Chi è l’imprenditore diventato miliardario grazie alle batterie dei vostri AirPods

Michael Tojner ha un patrimonio di circa 4,1 miliardi di dollari secondo Forbes. (MTC/Levon Biss)
Share

Articolo di Iain Martin apparso su Forbes.com

In una sala conferenze dalle pareti grigie alla periferia della città medievale bavarese di Nördlingen, il miliardario austriaco Michael Tojner sta giocando con una minuscola batteria. Il dispositivo, dalle dimensioni di una moneta, è una meraviglia tecnologica. Il congegno, che misura solo mezzo pollice circa, racchiude cento volte più energia di una batteria domestica da dieci volte il suo volume; può ricaricarsi completamente in soli 15 minuti e può durare cinque ore con una singola carica. Una versione molto più vecchia ha alimentato la fotocamera di Neil Armstrong durante lo sbarco sulla luna dell’Apollo 11. Quelle moderne alimentano le famose cuffie wireless AirPod Pro della Apple.

Le batterie sono anche una meraviglia finanziaria. Michel Tojner ha acquistato Varta, la società che li produce, per soli $ 40 milioni nel 2007. Due anni e mezzo fa, l’imprenditore seriale e venture capitalist ha quotato la società alla Borsa di Francoforte; ora ha una capitalizzazione di mercato di $ 2,8 miliardi. Commerzbank stima che Varta detenga una quota di mercato superiore al 50% per le batterie premium per cuffie wireless, che vantano straordinari margini del 40%.

Le vendite di AirPod Pro insieme agli accordi con Samsung, Jabra e Sony hanno portato i ricavi di Varta a salire del 34%, a $ 400 milioni, nell’anno fiscale 2019. La quota del 56% di Tojner più il successo dell’investimento – la stampa austriaca lo chiama “Mr. 300%”- ha permesso per la prima volta al 54enne, padre di sei figli, di entrare nella lista dei miliardari di Forbes.

“Con le microbatterie, siamo diventati il leader di mercato in un segmento che sta crescendo probabilmente dal 50% al 60% all’anno”, dice Tojner. “In dieci anni, nessuno avrà un telefono senza un dispositivo acustico. C’è un enorme potenziale di crescita”.

La Varta di Tojner è una piccola divisione sopravvissuta di una gigantesca azienda industriale tedesca, chiamata anch’essa Varta, fondata nel 1887, che estendeva la sua attività a prodotti farmaceutici, chimici, plastica e, sì, anche batterie. Dopo la fine della prima guerra mondiale, la famiglia miliardaria Quandt, conosciuta come gli azionisti più potenti della Bmw, ha acquisito la maggior parte dell’azienda. Quasi un secolo dopo, con il business farmaceutico e chimico da tempo scorporato, la Deutsche Bank e gli eredi Quandt hanno venduto alcune divisioni. Rayovac e Johnson Controls hanno acquistato la maggior parte del business delle batterie, ma il minuscolo business delle microbatterie è stato l’ultimo a essere venduto.

“Ero l’unico offerente rimasto per Varta perché nessuno osava acquistarla”, dice Michael Tojner. “Mi hanno venduto un’azienda con un flusso di cassa negativo. Ma avevamo pensato che si potesse migliorare perché avevamo un contratto con la Apple. Dopo un anno, una piccola batteria è esplosa. E abbiamo perso il contratto Apple. Eravamo sull’orlo del fallimento. La banca non era contenta e io ero nel dipartimento ristrutturazione perché non potevamo pagare i nostri interessi”.

L’esplosione della batteria dell’iPod Nano di Apple ha costretto Varta a rinunciare ai suoi 60 milioni di dollari di investimento in batterie ai polimeri di litio. Tojner e Herbert Schein, ceo di Varta, hanno raddoppiato le batterie agli ioni di litio a moneta, automatizzando la produzione per contrastare i concorrenti asiatici, che usavano manodopera a basso costo, spendendo in ricerca per aumentare significativamente la potenza.

(MTC/Levon Biss)

Il membro di lunga data del consiglio di amministrazione di Varta, Sven Quandt, dice che la sua famiglia ha preso in considerazione l’idea di fare delle offerte, ma c’è voluto Michael Tojner per trasformare la piccola azienda in un leader mondiale. “Queste società facevano parte di un grande gruppo imprenditoriale”, aggiunge. “Le persone non erano così concentrate sui profitti, sull’affidabilità, su come far crescere l’azienda. Michael è il fattore chiave”.

Il regno high-tech delle microbatterie e dei lucrosi contratti della Silicon Valley è un improbabile trespolo per un imprenditore vagabondo che ha iniziato vendendo gelati ai turisti.

Il castello di Schönbrunn, con 1.400 stanze, è stato per 300 anni la residenza estiva della famiglia degli Asburgo al potere in Austria ed è oggi uno dei monumenti più famosi del percorso turistico di Vienna. Fu anche l’inizio della carriera imprenditoriale di Tojner. Nel 1991, mentre studiava legge e gestione aziendale presso l’Università di Vienna, si è assicurato i diritti per gestire una gelateria all’interno del palazzo.

Tojner era un giovane uomo sempre di fretta e usò i profitti del chiosco di gelati per espandersi, in maniera confusionaria, in un’attività di vendita per corrispondenza di miscelatori da cucina all’Ungheria post-comunista, in locali notturni di Vienna e persino in una catena di negozi di mobili.

“Il gelato ha un margine ancora maggiore rispetto alle microbatterie, quindi è stata la base della mia vita imprenditoriale”, ricorda Michael Tojner. “Il periodo è stato abbastanza turbolento perché avevo 23, 24 anni, ed era tutto finanziato dal business dei gelati e da alcuni prestiti bancari. Sono quasi fallito”.

Dopo aver conseguito un dottorato in giurisprudenza e gestione aziendale, Tojner ha venduto le imprese e ha lanciato il proprio fondo di venture capital a Vienna. Ha ottenuto un grande successo con il portale di gioco d’azzardo online con sede a Vienna, Bwin, che ha quotato a una valutazione di 242 milioni di dollari nel 2000.

“Michael sta al denaro come Mozart sta alla musica”, dice Manfred Bodner, che ha lanciato diverse iniziative con Tojner, incluso Bwin, ed è stato testimone al suo matrimonio. “Lo adora e si diverte moltissimo a farne di più”.

Gli amici dell’università non gli hanno parlato per quattro anni dopo che Michael Tojner ha venduto la sua quota di Bwin e ha lanciato in seguito la sua impresa di gioco d’azzardo, Starbet. “Michael è estremamente competitivo”, continua Bodner. “Non è facile collaborare con lui. Molte persone sono rimaste ustionate”.

Lo stesso Michael Tojner se l’è vista brutta. È stato accusato di aver frodato i contribuenti per 43 milioni di dollari attraverso accordi per l’acquisto di alloggi pubblici a buon mercato. Lui nega ogni illecito, ma le indagini lo hanno reso famoso sulla stampa austriaca.

Pure il business delle microbatterie ha alcune ombre, con report secondo cui Samsung e altri clienti Varta hanno iniziato a utilizzare batterie dei produttori cinesi Eve Energy e MIC-Power, sconcertando analisti e investitori. Varta sta contrattaccando con un’azione legale, dopo aver presentato a febbraio una causa per violazione di brevetto in Texas. Ma le battaglie tecnologiche non vengono quasi mai vinte in tribunale.

“Penso che le aziende tedesche a volte siano molto frettolose nel sottovalutare il potenziale dei loro concorrenti asiatici, e questo purtroppo sembra essere il caso di Varta”, afferma l’analista di Commerzbank Stephan Klepp.

Robert-Jan van der Horst della Warburg Research afferma che gli ingenti margini di Varta saranno ridotti dalla concorrenza, ma il suo pesante investimento in robot manterrà le batterie made in Germany che escono dai suoi stabilimenti bavaresi. Van der Horst sottolinea che nella loro vecchia attività di apparecchi acustici, “in realtà impiegano solo 10 persone che producono un totale di 1,4 miliardi di batterie all’anno”. Il business delle microbatterie di Varta è altrettanto efficiente.

Qualunque sia il futuro, Michael Tojner sembra fiducioso che la sua tecnologia manterrà Varta leader di settore. “La nostra qualità è migliore, quindi è per questo che chiediamo tanto”, afferma. “Con Apple e Samsung, queste [cuffie] costano un sacco di soldi. La batteria, il componente più importante, costa forse 5 €, ma si impazzisce se non funziona dopo otto mesi”.