Migliorare la salute mentale sul posto di lavoro: l’iniziativa dei leader globali, sostenuta dall’Oms

(Getty Images)
Share
(Getty Images)

Articolo di Robert Hart apparso suForbes.com

Se molte aziende stanno cercando di ricostruire diversi aspetti strutturali a causa della pandemia da Covid-19, contemporaneamente un gruppo di importanti amministratori delegati le sta esortando ad investire nella salute mentale dei dipendenti, lanciando un’iniziativa sostenuta dall’Oms.

Fatti principali

  • La Global Business Collaboration for Better Workplace Mental Health, lanciata lunedì, ha lo scopo di “aumentare la consapevolezza dell’importanza della salute mentale sul posto di lavoro e facilitare l’adozione delle pratiche migliori”.
  • I membri fondatori del gruppo – che includono amministratori delegati di BHP, Clifford Chance, Deloitte, Hsbc, Salesforce e Unilever – hanno esortato la comunità imprenditoriale a “dare la priorità all’investimento nella salute mentale di tutti i dipendenti” sia come necessità aziendale che come imperativo sociale, soprattutto a causa dell’impatto scaturito dalla pandemia di Covid-19 sulla salute mentale.
  • “La pandemia ha messo in luce la necessità di affrontare la salute mentale sul posto di lavoro”, ha affermato Punit Renjen, ceo di Deloitte, e “come leader aziendali, abbiamo la responsabilità di abbattere lo stigma associato a diversi problemi di salute mentale, come stress e ansia, per garantire che tutti possano prosperare sul lavoro “.
  • Nonostante i progressi fatti negli ultimi anni, il gruppo ha affermato che esiste ancora “uno stigma significativo sul posto di lavoro e pregiudizi legati alla salute mentale” e che molte politiche progettate per supportare i dipendenti non hanno un riscontro reale, portando in ultima analisi a una diminuzione della produttività e alla riduzione della soddisfazione del cliente, senza dimenticare che è notevolmente ridotto il cosiddetto benessere dei dipendenti.
  • Il gruppo sta incoraggiando i leader di altre aziende, grandi o piccole, a unirsi a loro nel portare avanti “il dialogo, disperatamente necessario, sulla creazione di un ambiente di lavoro aperto, accogliente e di supporto per tutti, soprattutto quando c’è in ballo la salute mentale”. Inoltre, i leader sono pronti a firmare un accordo comune che impegna la propria organizzazione a promuovere e sviluppare una cultura più positiva intorno alla salute mentale.

La citazione

Arnaud Bernaert, che dirige l’iniziativa Shaping the Future of Health and Healthcare al World Economic Forum, ha affermato che la pandemia da Covid-19 rende questo tipo di azione di gruppo ancora più urgente rispetto al passato. “Visto che oltre la metà degli adulti che lavorano ha rilevato di soffrire sempre di più di ansia e, contestualmente, di aver riscontrato una diminuzione della produttività sul lavoro a causa del Covid-19, l’azione coordinata e le partnership pubbliche-private si stanno dimostrando fondamentali per stimolare, a livello globale, l’azione tra i datori di lavoro per promuovere il benessere della loro forza lavoro ora e nel futuro”, ha detto.

Scenario

Gli sforzi per curare la salute mentale sono enormemente sproporzionati rispetto al prezzo elevato che comporta. Negli Stati Uniti, la National Alliance on Mental Illness afferma che un adulto su cinque soffre di malattie mentali all’anno e il suicidio è la seconda causa di morte tra le persone di età compresa tra 10 e 34 anni, mentre la depressione è una delle principali cause di disabilità in tutto il mondo. Sia le aziende che i governi non tengono il passo e l’OMS stima che solo il 2% della spesa sanitaria globale va alla salute mentale. Il problema stava crescendo prima della pandemia ed è stato esacerbato in tutte le lotte per gli effetti dell’isolamento, dello stress e della paura, con molti avvertimenti di una pandemia silenziosa di salute mentale che correva insieme alla pandemia di coronavirus.

LEGGI ANCHE: “Questi sono i migliori datori di lavoro nel mondo”

In cifre

Mille miliardi di dollari. Questa è, secondo le stime dell’OMS,  quanto costano ogni anno all’economia globale l’ansia e la depressione, i due stati di salute mentale più comuni.

Aspetto sorprendente

I soggetti guariti al Covid-19 corrono anche un considerevole rischio psichiatrico. Uno studio ha rilevato che a un paziente su cinque è stata diagnosticata una malattia mentale entro tre mesi dal risultato positivo. Ma non è tutto. I ricercatori hanno anche scoperto che quelli con malattie psichiatriche preesistenti avevano il 65% di probabilità in più di contrarre Covid-19. Una scoperta che, secondo i ricercatori, necessita di ulteriori indagini.