Gli ingredienti della banca dell’oggi: il mix vincente di Banca Widiba

Banca Widiba
Share

Innovazione, responsabilità sociale e sostenibilità, inclusività, eccellenza nella customer experience, dialogo con le persone: ecco il mix vincente di Banca Widiba raccontato da due manager delle prime linee.

Lucia Cagnazzo, Banca Widiba
Lucia Cagnazzo, Direttrice Finance, HR, Legal & Operations
Dopo un inizio come Business Analyst in grandi aziende internazionali, entra nel mondo bancario nel 2000 come Responsabile HR, Amministrazione e Controllo fino ad approdare nel 2013 in Banca Widiba, di cui è founder e responsabile sin dal primo giorno di 4 divisioni.

 

daniela privato, banca widiba

Daniela Pivato, Direttrice IT e Innovazione Digitale
Con un’esperienza trentennale nell’Information Technology all’interno di banche primarie, sin dagli inizi si è occupata della digitalizzazione e dello sviluppo dei vari canali bancari, tra cui internet e mobile. Nel 2013 è tra i fondatori di Banca Widiba, dove negli anni ha contribuito a realizzare una serie di innovazioni che la rendono oggi una delle banche più all’avanguardia del mercato.

Si parla sempre di più del ruolo sociale delle imprese, in particolare delle banche. Qual è l’approccio di Banca Widiba? 

Lucia Cagnazzo: “Prima di fare il nostro debutto sul mercato ci siamo chiesti: si può costruire una banca che apporti un reale valore nella quotidianità delle persone? Sulla base di questo principio ispiratore nasce Widiba nel 2014: una banca fondata sull’ascolto degli utenti e dei loro bisogni, a partire dal nome Wise Dialog Bank individuato tramite un contest online. La nostra forza risiede proprio nell’attenzione al cliente che da un lato può usufruire di prodotti e servizi bancari online in una maniera semplice e moderna e dall’altro, per esigenze più complesse, può fare riferimento a una rete di oltre 500 consulenti finanziari. Professionisti certificati che promuovono attraverso iniziative di educazione finanziaria la consapevolezza nella gestione dei risparmi per favorire una maggiore inclusione finanziaria a beneficio dell’intero Sistema Paese. Fare banca in questo modo “no ordinary” e responsabile è possibile grazie a una squadra altamente preparata e ingaggiata. Da sempre il modello aziendale ha favorito l’inclusività e la valorizzazione delle differenze, aspetti naturalmente presenti in banca: Widiba può vantare l’assoluta parità di genere con il 49% della popolazione aziendale femminile e la presenza di 4 su 5 Responsabili di Direzione donne”.

Banca Widiba si è prefigurata sin da subito come portatrice di innovazione nel settore bancario. Quali sono gli elementi che vi contraddistinguono? 

Daniela Privato: “Siamo nati digitali, abbiamo sempre puntato sulla semplificazione e sull’eccellenza della customer experience: siamo noi che ci adattiamo al cliente e non viceversa, ecco la regola vincente da seguire giorno dopo giorno. In questo senso ci definiamo “la banca dell’oggi”. In 7 anni, non abbiamo mai smesso di integrare nuove modalità smart di interazione rivolgendoci non a un “neo-customer” ma ai “neo-needs” di un cliente universale. Nel tempo, Banca Widiba si è contraddistinta per essere tra le banche più innovative nel panorama italiano. Un modello di business human tech dove la relazione con la banca viene mediata da una tecnologia che non è mai fine a se stessa ma porta valore aggiunto nell’esperienza concreta delle persone”. 

Lei è tra i founder dell’azienda e ha assistito alla crescita della banca fino agli ottimi risultati dell’ultimo anno. Quali sono stati gli step fondamentali di questo percorso? 

Lucia Cagnazzo: “Il 2020 è stato per noi un anno molto soddisfacente: abbiamo chiuso l’esercizio con un totale di 314.000 clienti e 9,4 miliardi di euro di masse. Una crescita trainata dall’accelerazione dei volumi di raccolta e dalla maggiore efficienza e velocità della macchina operativa. Il modello integrato ci permette di cogliere in tempo reale le esigenze del mercato e capire quali prodotti proporre, con una flessibilità massima e processi 100% digitali. Dalla nascita, Banca Widiba è andata man mano arricchendosi e oggi comprende tutti i principali servizi bancari, mutui e prestiti, risparmio amministrato e gestito, gestioni patrimoniali, assicurazioni, servizi fiduciari oltre al nostro Private Banking. Un’offerta rivolta a un target dal profilo molto completo in termini di bisogni con una fascia medio-alta di reddito e propensione ai nuovi modelli di consumo”. 

Quali sono i prossimi piani di Banca Widiba considerando le tante sfide di un mercato sempre più in evoluzione?

Daniela Privato: “Il nostro obiettivo è rappresentare un benchmark per il settore in termini di customer experience, vogliamo essere un apripista di un nuovo modo di fare banca e offrire un servizio di valore per la cittadinanza. E questa continua ricerca dell’innovazione ce la riconosce il mercato: siamo nella classifica di Forbes 2021 World’s Best Banks tra le migliori banche al mondo e abbiamo vinto il Premio ABI per l’Innovazione nei Servizi Bancari 2021 nella categoria Digital Transformation, assegnato all’App Banca Widiba per smartphone e Google Home. Lavoriamo ogni giorno per aumentare il livello di servizio, oggi valutato dai clienti con un giudizio di 4,9 su 5: la loro soddisfazione è per noi il più importante riconoscimento. Sempre sul fronte dell’innovazione, siamo il primo istituto finanziario a integrare il servizio di identificazione SPID in fase di apertura conto, per garantire immediatezza e velocità. In sintesi, i nostri programmi per oggi e per il futuro non cambiano: una continua evoluzione nella qualità dei nostri servizi per migliorare la vita delle persone, in un’ottica di sostenibilità e semplificazione”.

LEGGI ANCHE: “L’importanza della consulenza patrimoniale ai tempi del Covid-19, e non solo”.