Seguici su
Forbes Italia 15 Ottobre, 2020 @ 2:30

Come questo ristoratore ha reinventato la sua attività di catering

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Ristorazione: tavoli divisi da plexiglass per evitare il contagio di Covid 19
(shutterstock.com)

Articolo di Chloe Sorvino su Forbes.com

Quando la pandemia ha colpito gli Stati Uniti a marzo, Greg Bandelin ha capito che la primavera sarebbe stata un periodo difficile per la Lion’s Wood Banquet Furniture. Il core business dell’azienda di Baltimora consisteva nella costruzione di banchi da buffet su rotelle e workstation per ristoranti, hotel, country club e case di cura, tutte chiuse per frenare la diffusione del Covid-19.

Ciò su cui non contava era l’improvvisa richiesta da parte di un’industria dell’hospitality in preda al panico costretta a reinventarsi in tutta fretta. Nel giro di pochi giorni, la società ha riadattato la sua fabbrica di circa 15.000 mq per servire un nuovo tipo di cliente, tra cui due dei principali ristoranti e sale per eventi a Los Angeles. Il Sofi Stadium, la sede recentemente inaugurata da 5 miliardi di dollari del Super Bowl del 2022, aveva bisogno di centinaia di piatti da portata coperti e carrelli di cibo riscaldati. L’hotel Waldorf Astoria a Beverly Hills ha chiesto un numero sufficiente di rivestimenti in plexiglass per proteggere i baristi che preparano i drink nel suo bar sul tetto e una postazione di benvenuto su misura per proteggere i suoi ospiti e le sue hostess.

“Devi scegliere di cambiare o morire, e non aver paura di correre rischi”, dice il 42enne ceo parlando dei suoi nuovi importanti clienti della California. “La California è stata un grande mercato. Abbiamo acquisito una base di clienti completamente nuova sulla quale abbiamo sempre voluto affacciarci”.

La preoccupazione si è trasformata in fretta. Le vendite della Lion’s Wood sono aumentate del 50% negli ultimi 12 mesi (fino ad agosto) a 16 milioni di dollari, la maggior parte dovuta alla domanda alimentata dalla pandemia. È una richiesta che Bandelin è in grado di soddisfare in modo unico. Grazie a una strategia di creazioni personalizzate, nessun debito e tempi di consegna di 48 ore, Lion’s Wood si è trovata libera da un magazzino pieno di stampini per biscotti, tavoli da buffet self-service e altri pezzi, ormai obsoleti, dandogli un vantaggio competitivo sui tre player molto più grandi che comandano il mercato.

“Molte persone possono capovolgersi molto rapidamente”, dice Bandelin dei concorrenti. “Ma ordina su Amazon Prime, guarda se si adatta alle tue esigenze. Non puoi avere qualcosa che sembra non debba essere lì. Se un commensale sta mangiando un piatto da 500 dollari, [l’ambiente] deve essere ad un livello superiore”.

La domanda è forte anche per i marchi più tradizionali. L’azienda ora vende principalmente sale da pranzo al coperto e mobili da bar riproposti per la pandemia, compresa la realizzazione di divisori in plexiglass per la catena di pub Clyde’s e negozi di alimentari. I franchisee di Golden Corral vengono da lui per chiedere aiuto nel ripensare un concetto basato sul buffet comune.

Greg Bandelin è entrato a far parte di Lion’s Wood quattro anni fa. Abbandonato il college ed ex proprietario di un caffè, stava cercando un nuovo progetto quando l’amica di sua moglie gli ha parlato di una bizzarra opportunità: il suo vecchio patrigno, Bosley Wright, aveva una piccola impresa che produceva mobili per sale da pranzo, nessun erede e bisogno di un giovane leader che potesse intervenire e farlo proprio. Bandelin, uno sperimentatore per natura, ci è saltato addosso, imparando rapidamente dopo averlo fatto che il lavoro poteva essere più grande del previsto.

“I tempi di consegna erano terribili, il controllo di qualità era un problema”, ricorda Bandelin. “Potevamo essere tenuti in ostaggio a metà ordine per gli aumenti dei prezzi, e a quel punto cosa fai? In fin dei conti, era in gioco la reputazione dell’azienda. Ho deciso che se questa azienda voleva sopravvivere e crescere, dovevamo agire”.

Ha acquisito una società di mobili più piccola e, nel 2017, si è trasferito in una struttura più grande per accogliere il nuovo volume. Lo ha costruito da zero, aggiungendo alla fine un negozio dedicato a pezzi metallici. Ogni aggiunta gli ha dato un maggiore controllo sulla progettazione e sull’output del prodotto.

“Questo è stato il cambiamento di mercato più rapido nella mia vita”, afferma Greg Bandelin. “L’intero settore è cambiato. Con il mio modello, siamo spinti ad espanderci man mano che acquisiamo più quote di mercato e apriamo in altri settori oltre l’hospitality, ma posso anche controllarlo”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!