Seguici su
Business 16 Gennaio, 2020 @ 10:42

Perché Jeff Bezos sta investendo un miliardo di dollari nelle Pmi indiane

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Jeff Bezos (Foto di David Ryder/Getty Images))

Articolo di Angel Au-Yeung per Forbes.com

Mercoledì scorso a Nuova Delhi, indossando una tradizionale giacca collo Nehru, il fondatore e ceo di Amazon, Jeff Bezos, ha annunciato che il colosso dell’e-commerce di cui è a capo investirà 1 miliardo di dollari per portare online le piccole e medie aziende indiane. Ha anche promesso che la sua piattaforma esporterà beni e prodotti Made in India per un totale di 10 miliardi di dollari entro il 2025.

La notizia – resa nota durante la due giorni Amazon Smbhav, un summit che ha lo scopo di far incontrare i titolari delle aziende indiane con i rappresentanti di Amazon ed altre figure executive – è stata accolta da un applauso.

Ma la benevolenza dimostrata da Bezos nei confronti della settima economia mondiale per valore del Pil era inevitabile. L’autorità antitrust indiana, infatti, ha appena avviato un’indagine su Amazon e Flipkart per ricorso a prezzi predatori e trattamenti preferenziali nei confronti dei loro marchi preferiti. L’esecutivo proviene inoltre da un anno di impegni volti a irrigidire i regolamenti sull’ecommerce nei confronti dei rivenditori stranieri, compresa una serie di norme che mirano a limitare la strategia di chi pratica forti sconti al fine di tutelare i player locali. In aggiunta, un’associazione che rappresenta milioni e milioni di piccoli e medi imprenditori indiani ha organizzato in 300 città del Paese proteste di piazza contro Amazon proprio in occasione della visita del miliardario Bezos.

L’uomo più ricco del mondo non ha rilasciato dichiarazioni sull’incontro con il primo ministro Narenda Modi. E un portavoce di Amazon non ha voluto offrire ulteriori chiarimenti sui contenuti del viaggio in India. Anche se l’annuncio che ha fatto Bezos dovrebbe aver ricevuto l’apprezzamento dal capo di Stato.

Il primo ministro Modi, infatti, che al suo secondo mandato sta ricevendo dure critiche per fomentare discriminazioni e violenze contro i musulmani che vivono in India, ha dichiarato lo scorso Novembre l’intenzione di voler fare del Paese un’economia da 5 trilioni di dollari entro il 2024. E nel 2018 il Pil valeva 2,6 trilioni di dollari.

Durante la sua visita, il miliardario di Amazon ha optato per una diplomazia leggera nei confronti dell’India. Ha postato sui social un video in cui rende omaggio al Raj Ghat, il memoriale dedicato al Mahatma Gandhi che si trova a Nuova Delhi, e un altro in cui fa volare gli aquiloni giocando con dei ragazzi.

Bezos ha anche concluso il suo intervento all’Amazon Smbhav con due dichiarazioni, rilanciate in un terzo video postato su Instagram: “Prevedo che il 21esimo secolo sarà il secolo dell’India. E sarà il secolo dell’alleanza tra Inidia e Stati Uniti, la più antica democrazia al mondo e la più grande”, ha detto prima di concludere con un inchino.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!