Sanità, sociale e cultura: i progetti di 4 donne che hanno dato lustro al mondo della responsabilità d’impresa

Share

Quattro donne italiane di successo. Quattro donne fra le cento selezionate da Forbes per il 2021. Impegnate ad altissimo livello in Fondazioni e imprese sanitarie, nel sociale e nella cultura. Vere e proprie icone della responsabilità d’impresa, espressione di sensibilità sui temi del bene comune, ma anche dotate di straordinarie competenze e determinazione nel raggiungimento di questi obiettivi. Ecco le testimonianze sui progetti di queste donne che sono un punto di riferimento grazie all’impegno, alla visione lungimirante e alla creazione di valore per la comunità.

Carla Vittoria Maira, ideatrice della Giornata nazionale per la salute delle donne

Carla Vittoria Maira

Si celebra ogni 22 aprile. È un progetto di Carla Vittoria Maira, vicepresidente della Fondazione Atena Onlus e presidente del Comitato Atena Donna organizzato in collaborazione con il Ministero della Salute. L’obiettivo della giornata è diffondere la cultura della prevenzione in un’ottica di percorso educativo permanente sul tema della salute della donna: “Oltre a un‘attività istituzionale che mira a promuovere la ricerca nel campo delle neuroscienze – testimonia Carla Vittoria Maira – il mio impegno è dedicato a una campagna di sensibilizzazione all’interesse per la medicina di genere e, in particolare, all’attenzione al miglioramento delle condizioni sanitarie delle donne. Sono, inoltre, fortemente coinvolta in una campagna di informazione sull’attenzione ai corretti stili di vita come mezzo di prevenzione di molte malattie, e all’educazione dei giovani relativamente ai rischi provocati da alcol e droghe”.

Il Comitato Atena Donna ha avviato un percorso di volontariato sanitario attraverso una serie di convegni aperti al pubblico, con medici e giornalisti. Obiettivo: avvicinarsi a quelle donne che più di tutte hanno bisogno di aiuto e che spesso non possono permettersi cure e visite specialistiche approfondite, per informarle sui temi che riguardano la loro salute. Gli incontri si svolgono nelle zone più popolari, per diffondere la cultura della prevenzione.

La Giornata Nazionale della Salute della donna si celebra in corrispondenza della data di nascita del Premio Nobel Rita Levi Montalcini, che è stata membro del Comitato d’Onore della Fondazione Atena fin dalla sua costituzione. In occasione della giornata organizza una regata sul Tevere: Fiume in rosa – Mille colpi per la salute della donna.

Patrizia Polliotto, al timone del gruppo San Donato e Dell’istituto Galeazzi

Patrizia Polliotto

Ricerca e sanità. Ricerca e salute pubblica. Ma anche solidarietà. Mai come in questo momento storico questi binomi si sono rivelati indissolubili. Nel gruppo San Donato, il primo gruppo sanitario italiano, sono elementi combinati al massimo livello sia in termini di autorevolezza che di prestigio internazionale. Per il presidente dell’Istituto Galeazzi, Patrizia Polliotto, un compito e un impegno di altissimo livello e grande responsabilità: “Per un avvocato d’impresa partecipare a board importanti è sempre un’opportunità di crescita, ma essere presidente dell’Istituto Ortopedico Galeazzi spa in questo momento storico è mio grande motivo di orgoglio. Non solo perché siamo parte del Gruppo San Donato, che è il primo gruppo  sanitario privato italiano, in un sistema che è il migliore al mondo per universalità di cure e livelli di preparazione d’eccellenza, non solo perché il prossimo anno inaugureremo l’ospedale più innovativo d’Europa nell’ex area Expo, non solo perché siamo attenti alle politiche di genere, ma soprattutto perché seguendo gli insegnamenti del nostro fondatore il prof Giuseppe Rotelli e degli attuali azionisti – i suoi figli Paolo e Marco Rotelli – nessuno di noi dimentica mai che la nostra missione primaria è curare i pazienti e fare ricerca. Noi del gruppo San Donato lo sappiamo da sempre e proprio per questo intendiamo esportare il nostro modello di successo, attraverso l’esperienza e il prestigio internazionale del nostro vicepresidente il dottor Kamel Ghribi, così come dimostrano i recenti accordi conclusi con molti paesi africani, da ultimi  il Kenya e la Tunisia, nonché l’incremento delle quote di turismo sanitario che costituisce una grande potenzialità inespressa del nostro Paese”.

