Su chi investirà Black Ambition, l’acceleratore di startup lanciato da Pharrell Williams

Il rapper e produttore Pharrell Williams ha lanciato un incubatore di startup. (Photo by Alberto E. Rodriguez/Getty Images for Children’s Hospital Los Angeles)
Share
Pharrell Williams
Il rapper e produttore Pharrell Williams ha lanciato un incubatore di startup. (Photo by Alberto E. Rodriguez/Getty Images for Children’s Hospital Los Angeles)

Articolo di Monica Melton apparso su Forbes.com.

Il produttore e rapper Pharrell Williams combina il suo spirito imprenditoriale e il suo attivismo con il lancio di Black Ambition: un incubatore per imprenditori afroamericani e latinoamericani che vogliono lanciare startup nei settori della tecnologia, del design, della sanità e dei prodotti di consumo. Williams, 47 anni, è il volto di un’iniziativa che assegna premi che comprendono il milione di dollari per la competizione nazionale e i 250mila dollari del riconoscimento Università storicamente afroamericane (Historically black colleges and universities, Hbcu). Le competizioni, annunciate mercoledì, si svolgeranno in contemporanea. La somma sarà molto utile per sostenere le attività fondate da afroamericani e latinoamericani, ma Williams e le organizzazioni partner puntano soprattutto sul tutoraggio e sulla formazione per ridurre le disuguaglianze di benessere e opportunità dovute a ragioni razziali.

“I fondatori bianchi di società di venture capital e private equity rappresentano più dell’80% di coloro che ricevono finanziamenti”, ha dichiarato Pharrell a Forbes. “Gli afroamericani rappresentano invece meno dell’1%. Che sia un premio da 15mila o da 250mila dollari, se i fondatori vincono qualcosa, ottengono il tutoraggio e l’impalcatura strategica. Stiamo preparando i fondatori in modo che le probabilità siano a loro favore: è questo che fa la differenza”.

L’iniziativa guarda alle università storicamente afroamericane come terreno fertile per le aziende leader di domani e per idee innovative, che Pharrell e gli altri fondatori sperano possano attrarre ulteriori capitali.

“Parte di ciò che farà Black Ambition sarà dire: ‘Ecco delle persone su cui si può investire, che creeranno le prossime grandi aziende del futuro’”, afferma Willa Seldon, partner di Bridgespan, società di consulenza filantropica e no-profit che collabora con Black Ambition. “Tra i venture capitalist si sta creando maggiore varietà etnica, ma continua a mancare il capitale per questi nuovi protagonisti. Fare di più su questo fronte è anche nell’interesse dei maggiori finanziatori, perché si tratta di una grande opportunità di mercato”.

Nel 2019 la popolazione afroamericana e latinoamericana – rileva Seldon – ha speso in tutto tre trilioni di dollari. “È un mercato su cui vale la pena di investire”, dice. Mentre queste comunità e gli imprenditori che creano riceveranno maggiore attenzione da parte degli investitori, i fondatori di Black Ambition stanno cercando anche aziende in grado di cogliere la sensibilità dei consumatori. Ciò significa anche che le aziende devono fare qualcosa di più che costruirsi una facciata di responsabilità sociale: devono praticarla.

Sull’onda della tumultuosa estate che ha visto l’uccisione dell’ennesimo uomo afroamericano disarmato, George Floyd, e un’impennata dei casi di coronavirus, le grandi aziende hanno fatti grandi promesse e, in alcuni casi, hanno staccato grandi assegni. Alcuni mesi dopo, molti sono desiderosi di vedere risultati concreti e il mantenimento delle promesse fatte.

“Quest’estate tutti i nostri marchi preferiti si sono impegnati a fare meglio e questa è un’opportunità per loro di far vedere che parlavano sul serio, in un modo significativo e di grande impatto”, ha dichiarato Darla Vaughn, responsabile del brand marketing dell’etichetta discografica e multimediale di Pharrell Williams, I am OTHER. “Insieme possiamo dissipare luoghi comuni secolari e triti, i miti sulla presunta inesistenza di talenti afroamericani e latinoamericani. Black Ambition dà alle aziende l’opportunità di avere davvero un ruolo nello smantellamento di sistemi oppressivi”.

L’iniziativa ha raccolto finanziamenti per una cifra al momento non divulgata da parte, tra gli altri, di Adidas, Chanel, Chan Zuckerberg Initiative, Rockefeller Foundation e Visa Foundation. È anche alla ricerca di partnership con ulteriori aziende per offrire tutoraggio. A questo scopo, Black Ambition ha coinvolto anche le risorse di altri acceleratori e associazioni no-profit già affermati, come United Negro College Fund (Uncf) e TechStars. Tutti coloro che sottoporranno la loro candidatura per Black Ambition otterranno accesso agli studi di Betaworks, un’azienda che si rivolge alle startup e alle società ancora in fase embrionale che si trovano per la prima volta a interagire con i consumatori. I partner che fanno parte delle Hbcu includono Norfolk State, una università della Virginia, e la Florida A&M University.

I vincitori dei premi della prima edizione di Black Ambition saranno annunciati nel luglio 2021. Gli studenti, gli ex studenti e gli studenti immatricolati nelle Hbcu a cui non è stata conferita una laurea sono invitati a partecipare.

“Le istituzioni afroamericane hanno fatto moltissimo per noi”, ha affermato Pharrell. “Essere loro partner è di per sé una presa di posizione. L’obiettivo, però, è di portare a compimento le ambizioni degli afroamericani”.