 Settembre, 2020 @ 5:13

Mobilità condivisa: i numeri della tendenza in Italia

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

La “sharing mobility” piace tanto agli italiani ed è destinata a crescere ancora nel biennio 2021-2022. Secondo l’International Center for Social Research —su un campione di 2 mila uomini e 2 mila donne di età compresa tra i 18 ed i 65 anni— il “sentiment” dei nostri connazionali è quello di incrementare ancora di più la mobilità in sharing qualunque siano i mezzi: dall’auto alle bici, passando per la mobilità cooperativa al monopattino.

La stragrande maggioranza degli italiani (82%) intende infatti «incrementare» o «incrementare molto» il ricorso alla smart mobility. E più specificamente per il car sharing a volerlo fare è il 74% degli italiani.

Il 16% del campione dice poi che l’utilizzo della mobilità condivisa sarà «costante» nel prossimo biennio. Una percentuale simile a quelle relativa al car sharing che segna un 23% di staticità.

Solo il 2% dichiara di voler «ridurre» o «ridurre di molto» il ricorso all mobility sharing da qui al 2022. Una percentuale anche in questo caso molto simile a quella relativa al car sharing che segna un 3% al ribasso.

Il fatto è che la sharing mobility continua a crescere in Italia. E dietro le quinte dei maggiori operatori —anche di quelli più famosi come il player delle Enjoy du Eni — c’è un big player finora rimasto nell’ombra. Stiamo parlando di GreenVulcano  che —con i suoi oltre 100 dipendenti ed un’esperienza consolidata in 20 anni di attività— è oggi uno dei laboratori di ricerca e sperimentazione più attivi del «made in Italy hi-tech».

«Oggi si contano 12 mila automobili, 3.000 scooter e 36 mila biciclette in sharing, per complessivi 50 milioni di spostamenti che saranno compiuti entro quest’anno —il 52% in più rispetto al 2018— con un’offerta che si fa sempre più verde, grazie all’aumento dei mezzi elettrici (oggi al 48% della flotta totale) e di veicoli sempre più leggeri e meno ingombranti» precisano gli esperti di GreenVulcano, da oltre 20 anni —appunto— sul campo nel mercato dell’innovazione tecnologica, con un forte orientamento all’integrazione e al mondo IoT. Tra i clienti di di GreenVulcano vi sono colossi mondiali come ALD Automotive, del Gruppo Société Générale, leader nel settore del noleggio a lungo termine in oltre 42 Paesi. E anche The Hurry, nella stessa nicchia di mercato.

Leggi anche: Helbiz verso l’acquisizione di Mimoto, sarà il primo operatore a offrire 3 diversi mezzi elettrici

 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!