Albert Bourla, presidente e ceo di Pfizer
Investimenti

Le azioni Pfizer ai minimi da 10 anni: perché gli investitori si sono raffreddati

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Le difficoltà del titolo Pfizer non finiscono, mentre le azioni del colosso sanitario sono scese al livello più basso da prima della pandemia di Covid-19. L’azienda non è riuscita a convertire il boom dei vaccini in una crescita delle vendite a lungo termine.

Fatti principali

  • Pfizer ha dichiarato mercoledì che prevede che i ricavi per il 2024 saranno compresi tra 58,5 e 61,5 miliardi di dollari, rappresentando all’incirca una crescita pari a zero rispetto alle previsioni del 2023, ben al di sotto della media delle vendite previste dagli analisti per il 2024 di 62,6 miliardi di dollari, secondo FactSet.
  • In particolare, Pfizer ha affermato di aspettarsi che nel 2024 le vendite dei suoi prodotti Covid – pillole Paxlovid e vaccino Comirnaty – saranno di circa 8 miliardi di dollari, un calo di quasi il 90% rispetto ai circa 57 miliardi di dollari di entrate che la sua serie Covid ha portato lo scorso anno.
  • Le azioni di Pfizer sono crollate mercoledì, scendendo di circa il 9% a meno di 26 dollari nelle contrattazioni mattutine, toccando il prezzo intraday più basso dal 2013.
  • Si tratta del calo giornaliero più consistente per Pfizer dal gennaio 2009.

In cifre

-50%. Questo è il rendimento di un investimento in Pfizer quest’anno, compresi i dividendi, di gran lunga la più debole tra tutte le società quotate americane valutate più di 100 miliardi di dollari. L’S&P 500 è in rialzo di oltre il 20%.

Sullo sfondo

Altri produttori di vaccini anti-Covid quotati in borsa hanno faticato molto negli ultimi due anni poiché la domanda e i sussidi governativi per le vaccinazioni si sono esauriti. Le azioni di Moderna sono scese di circa l’85% rispetto al massimo del 2021 e le azioni di Johnson & Johnson sono scese di circa il 15% rispetto al massimo del 2022. Mentre le stelle dell’era pandemica svaniscono, le azioni delle aziende farmaceutiche pronte a trarre profitto dalla mania dei farmaci dimagranti sono aumentate vertiginosamente.

Il produttore di Mounjaro Eli Lilly e il produttore di Ozempic Novo Nordisk sono diventati quest’anno le due aziende farmaceutiche di maggior valore al mondo. L’incursione di Pfizer nei trattamenti per la perdita di peso non ha ancora impressionato gli investitori, e le sue azioni sono crollate del 5% all’inizio di questo mese dopo aver rivelato risultati clinici scoraggianti per il suo farmaco GLP-1.

Martedì, Pfizer ha dichiarato di aspettarsi che le autorità di regolamentazione approvino l’acquisizione da 43 miliardi di dollari del produttore di farmaci antitumorali Seagen, annunciata per la prima volta a maggio. Secondo le indicazioni di mercoledì, Seagen rappresenterà circa il 5% delle vendite di Pfizer nel 2024.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .