Pagani Huayra, le immagini dell’edizione limitata da 5,5 milioni dedicata alle Frecce tricolori

Pagani Huayra tricolore
Share
Pagani Huayra tricolore
La Pagani Huayra Tricolore (foto Pagani)

La Pagani Huayra Tricolore è l’unione di due eccellenze tutte italiane: le Frecce tricolori e l’azienda automobilistica fondata da Horacio Pagani nel 1991. Si tratta dell’edizione limitata della hypercar Pagani Huayra, realizzata nella tiratura limitata di tre unità per celebrare i sessant’anni della pattuglia acrobatica più famosa al mondo. 

La base è quella della Pagani Huayra Roadster BC, che è stata chiaramente personalizzata per conformarsi allo stile degli iconici jet Aermacchi MB-339A P.A.N. utilizzati dalla pattuglia acrobatica dell’Aereonautica militare. 

La livrea è caratterizzata dal blu, presente in tutta la carrozzeria (comprese le finiture dei cerchi in lega). In perfetto contrasto con il nero del carbonio, che ritroviamo nello splitter anteriore, sul cofano e sulle calotte degli specchietti. Le due fiancate sono ulteriormente caratterizzate dal tricolore, che si estende a tutta lunghezza. 

Gli ingegneri di San Cesario sul Panaro hanno cercato di migliorare i flussi aerodinamici della vettura, grazie all’introduzione di uno spitter anteriore maggiorato, di nuovi diffusori e di un’ala posteriore che si ispira al jet dell’Areonautica Militare. È stato inoltre eseguito un maniacale lavoro di alleggerimento della scocca.

Il design della Pagani Huayra Tricolore

Pagani Huayra tricolore

La personalizzazione della Pagani Huayra continua anche all’interno, dove, oltre ai sedili celebrativi in tinta bicolore bianco e blu, ritroviamo il solito tripudio steampunk che ha reso celebre la casa italiana: ogni singolo componente è il perfetto risultato tra tecnologia e artigianalità. Come il pomello del cambio, ricavato da un singolo blocco di alluminio e carbonio, che viene successivamente fresato attraverso un centro di controllo numerico a cinque assi e, infine, lucidato a mano con lo speciale trattamento trasparente. La casa ha rivisto tutti i singoli componenti dell’abitacolo nell’ottica dell’alleggerimento. I tappetini, per esempio, sono in materiali compositi.

A spingerla troviamo il poderoso V12 biturbo da 6mila sviluppato da Mercedes Amg, che sprigiona 840 cavalli e 1.100 Nm di coppia. È abbinato a un cambio automatico Xtrac Amt trasversale a 7 rapporti con differenziale elettromeccanico.

Tre esemplari esclusivi

Poiché si tratta di un progetto esclusivo, Pagani realizzerà solo tre esemplari, che avranno il prezzo unitario di 5,5 milioni di euro (più Iva). Ognuno dei tre esemplari della Huayra Tricolore riporta l’iconica numerazione che definisce i tre principali leader della formazione, generalmente composta da dieci velivoli:

Numero 0 – Il comandante: l’undicesimo membro della pattuglia che dirige il display da terra, nonché tutte le fasi della pianificazione delle missioni e dell’addestramento.

Numero 1 – Il capo formazione: guida la pattuglia durante tutte le manovre acrobatiche, determinando il ritmo di volo.

Numero 10 – Il solista: si separa dal gruppo nelle sequenze più spettacolari. Ha il compito di mostrare le elevate prestazioni del velivolo, rispettando i tempi di inserimento tra le figure della formazione.

Pagani Huayra tricolore