La formula della lunga vita di Lucia Magnani

Lucia Magnani

Lucia Magnani, da sempre appassionata a contrastare i fenomeni d’invecchiamento precoce cellulare ha sviluppato – insieme ai suoi ricercatori – la formula della lunga vita con il metodo scientifico Long Life Formula. Dallo studio dello stress ossidativo è possibile, tramite alimentazione e integrazione mirata, attivare un riequilibrio ossido riduttivo cellulare, garanzia di salute della cellula e di un sistema immunitario efficiente. “Il mio interesse verso la ricerca scientifica sullo stress ossidativo – processo che provoca nel nostro organismo un invecchiamento precoce dovuto all’aumento di radicali liberi, mi ha portata a creare un percorso dove sono impegnati ricercatori, medici d’eccellenza in varie specialità, fanghi e acque termali, uniti alla cucina della salute e al movimento studiato e adattato alle esigenze delle persone, hanno dato forma a quella che io ho chiamato ‘Formula di Lunga Vita’. Il tutto si arricchisce di nuove tecnologie d’avanguardia quali Risonanza magnetica per predizione e Cardio Tac come ultima frontiera della prevenzione della salute per offrire nella Lucia Magnani Health Clinic una formula per raggiungere un buon equilibrio psicofisico e sociale, come suggerisce l’Oms da anni”. Long Life Formula è il progetto scientifico di punta di Lucia Magnani Health Clinic ed è strutturato su sette percorsi specialistici. Partendo da una valutazione medica viene proposta agli ospiti una serie di attività specifiche per raggiungere l’obiettivo prefissato. Gli interventi sono di tipo medico e sanitario, alimentare, di fitness, termali ed estetico. La clinica, inoltre, offre servizi di beauty & skincar e di wellness.

Lucia Magnani Health Clinic è un innovativo progetto di prevenzione ideato da Lucia Magnani in collaborazione con GVM Care&Research. In clinica è possibile eseguire visite, esami di controllo e approfondimenti diagnostici relativi a varie specialità mediche.

Paola Mainetti e l’amore per la cultura di Fondazione Sorgente Group

Paola Mainetti

Nel gennaio del 2007, grazie all’interesse e all’impegno per l’arte del presidente Valter Mainetti e della vicepresidente, Paola Mainetti, è stata costituita la Fondazione Sorgente Group, Istituzione per l’Arte e la Cultura, senza finalità di lucro con lo scopo di valorizzare, di promuovere e divulgare, sia a livello nazionale che internazionale, tutte le espressioni della cultura e dell’arte appartenenti al nostro patrimonio culturale. La Fondazione si sostiene grazie al contributo economico di Sorgente Group, Gruppo finanziario immobiliare di livello internazionale.

Il valore delle operazioni portate a compimento è altissimo. “Cito la scoperta del ritratto in marmo di Marcello, nipote di Augusto, giudicato dal Professor Antonio Giuliano una delle migliori opere del periodo augusteo – racconta la vice presidente Paola Mainetti –  o i ritratti degli altri principi della dinastia Giulio Claudia: Gaio Cesare giovane e adulto, Lucio Cesare, Germanico, Druso minore e lo splendido e regale ritratto femminile di Antonia minore. Opere esposte presso le Scuderie del Quirinale per la mostra “Augusto”.  Per la pittura antica, la nostra Fondazione ha raccolto invece dipinti importanti della pittura emiliana del Seicento con artisti come Guido Reni e Guercino e opere di Panini, Locatelli e Van Lint. I nostri prestiti hanno superato spesso i confini nazionali, infatti il dipinto “Diana Cacciatrice” del Guercino ha partecipato alla mostra monografica del pittore a Tokyo mentre le due sculture in marmo raffiguranti due tigri di epoca romana sono state concesse in prestito per la mostra “Gladiator” a Basilea. Nel 2012 abbiamo inaugurato a Roma lo Spazio Espositivo Tritone con iniziative promosse da Roma Capitale, come “Musei in Musica” e “Sabato in Museo”. Installazione permanente nello Spazio è la ricostruzione multimediale, ideata su mia intuizione, di una Athena Nike del 430 a.C. che rivive, così, grazie a sofisticati procedimenti informatici realizzati insieme alla Mizar di Paco Lanciano. E ancora: la riqualificazione del Giardino degli Aranci, riportandolo allo splendore e all’aspetto concepito dall’architetto Raffaele de Vico nel 1932”.