Baidu lancia in Cina il primo servizio di Robotaxi: è aperto al pubblico nel parco di Shougang di Pechino

Share

La Baidu è un colosso dell’elettronica, conosciuta anche come la “Google cinese”. Si tratta infatti del principale motore di ricerca in lingua cinese. Esattamente come i colossi tech della Silicon Valley, Google in primis, anche la Baidu nel 2013 ha deciso di mettere le mani sull’auto a guida autonoma fondando la sua specifica divisione denominata Apollo. Dopo diversi mesi di sviluppo, che hanno portato la flotta di robotaxi di Apollo a effettuare milioni di km di test, come quelli effettuati nel 2019 a Changsha, capitale della provincia di Hunan, Baidu ha deciso di compiere il grande salto.

Il 2 maggio è stato infatti ufficialmente inaugurato al pubblico il servizio di robotaxi che sarà inizialmente attivo a Pechino nel parco Shougang, una delle sedi delle Olimpiadi invernali di Pechino 2022. I clienti possono quindi utilizzare il nuovo servizio denominato Apollo Go Robotaxi per farsi trasportare presso palazzetti dello sport, aree di lavoro, caffè e alberghi. La scelta dell’area non è ovviamente casuale, perché proprio alle Olimpiadi invernali di Pechino del 2022, la flotta Apollo Go Robotaxi sarà messa a disposizione di tutti gli addetti ai lavori dei giochi fornendo un servizio di navetta. Si tratta quindi di una prova di forza sull’avanzato stato tecnologico della Cina. Prosegue la competizione sull’asse Cina-Usa sull’auto a guida autonoma, dato che Baidu e Alphabet sono indubbiamente le società più avanti sullo sviluppo delle driverless car.

Come funziona il servizio di Apollo Go Robotaxi? Si tratta a tutti gli effetti di un servizio di ride-hailing, dove l’utente non dovrà far altro che utilizzare l’applicazione Apollo Go App, localizzare un robotaxi nelle vicinanze, e chiamarlo. Stop. Prima di salire sul taxi robot è richiesta la scansione di un codice QR e di un codice sanitario. Dopodiché, una volta saliti all’interno del taxi, e dopo aver allacciato le cinture, sarà sufficiente cliccare su “Start the Journey” e iniziare così il viaggio. Tutti i taxi robot facenti parte del servizio Apollo Go Robotaxi sono costruiti dalla Hongqi (marchio del gruppo FAW) ed equipaggiati con l’hardware Baidu. Per meri motivi di sicurezza la flotta sarà monitorata da remoto da una serie di tecnici pronti a intervenire in caso di necessità.

Secondo quanto dichiarato dalla Baidu, con la tariffa di 30 yuan (poco meno di 4 euro) sarà possibile percorrere una singola tratta nel parco che interessa un’area estesa 8,6 km.