Seguici su
Business 11 Gennaio, 2021 @ 12:19

Sanofi si rilancia con gli anticorpi monoclonali e acquista l’inglese Kymab per oltre 1 miliardo

di Massimiliano Carrà

Staff

Scrivo di finanza, sport e attualitàLeggi di più dell'autore
chiudi
sanofi acquisisce Kymab
Augustin Detienne -Capa Pictures

A un mese esatto dall’annuncio del flop dei risultati del suo vaccino anti Covid-19, Sanofi prova il rilancio. E lo fa acquisendo per 1,1 miliardi di dollari di Kymab, l’azienda biofarmaceutica in fase clinica che sviluppa anticorpi monoclonali completamente umani, con particolare attenzione alle malattie immuno-mediate e alle terapie immuno-oncologiche.

Comunicata in una nota ufficiale proprio nella giornata odierna, l’acquisizione dell’azienda con sede a Cambridge prevede, oltre al pagamento anticipato di 1,1 miliardi di dollari, un ulteriore esborso economico da parte di Sanofi che potrebbe arrivare, in base al raggiungimento di determinati traguardi, fino a 350 milioni di dollari. Ciò significa che l’operazione avviata dalla società farmaceutica francese – che da luglio è andata incontro a una discesa in Borsa del 13% – potrebbe avere un costo totale di 1,45 miliardi di dollari (che Sanofi prevede di pagare in contanti).

LEGGI ANCHE:Super-acquisizione per i ‘Signori Amuchina’, Angelini rileva Arvelle per quasi 1 miliardo di dollari

Sanofi e Kymab: i dettagli dell’acquisizione

Grazie a questa acquisizione di Kymab, Sanofi avrà pieni diritti globali sul KY1005, un anticorpo monoclonale completamente umano che ha un nuovo meccanismo d’azione e che si lega, come riferiscono le due aziende nel comunicato congiunto, a OX40-Ligand. Ciò permette al KY1005 di poter potenzialmente trattare un’ampia varietà di malattie immuno-mediate e disturbi infiammatori.

“L’acquisizione di Kymab aggiunge KY1005 alla nostra pipeline dinamica, un potenziale trattamento di prima classe per una serie di malattie immunitarie e infiammatorie. Il nuovo meccanismo d’azione può fornire un trattamento ai pazienti con risposte non ottimali alle terapie disponibili”, ha affermato Paul Hudson, amministratore delegato di Sanofi. “Dal nostro lavoro in corso sulle malattie immunologiche debilitanti comprendiamo quanto sia fondamentale trovare il trattamento giusto per ogni paziente. Non vediamo l’ora di sviluppare rapidamente questo farmaco sperimentale “.

“L’ accordo è una testimonianza dell’impegno, della guida e della competenza dell’intero team Kymab e siamo lieti di ricevere questo sostegno da Sanofi”, ha aggiunto Simon Sturge, amministratore delegato di Kymab . “Con le sue notevoli risorse globali, Sanofi è il partner perfetto per il progresso di Kymab e la fusione sarà essenziale per far sì che le nuove terapie siano disponibili più velocemente per i pazienti”.

KY1005: anticorpo promettente per disturbi infiammatori

Nell’agosto 2020, Kymab ha annunciato che KY1005 ha raggiunto entrambi gli endpoint primari in uno studio di fase 2a che studia pazienti con dermatite atopica da moderata a grave, la cui malattia non è adeguatamente controllata con corticosteroidi topici. KY1005 ha dimostrato un effetto del trattamento coerente rispetto al placebo in vari endpoint chiave, tra cui l’Eczema Area and Severity Index (EASI) e ulteriori misure cliniche oggettive.

“Questa acquisizione è in linea con la nostra strategia di indirizzare i percorsi di malattie di fondamentale importanza”, ha affermato John Reed, MD Ph.D., Global Head di Ricerca e Sviluppo presso Sanofi. “Riteniamo che OX40L, un regolatore immunitario chiave, abbia il potenziale per riequilibrare il sistema immunitario senza sopprimerlo, fornendo un nuovo approccio promettente per il trattamento di una serie di malattie immuno-mediate “.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!