Il valore di mercato di Ether schizza di 20 miliardi in un giorno, mentre il bitcoin rallenta. Ecco perché

ether, ethereum
Share
ether, ethereum
shutterstock

Articolo di Jonathan Ponciano apparso su Forbes.com

Ether, la seconda criptovaluta più grande al mondo, martedì ha flirtato con i nuovi massimi grazie al crescente interesse istituzionale. Il suo più grande rivale, invece, il bictoin, sta lottando per compensare le ingenti perdite. 

Aspetti chiave

  • Alle 16:30 (ore americane), il prezzo delle quotazioni di Ether è aumentato del 14% nelle ultime 24 ore, facendo crescere di 20 miliardi il suo valore di mercato (attualmente di 160 miliardi di dollari) e attestandosi a circa 1.400 dollari per token, dopo aver brevemente superato il massimo storico di gennaio 2018 di circa 1.433 dollari, secondo la società di dati crittografici CoinMarketCap.
  • Nell’ultima settimana, la criptovaluta sostenuta dalla rete blockchain di Ethereum è andata incontro a un aumento di oltre il 28%, mentre il prezzo del bitcoin – ancora giù del 10% rispetto al picco dopo il crollo della scorsa settimana – è incrementato solamente del 5%.
  • Grazie a queste performance, Ether è stata la miglior criptovaluta in termini di guadagni nell’ultima settimana. XRP di Ripple, litecoin e bitcoin cash sono aumentati infatti rispettivamente dell’1%, del 14% e, infine, dell’11%.
  • L’impennata di Ether è stata in parte alimentata da un’esplosione di finanza decentralizzata (soprannominata “DeFi” in breve) sulla blockchain di Ethereum, osserva Brian Norton, chief operating officer di MyEtherWallet, tant’è che c’è stato un aumento di 20 volte del valore dei token ether per sostenere i prestiti scaturiti da questa esplosione – da 1 miliardo di dollari di febbraio ai 20,5 miliardi di adesso).
  • “Ethereum gode di un numero di sviluppatori superiore a cinque volte rispetto al bitcoin e, inoltre, aggiunge continuamente e velocemente nuovi sviluppatori ogni giorno”, aggiunge Norton, sottolineando che un aumento dell’attività degli sviluppatori in genere stimola la domanda per il token nativo.

La citazione

“Anche se le sue quotazioni sono alte, il bitcoin ha completamente sottoperformato rispetto ai suoi rivali – se si considera che Ethereum, Litecoin e molte altre stanno crescendo velocemente e, contestualmente, chi investe in cripto si aspetta una fase di consolidamento per la più grande criptovaluta del mondo”, ha detto martedì l’analista di mercato senior di Oanda Edward Moya, notando che “la bolla sta crescendo come una mongolfiera” grazie alle continue pressioni inflazionistiche che continuano a far crescere, giorno dopo giorno, il mercato delle criptovalute, nonostante i continui avvertimenti dei regolatori. “Il cryptoverse sta crescendo di nuovo, e in questo momento molti trader, esperti proprio in questo asset, stanno diversificando il loro portafoglio, inserendo altre monete, perché hanno per paura che bitcoin possa andare incontro a un nuovo crollo se non dovesse raggiungere la quota di 41.500 dollari”.

LEGGI ANCHE:Febbre da Bitcoin: chi sono i nuovi miliardari nati dal boom delle criptovalute

Fattore critico

La candidata al Segretario al Tesoro del presidente eletto Joe Biden, Janet Yellen, ha definito le criptovalute una “preoccupazione particolare” per quanto riguarda il “finanziamento del terrorismo tecnologico”. Lo ha dichiarato nella sua audizione di conferma al Senato martedì mattina prima di emettere un appello per una maggiore regolamentazione nel web – aspetto già analizzato dagli osservatori di Wall Street che hanno capito che potrebbe sabotare il mondo criptovalute. “Penso che molti token siano, almeno in termini di transazioni, principalmente per finanziamenti illeciti, e penso che abbiamo davvero bisogno di esaminare i modi in cui possiamo ridurne l’uso e assicurarci che l’antiriciclaggio non avvenga attraverso quei canali “, ha detto martedì Yellen, ex presidente della Federal Reserve.

Scenario

Il massiccio rally del mercato delle criptovalute è stato alimentato in gran parte dalle preoccupazioni sull’inflazione e dall’adozione istituzionale, ma domenica scorsa il boom si è interrotto improvvisamente. Il valore di mercato totale delle criptovalute è sceso, in poche ore, da un massimo di mille miliardi a 900 miliardi, dopo che un rapporto del Sunday Times del Regno Unito ha fatto luce sulle misure di attuazione che le banche, tra cui HSBC, stanno adottando per bloccare i trasferimenti dagli scambi di criptovalute nel paese. Adesso il valore di mercato di tutti i token è nuovamente poco più di mille miliardi di dollari.

Aspetto sorprendente

“Solo una volta negli ultimi sette anni il bitcoin è aumentato nel quarto trimestre e poi è risalito nel trimestre successivo”, afferma William Quigley, gestore di fondi di criptovalute e cofondatore di Tether, la terza criptovaluta più preziosa per capitalizzazione di mercato. “Il primo trimestre è stato storicamente il peggior trimestre per bitcoin. In cinque occasioni, in sette anni, ha infatti fatto registrare un calo”.