“Uno dei più grandi furti nella storia delle criptovalute”: gli hacker rubano 600 milioni di dollari

hacker criptovalute
(Shutterstock)
Share

“Caro hacker”. Comincia così la lettera aperta che il team di Poly Network, una piattaforma che permette di scambiare token tramite varie blockchain, ha indirizzato al responsabile di quello che, per la Cnbc, è “probabilmente uno dei più grandi furti nella storia delle criptovalute”: oltre 600 milioni di dollari sottratti a decine di migliaia di persone. Sono stati rubati, tra l’altro, 267 milioni di dollari in Ether e 252 milioni in Binance.

La lettera di Poly Network

Poly Network si è rivolto all’autore per chiedere di mettersi in contatto e “trovare una soluzione”. “La quantità dei denaro che hai sottratto è la più grande nella storia della finanza decentralizzata”, si legge nella lettera. “Le forze dell’ordine di qualsiasi paese considereranno questa azione come un grave crimine economico e sarai perseguito. Sarebbe molto poco saggio, da parte tua, compiere ulteriori transazioni. I soldi che hai rubato appartengono a decine di migliaia di membri della comunità delle criptovalute, e quindi alla gente”.

I crimini nel mondo delle criptovalute

Il termine DeFi (decentralized finance, “finanza decentralizzata”) designa sistemi finanziari che non prevedono intermediari (per esempio, i broker). Per comprendere le proporzioni del furto di queste ore è sufficiente pensare che, secondo un rapporto della società di ricerca specializzata CipherTrace, l’ammontare complessivo di tutte le truffe commesse nei primi sette mesi del 2021 nel mondo DeFi era di 474 milioni di dollari. Già quella cifra, peraltro, rappresentava un record, in controtendenza con il resto del settore delle criptovalute: i danni provocati da crimini, tra gennaio e luglio 2021, sono stati pari a 681 milioni di dollari, contro gli 1,9 miliardi del 2020 e i 4,5 miliardi del 2019.

La società di cybersicurezza SlowMist ha fatto sapere che il suo staff ha identificato l’ip e l’e-mail degli hacker. Secondo SlowMist, l’attacco è stato “probabilmente studiato a lungo, organizzato e preparato”.

Tether ha comunicato di avere congelato 33 milioni di dollari. Changpeng Zhao, amministratore delegato di Binance, ha affermato via Twitter che il suo team intende “aiutare proattivamente”, ma ha precisato di non potere garantire nulla: “Faremo il possibile”, ha detto.