Airbnb vola a Wall Street. Ora vale più di Marriott, Hilton e Hyatt messi insieme

airbnb le azioni volano
I tre fondatori di Airbnb da sinistra a destra: Joe Gebbia, (cfo), Nathan Blecharczyk (cto) and Brian Chesky (ceo) – Photo by Mike Windle – Getty Images for Airbnb)
Share
airbnb le azioni volano
I tre fondatori di Airbnb da sinistra a destra: Joe Gebbia, (cfo), Nathan Blecharczyk (cto) and Brian Chesky (ceo) – Photo by Mike Windle – Getty Images for Airbnb)

Articolo di Jonathan Ponciano apparso su Forbes.com

Un giorno dopo il grande debutto sul mercato pubblico di DoorDash e nel dicembre da record in termini di Ipo registrate, le azioni di Airbnb, durante il tanto atteso primo giorno di negoziazione, sono andate incontro a un rally stellare del 120% che ha spinto la capitalizzazione di mercato dell’azienda a oltre cinque volte rispetto all’ultima valutazione di mercato. E questo nonostante la crisi che la pandemia ha innescato sul settore dei viaggi.

Fatti principali

  • Quotate sull’exchange Nasdaq il ticker ABNB, le azioni della piattaforma di affitti privati hanno iniziato a essere negoziate intorno alle 13:35 (ore americane) e sono immediatamente volate da 68 dollari per azione (il prezzo di offerta registrato alla chiusura di mercoledì) a oltre 150 dollari per azione.
  • Il boom del prezzo delle azioni ha aumentato la valutazione dell’azienda a circa 103 miliardi di dollari. Precedentemente, in seguito all’ultimo round di finanziamento di aprile, la valutazione era di 18 miliardi di dollari.
  • Con sede a San Francisco, Airbnb ha raccolto circa 3,5 miliardi di dollari con la sua quotazione in Borsa, secondo la piattaforma finanziaria Dealogic, superando i 3,4 miliardi di dollari raccolti da DoorDash martedì. In questo modo è diventata la terza ipo più grande dell’anno.
  • “Non so cosa dire”, ha detto giovedì mattina il ceo di Airbnb, Brian Chesky, a Bloomberg Tv alla luce delle indicazioni del possibile rally di mercato, prima che le azioni iniziassero a negoziare. “Maggiore è il prezzo delle azioni, maggiori sono le aspettative”.
  • Lunedì la società ha aumentato il suo target price da 56 a 60 dollari (che avrebbe valutato l’azienda circa 35 miliardi di dollari), oltre le aspettative iniziali e superando i  50 dollari per azione.
  • Giovedì, quando Airbnb ha iniziato la sua giornata di negoziazione, Wall Street è andata incontro a una giornata decisamente senza squilli particolari: è stata tiepida quando Airbnb ha iniziato a fare trading, con l’S&P 500 e il Dow Jones Industrial Average entrambi praticamente invariati, mentre il Nasdaq ha guadagnato lo 0,6%.

Contesto

Dopo anni in cui, secondo quanto riferito a Bloomberg, il ceo della società ha evitato di quotare in Borsa Airbnb, optando invece per i finanziamenti di venture capital, Brian Chesky nel 2019 ha ceduto alle pressioni degli investitori, dicendo che la società sarebbe diventata pubblica quest’anno. Dopo che la pandemia ha sconvolto gli affari di Airbnb in primavera, alcuni analisti dubitavano che Airbnb potesse portare a termine i suoi piani, ma, secondo alcune indiscrezioni, Brian Chesky avrebbe già firmato per realizzare l’ipo a fine luglio. Intanto, coloro che hanno abbandonato le città hanno contribuito a sostenere gli affari di Airbnb, mentre il coronavirus continuava a diffondersi in tutto il paese e la società presentava l’istanza di quotazione in Borsa a novembre, rivelando un profitto a sorpresa di 219 milioni di dollari nel terzo trimestre, sebbene non avesse mai realizzato un profitto annuale. Brian Chesky ha co-fondato Airbnb con Nathan Blecharczyk e Joe Gebbia nell’agosto 2008, dopo un’idea nata da una conferenza di design. E ora tutti e tre sono miliardari.

Citazione

“Anche se Airbnb si è ripresa dal pugno nello stomaco dei primi giorni della pandemia, la linea di tendenza sta diventando negativa: la piattaforma ha visto una diminuzione sia dell’acquisizione degli utenti. sia della frequenza degli ordini da luglio 2020 che si è ulteriormente ridotta a causa di un settore degli alloggi in contrazione”, ha osservato la società di dati sulla spesa dei consumatori Cardify in un rapporto pre-Ipo. “Tuttavia, Airbnb rimane un attore molto in questo settore, vedendo una quota crescente del mercato, mentre le catene alberghiere tradizionali lottano per rimanere a galla”.

Fatto sorprendente

La capitalizzazione di mercato di debutto di Airbnb è superiore a quella delle tre maggiori catene alberghiere della nazione messe insieme. Giovedì, Marriott International, Hilton Worldwide e Hyatt Hotels avevano capitalizzazioni di mercato rispettivamente di 43 miliardi, 39 miliardi e 8 miliardi di dollari.

A cosa guardare

Le ipo di dicembre sono tutt’altro che finite. Altre tre ipo big-tech sono previste per questo mese, anche se le date specifiche devono ancora essere fissate. La piattaforma di gioco Roblox, la startup fintech Affirm e la piattaforma di e-commerce di sconti Wish hanno dichiarato che stanno cercando di raccogliere rispettivamente 1 miliardo, 100 milioni e 1,1 miliardi di dollari.

In cifre

9 miliardi di dollari. Questo è più o meno l’aumento che si apprestano a raggiungere  le sei offerte finora annunciate per dicembre. Sarebbe un vero e proprio record, in quanto il massimo che è stato raccolto a dicembre è di 8,3 miliardi nel 2001 e nel 2003, secondo i dati di Bloomberg.