La vita alla “The Millionaire” di Ritesh Agarwal, il fondatore dell’Airbnb indiano

Ritesh Agarwal fondatore Oyo Rooms
(Wikimedia Commons)
Share
Ritesh Agarwal fondatore Oyo Rooms
(Wikimedia Commons)

Il film The Millionaire, vincitore di otto premi Oscar, ripercorre la storia di un ragazzo che, partito dalla miseria e dal degrado delle slum indiane, raggiunge il successo attraverso un percorso fatto di momenti difficili e intuizioni, che culmina nella partecipazione all’edizione indiana di Chi vuol essere milionario?. La pellicola si ispira a fatti veri, e nella realtà c’è, in effetti, una storia che si avvicina a quella raccontata da Danny Boyle. La vita di Ritesh Agarwal, fondatore dell’Airbnb indiano Oyo Rooms, assomiglia infatti a un copione pensato da un grande sceneggiatore.

La nascita di Oyo Rooms

Oyo Rooms nasce da un’esperienza diretta di Ritesh, compiuta quando già si era lasciato alle spalle gli anni più duri della sua vita. Times of India, infatti, ricostruisce il contesto in cui il piccolo Ritesh nasce e cresce. Nato a Bishama Katak e cresciuto nella piccola città di Rayagada, è figlio dei gestori di un piccolo negozio. Se non fosse diventato imprenditore, ricorda lui stesso, probabilmente avrebbe portato avanti l’attività di famiglia.

Nonostante la situazione difficile, Ritesh descrive i suoi primi anni come quelli di un bambino normale: “La mia infanzia è stata simile a quella di qualsiasi ragazzino di una piccola città. Sono cresciuto in una famiglia della classe media di Rayagada. Studiavo bene e facevo sport. L’unica differenza era che avevo grandi sogni: ho sempre saputo di voler essere un imprenditore”. Già a 13 anni, come ricostruisce Forbes India, Ritesh inizia a vendere schede sim per le strade per rimpinguare le entrate della famiglia.

Il viaggio a Nuova Delhi

La speranza di una vita diversa e migliore passa però da uno spostamento verso una grande città: Ritesh si mette in viaggio verso Nuova Delhi. Proprio nella caotica e gigantesca capitale indiana si accorge, anche per esperienza diretta, del problema degli alloggi e delle camere d’albergo. Una notte, racconta la Bbc, rimane infatti fuori dal suo appartamento e decide di cercare una stanza d’albergo. “La receptionist dormiva”, dice Ritesh. “Le prese elettriche in camera non funzionavano, il materasso era rotto, il bagno perdeva e, alla fine, non mi hanno fatto pagare con la carta. Ho pensato che il problema che avevo sperimentato io fosse comune anche a molti altri viaggiatori. Perché l’India non può avere buone camere d’albergo a un prezzo ragionevole?”.

L’idea c’è, ma servono anche il coraggio di provare a inseguirla e la fortuna di trovare qualcuno disposto a darle una spinta. Il primo lo mette lo stesso Ritesh, che decide di abbandonare l’università per dedicarsi al suo progetto: il primo hotel con cui inizia a sperimentare, riporta ancora la Bbc, è un albergo di Gurgaon, vicino a Delhi. La buona sorte, invece, si palesa con il nome di Peter Thiel, co-fondatore di PayPal, e la sua borsa di studio.

L’incontro tra Ritesh Agarwal e Peter Thiel

Come spiega Cnbc, si tratta di un programma lanciato da Thiel nel 2010, che assegna 100mila dollari a promettenti imprenditori che abbandonano l’università per sviluppare le loro idee. Tra i pochissimi selezionati, nel 2013, c’è anche Ritesh Agarwal, che ricorda come l’incontro con Thiel e il suo supporto siano stati determinanti: “Essere guidato da lui ha davvero cambiato la mia visione del mondo e mi ha dato una nuova prospettiva sull’imprenditorialità. Ho imparato a fidarmi del potere di un’idea, piuttosto che provare a costruire una versione indiana di un’azienda statunitense o cinese”. 

Un’idea che ha reso Oyo Rooms uno dei giganti mondiali del settore dell’ospitalità, grazie alla sua vastissima rete di strutture che mettono a disposizioni camere e alloggi in buone condizioni e a prezzi ragionevoli. Il Covid ha naturalmente colpito anche Oyo, come tutta l’industria dei viaggi, ma Ritesh continua a scommettere sulle potenzialità di un paese come l’India e di un settore come quello dell’ospitalità. “Il 2021 sarà l’anno della rinascita di Oyo”, ha detto, come si legge in un articolo di YourStory. “Ci concentreremo sulla creazione di prodotti ed esperienze di alto livello per i nostri ospiti, partner, dipendenti e tutto l’ecosistema Oyo”. Parola di Ritesh Agarwal.