Seguici su
Leader 7 Gennaio, 2021 @ 10:41

Il Congresso certifica la vittoria di Biden dopo che i rivoltosi pro-Trump hanno invaso il Campidoglio

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Il Congresso certifica la vittoria di Joe Biden come presidente degli Stati uniti
Joe Biden (Photo by Chip Somodevilla/Getty Images)

Artico di Joe Walsh e Rachel Sandler su Forbes.com

Il Congresso ha certificato Joe Biden come il vincitore delle elezioni presidenziali del 2020 in una sessione congiunta che si è protratta fino alle prime ore del mattino di oggi dopo che i rivoltosi pro-Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio mercoledì in un violento tentativo di ribaltare i risultati delle elezioni.

Aspetti principali

  • I legislatori sono stati evacuati dal Campidoglio dopo che la folla vi ha fatto irruzione, ha vandalizzato gli uffici e ha occupato la camera del Senato.
  • I membri di entrambe le Camere si sono riuniti per una sessione congiunta alle 20:00. EST dopo che la polizia ha sgomberato il Campidoglio e hanno terminato il processo di certificazione alle 3:41 EST, votando contro i tentativi di sfidare le vittorie di Joe Biden in Pennsylvania e Arizona con ampi margini.
  • Diversi senatori repubblicani che inizialmente avevano pianificato di opporsi ai voti elettorali di Joe Biden in stati chiave del campo di battaglia hanno invertito la rotta e consentito la certificazione per andare avanti, tra cui Sens. James Lankford (Oklahoma), Kelly Loeffler (Ga.) E Mike Braun (Ind.).
  • Il senatore Josh Hawley (R-Mo.), che era una delle figure di spicco impegnate nello sforzo di sfidare la vittoria di Biden, ha votato contro la certificazione dei risultati in Arizona e Pennsylvania, dicendo in un discorso all’aula del Senato che il tema delle frodi elettori, di cui non ha fornito prove, dovrebbe essere sollevato al Congresso e non con la violenza.
  • Anche il senatore Ted Cruz (R-Texas) ha votato contro la certificazione della Pennsylvania e dell’Arizona, e altri sei senatori e oltre 130 rappresentanti si sono uniti a lui in almeno uno di quegli stati.

A cosa riporre attenzione

Il presidente Donald Trump non ha ancora concesso la vittoria a Joe Biden, ma non ha più alcun ricorso legale per impedire al democratico di insediarsi tra due settimane perché la certificazione del Congresso è stato l’ultimo passo costituzionale prima del giorno dell’inaugurazione.

Contesto

Donald Trump ha trascorso settimane a fare pressioni sui repubblicani del Congresso affinché si opponessero durante il conteggio dei voti elettorali in un tentativo all’ultimo respiro di invertire la sua sconfitta elettorale. Ha elogiato le dozzine di lealisti che si sono impegnati a sollevare obiezioni e ha pubblicamente attaccato tutti i repubblicani scettici e li ha minacciati con sfide, trasformando il compito cerimoniale di affermare i risultati delle elezioni presidenziali in una cartina di tornasole politica. Tuttavia, il risultato non è mai stato seriamente in dubbio: la maggioranza in entrambe le camere del Congresso ha sostenuto l’affermazione della vittoria di Joe Biden, compresa la maggior parte della leadership repubblicana del Senato.

Tangente

Alcuni repubblicani della Camera hanno tentato di opporsi ai voti elettorali in Georgia, Michigan, Nevada e Wisconsin. Quelle obiezioni sono fallite senza voto perché i rappresentanti non sono stati in grado di reclutare senatori per unirsi ai loro sforzi.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!