Il governo Usa fa ancora causa a Facebook. “Deve vendere Instagram e Whatsapp”

Il fondatore e ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, nel febbraio 2020 a Monaco, in Germania, per partecipare a una conferenza. (Photo by Johannes Simon/Getty Images)
Share

Articolo apparso su Forbes.com a firma di Alison Durkee

La Federal Trade Commission (Ftc) ha presentato giovedì una denuncia contro Facebook sostenendo che il gigante dei social media è un monopolio che ha violato le norme antitrust federali, dopo che il tribunale aveva precedentemente respinto la prima denuncia della Ftc contro Facebook a giugno per non aver fornito prove sufficienti per sostenere il suo caso.

Fatti chiave

La Ftc ha preso di mira la presunta “condotta anticoncorrenziale e metodi di concorrenza sleali” di Facebook, sostenendo che la società di social media ha fatto “una folle spesa anticoncorrenziale” con l’acquisizione di concorrenti come Instagram e WhatsApp e ha imposto presunte “restrizioni anticoncorrenziali” a sviluppatori di app per impedire loro di minacciare il dominio di Facebook.

La Ftc ha fatto causa per la prima volta a Facebook nel dicembre 2020 per le sue presunte pratiche anticoncorrenziali, insieme a 48 procuratori generali dello Stato che hanno intentato una causa separata.

Entrambe le azioni legali sono state respinte dalla corte federale a giugno, e mentre la causa degli Stati è stata annullata nella sua interezza – il giudice ha stabilito che era stata intentata troppo tardi – la causa della Ftc è stata respinta “senza pregiudizio”, aprendo la strada al governo federale governo a presentarlo di nuovo.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti James E. Boasberg ha respinto il caso della Ftc perché ha affermato che i loro argomenti sul motivo per cui Facebook sarebbe un monopolio erano “leggeri su specifiche accuse fattuali”, scrivendo che la causa era “legalmente insufficiente e deve quindi essere respinta” anche se il giudice ha riconosciuto che “non è d’accordo con tutte le affermazioni di Facebook”.

La Ftc ha dichiarato in una dichiarazione che ritiene che il reclamo emendato di 80 pagine affronti adeguatamente tali problemi, aggiungendo “ulteriori dati e prove” e “statistiche dettagliate” sul presunto comportamento monopolistico di Facebook.

Facebook ha detto, in una dichiarazione giovedì, che “sfortunatamente… la Ftc ha scelto di continuare questa causa senza merito”, sostenendo che non c’era “nessuna pretesa valida” per dire che “Facebook fosse un monopolista” quando il caso è stato archiviato per la prima volta “e questo non è cambiato”.

Citazione cruciale

“La condotta di Facebook ha eliminato i rivali nascenti e ha estinto la possibilità che l’esistenza indipendente di tali rivali potesse consentire ad altre piattaforme Internet di superare le sostanziali barriere all’ingresso che proteggono la posizione di monopolio di Facebook”, afferma la denuncia. “In tal modo, Facebook priva gli utenti dei social network personali negli Stati Uniti dei vantaggi della concorrenza, tra cui maggiore scelta, qualità e innovazione”.

Critica principale

“Le affermazioni della Ftc sono uno sforzo per riscrivere le leggi antitrust e capovolgere le aspettative consolidate della fusione, dichiarando alla comunità imprenditoriale che nessuna vendita è mai definitiva”, ha affermato Facebook in una nota giovedì. “Lottiamo ogni giorno per conquistare il tempo e l’attenzione delle persone e continueremo a difendere con forza la nostra azienda”.

Fatto collegato

Facebook ha cercato di far esonerare dal caso la nuova presidente della Ftc, Lina Khan, a causa di alcune sue uscite passate. Khan, infatti, in passato aveva criticato l’azienda di social media accusandola di pratiche anticoncorrenziali. Il Wall Street Journal riporta che la Ftc ha respinto la loro richiesta e Khan non si è tirata indietro dall’iniziare il procedimento, osservando che l’agenzia ha votato per ripresentare la causa con un voto di 3-2 con Khan che ha “partecipato alle deliberazioni e sostenuto la nuova denuncia”.

A cosa guardare

La causa della Ftc potrebbe comportare gravi conseguenze per Facebook se il tribunale decidesse alla fine a favore del governo. L’agenzia chiede al tribunale di dichiarare Facebook in violazione della legge federale e di agire per “ripristinare la concorrenza che esisterebbe” se Facebook non avesse intrapreso presunte pratiche anticoncorrenziali. Questo potrebbe essere la frammentazione di Facebook, poiché la causa richiede la “cessione o ricostruzione di attività commerciali” come Instagram e WhatsApp che le renderebbero entità separate.

Scenario di sottofondo

La causa della Ftc fa parte di uno sforzo governativo più ampio per affrontare le big tech per le loro presunte pratiche anticoncorrenziali. Il Dipartimento di Giustizia e i procuratori generali dello stato hanno anche citato in giudizio Google per problemi antitrust, per esempio, e secondo quanto riferito la Ftc potrebbe anche indagare su Amazon dopo la sua recente acquisizione di Mgm. Anche il sottocomitato antitrust della magistratura della Camera ha indagato sui colossi della tecnologia, concludendo a ottobre che il Congresso dovrebbe prendere in considerazione l’aggiornamento delle sue leggi antitrust e lo smantellamento delle grandi società tecnologiche, e il Congresso è andato avanti con la legislazione antitrust rivolta alla Silicon Valley. Secondo quanto riferito, Facebook, che ha sostenuto di non praticare comportamenti anticoncorrenziali, ha adottato misure per rendere più difficile lo scioglimento della società in risposta al controllo governativo, integrando meglio la tecnologia dietro le sue varie piattaforme.