Sella & Mosca, cambio al vertice: Giovanni Pinna è il nuovo direttore generale

Share
Giovanni Pinna

Il nuovo amministratore delegato, Massimo Tuzzi, aveva annunciato già a ottobre che avrebbe apportato cambiamenti ai vertici delle aziende del gruppo Terra Moretti Vino. Da lunedì 14 dicembre Giovanni Pinna ha preso le redini di una delle realtà enologiche più longeve e conosciute della Sardegna. “L’azienda di famiglia ha delle basi molto più che solide da cui partire”, aveva dichiarato all’insediamento il manager friuliano. “Il mio mandato vedrà il capitale umano al centro del progetto. Cominceremo assieme a costruire sin da ora il nostro futuro”.

La viticoltura italiana affonda le sue radici nel tessuto agroalimentare familiare, che ha avuto nell’enologia uno dei principali fattori di sostentamento. Piccole produzioni familiari che hanno trasmesso, di generazione in generazione, la cultura e la passione per il vino. Ancora oggi il panorama viticolo italiano è costituito da numerosissime piccole realtà, ma esistono alcuni esempi virtuosi di famiglie che hanno trasformato la propria attività da hobbistica a imprenditoriale. È questo il caso della famiglia Moretti, che, capitanata da Vittorio e oggi guidata dalla figlia Francesca, è riuscita a unire nello stesso gruppo sei cantine di tre regioni, per oltre 1.150 ettari di vitato.

Terra Moretti e Sella & Mosca

Sella & Mosca, acquisita nel 2016 dal gruppo Terra Moretti Vino, nasce ad Alghero nel 1899. Un’iniziativa pionieristica a opera di due imprenditori piemontesi: l’ingegnere Erminio Sella, nipote del famoso statista Quintino Sella, e l’avvocato Edgardo Mosca. Vittorio Moretti, presidente di Holding Terra Moretti, è molto orgoglioso di questa realtà imprenditoriale, che ha fortemente voluto e desiderava da sempre. Si dice soddisfatto della scelta operata da Tuzzi. Ed è d’accordo con l’amministratore delegato anche Francesca Moretti, presidente del gruppo, che riconosce all’enologo le competenze e le doti umane necessarie per un ruolo così strategico.

Giovanni Pinna, enologo e docente universitario, da vent’anni in azienda, “è l’uomo giusto al momento giusto” secondo Sella & Mosca. Una figura che sposa appieno la “filosofia dei Moretti”, ove la terra – come recita il nome scelto per l’intero gruppo – rappresenta il vero e unico bene economico sul quale investire, per trasformare il mondo e riportarlo a un’armonia che generi un benessere diffuso.

Francesca Moretti nomina Giovanni Pinna
Da sinistra a destra: Francesca Moretti, la madre Mariella Bertazzoni e Vittorio Moretti (Courtesy: gruppo Terra Moretti Vino)

La scelta di Giovanni Pinna

“La scelta, operata in totale sintonia con la famiglia Moretti e con il management di Sella & Mosca, è ricaduta su Giovanni per la sua genuina integrità, l’attaccamento al lavoro, la conoscenza peculiare del territorio, le competenze, ma soprattutto per la grande stima di cui gode da parte di tutti i suoi colleghi”, dichiara Tuzzi. “Negli anni è riuscito con costanza e dedizione a elevare gli standard qualitativi dei nostri vini. Ne ha curato ogni aspetto e ha saputo andare sempre oltre la sua attività di enologo. Ha coltivato rapporti sinceri con i colleghi e costruito con loro un’autentica reputazione della cantina”.

Dal canto suo, Pinna abbraccia il pensiero morettiano e ringrazia Tuzzi. “Entrare a far parte di questo gruppo non solo dà la possibilità di confrontarsi con interlocutori di livello”, afferma, “ma permette di attuare strategie che pongano la qualità della viticoltura e dell’enologia in primo piano. Il dialogo diretto con la famiglia significa trasferire nei vini una storia, una filosofia produttiva, passione ed emozioni.” 

La vera sfida inizia ora per Sella&Mosca, chiamata a conciliare l’impronta della famiglia e la storicità di un’azienda che vuole tornare a essere autentica ambasciatrice della Sardegna a livello internazionale e rappresentare un modello di eccellenza, di bellezza e del saper fare tutto italiano.