Il ceo di Buzzoole racconta come avere successo con l’infuencer marketing

Gianluca Perrelli, ceo di Buzzoole.
Share

Lui è il ceo della società di influencer marketing Buzzoole e in passato ha sviluppato varie iniziative imprenditoriali, come Vitaminic (il primo marketplace europeo di musica on-line). Si chiama Gianluca Perrelli e negli studi di Forbes Leader ha presentato il suo ultimo libro, scritto insieme a Marta Migliore, dal titolo “Homo Influencer – lasciare il segno nell’era digitale” che è uscito nelle librerie lo scorso 10 giugno e online su piattaforme come Amazon, Ibs e Feltrinelli.

L’imprenditore nel corso dell’intervista ha raccontato i suoi inizi, si è parlato del peso incredibile che gli influencer hanno sulle nostre vite (secondo uno studio condotto da Buzzoole, sono circa 20 milioni gli italiani che consultano contenuti e post degli influencer), ma anche del perché ancora queste persone godono di una reputazione che non va di pari passo con il loro peso mediatico.

Infine, l’imprenditore che con la sua attuale azienda progetta strategie creative campagne di influencer marketing, ha spiegato ai telespettatori la differenza tra l’influencer che ce la fa e quello che, invece, non riesce ad avere successo.

Influencer di successo li si diventa per passione”, ha detto Perrelli, “dedizione, talento e costanza sono necessari. Guardando la storia dei prinicipali influencer italiani, il dato che emerge è che ci vuole una spiccata capacità imprenditoriale, condita dall’attitudine a costruire reti fiduciarie con i marketer e circondarsi di persone di talento che ti possono aiutare. Altrettanto fondamentale è la capacità di utilizzare la tecnologia e manipolarla in modo costruttivo. Non da ultimo, ci vuole la capacità di leggere i dati. In questo ci vuole costanza e disciplina, perché bisogna saperli interpretare correttamente. La carriera dell’influencer è simile a quella degli artisti o ai personaggi della musica, chi ce la fa è chi riesce a mutare, adattandosi al suo pubblico”.

Di seguito si può rivedere la sua intervista integrale andata in onda su Forbes Leader.