Nuovi finanziamenti per StockX: la piattaforma di reselling di sneaker ora vale 3,8 miliardi di dollari

Scott Cutler, ceo di StockX
Share

Nel 2018 la startup entrava nel “club degli unicorni” (società non quotate dal valore superiore al miliardo di dollari) registrando il più alto tasso di crescita per un’azienda negli Stati Uniti. Oggi StockX, tra le più important piattaforme di compravendita di sneaker e capi streetwear al mondo, ha concluso un’offerta pubblica di acquisto secondaria di 195 milioni di dollari e ulteriori 60 milioni in azioni primarie di serie E-1. Un totale di 255 milioni di finanziamenti che fanno salire la sua valutazione a 3,8 miliardi di dollari.

Ovvero il 35% in più rispetto alla valutazione di 2,8 miliardi di dollari a seguito del round di finanziamento di serie E di 275 milioni di dollari che la società aveva chiuso a dicembre 2020. Un risultato dunque che arriva dopo un altro anno di crescita record. “Questa notizia è indicativa dell’ampio riconoscimento e dell’entusiasmo per il valore a lungo termine dell’attività di StockX, nonché un crescente apprezzamento per l’esperienza offerta dal nostro marketplace”, ha affermato Scott Cutler, ceo dell’azienda. “I cambiamenti fondamentali nel comportamento di acquisto e di investimento dei consumatori forniscono un’immensa opportunità di crescita per StockX, che rappresenta il perfetto incontro tra l’offerta di beni di consumo e asset negoziabili”.

La sua ascesa inizia nel 2016, quando Josh Luber, grande collezionista di scarpe da ginnastica da oltre 30 anni, dà vita insieme a Dan Gilbert, patron della squadra di basket Cleveland Cavaliers, a quella che oggi è la più importante piattaforma di reselling. Su StockX è possibile vendere e acquistare sneaker, ma anche capi streetwear e accessori a tiratura limitata, in una modalità simile a quella dei mercati finanziari. In buona sostanza, la piattaforma mette direttamente in contatto venditori e acquirenti con gli stessi metodi autentici, trasparenti e anonimi della Borsa,  permettendo di fare offerte con transazioni “bid and ask” in tempo reale.

Nel luglio del 2019 diventa ceo Scott Cutler, chiamato a guidare la straordinaria crescita dell’azienda. In soli cinque anni, StockX è cresciuta fino a diventare uno dei marketplace globali più grandi e affidabili nel suo genere. Nell’anno fiscale terminato il 31 dicembre 2020, la società ha portato a termine più di 7,5 milioni di operazioni e ha raggiunto 1,8 miliardi di dollari di valore lordo delle merci (GMV), con un fatturato GAAP di oltre 400 milioni di dollari. StockX ha anche raggiunto il pareggio nella seconda metà del 2020, servendo oltre 200 milioni di utenti in 200 paesi e territori.