La startup che hackera gli iPhone per l’FBI riceve 47 milioni da investitori privati

(Photo by Drew Angerer/Getty Images)
Share
(Photo by Drew Angerer/Getty Images)

Articolo di Thomas Brewster apparso su Forbes.com

Grayshift, la startup dietro una delle tecnologie di hacking per iPhone preferite dal governo degli Stati Uniti, ha raccolto 47 milioni di dollari di finanziamenti. È una cifra enorme per un’azienda di analisi forense del telefono, soprattutto per una che si concentra quasi esclusivamente sull’infrangere la sicurezza del famoso dispositivo Apple.

Il Graykey di Grayshift, la cui esistenza è stata rivelata per la prima volta da Forbes nel 2018, è utilizzato da una vasta gamma di agenzie federali, da quella responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell’immigrazione (U.S. Immigration and Customs Enforcemente) a quella per la sicurezza delle frontiere e del controllo delle doganale (U.S. Customs and Border Protection), fino all’Fbi e allo studio ovale del presidente americano. Come rivelato da una recente ricerca dell’organizzazione no profit Upturn, viene utilizzato anche da un numero enorme di agenzie di polizia locali in tutta America.

Il round, condotto da PeakEquity Partners, mostra come gli investitori siano felici di andare alla grande su quella che alcuni vedono come una tecnologia potente ma controversa. Come ha affermato Upturn nel suo rapporto, l’uso diffuso di strumenti forensi come la GrayKey “rappresenta una pericolosa espansione dei poteri investigativi delle forze dell’ordine”. “Data la routine odierna di queste ricerche, insieme alle politiche e alle pratiche di polizia razzista, è più che probabile che queste tecnologie influiscano in modo disparato e vengano utilizzate contro le comunità di colore”, ha scritto Upturn.

David Miles, fondatore e amministratore delegato di Grayshift, si è vantato che nell’ultimo anno la sua azienda ha raddoppiato i ricavi, la clientela e i suoi dipendenti. “Questo investimento convalida l’innovazione di Grayshift e il modo in cui stiamo trasformando questo settore”, ha affermato lo stesso Miles.

Ma non tutti sono convinti delle capacità a lungo termine di Grayshift, dato il costante miglioramento della sicurezza dell’iPhone da parte di Apple. Si ritiene che GrayKey sia in grado di hackerare iPhone fino al modello 11, anche se non è chiaro quanto sia efficace lo strumento contro l’iPhone 12. “È molto probabile che non possano fare molto, se non proprio niente, con l’iPhone 12 e iOS 14 “, ha affermato Vladimir Katalov, ceo di un’altra società forense, Elcomsoft. “Forse vogliono solo incassare”.

Miles non ha risposto a una richiesta di intervista. La società ha voluto evitare la stampa poiché si concentra sull’espansione della sua portata attraverso il governo. Secondo i registri del contratto governativo, negli ultimi due mesi, Grayshift si è assicurato un accordo da 900.000 dollari con Ice e più contratti con l’Fbi e la Dea.

In precedenza, Forbes aveva rivelato che Grayshft intendeva passare all’hacking dei dispositivi Android per i suoi clienti governativi. Tuttavia, il servizio non è ancora arrivato sul mercato.