Samsung cambia pelle con biofarmaci e investimenti miliardari. Pronti 40mila nuovi posti di lavoro

Photo by Chung Sung-Jun/Getty Images)
Share

L’obiettivo primario dei giovani sudcoreani che studiano nelle università di Seoul? Andare a lavorare nel gruppo Samsung. E dietro l’angolo per i giovani ingegneri ci sono 40.000 posti di lavoro – entro il 2023 – generati da un copioso investimento dell’azienda: 240 trilioni di won equivalenti a 206 miliardi di dollari, secondo i dati riportati da Reuters. L’investimento comprende 17 miliardi di dollari destinati a una nuova fabbrica di chip negli Stati Uniti per sopperire alla carenza di semiconduttori indispensabili per varie industrie, da quella tecnologica a quella delle auto.

LEGGI ANCHE: Samsung lancia due nuovi smartphone pieghevoli: arrivano Z Flip 3 5G e Z Fold 3 5G

Profitti record

Secondo i media coreani, questo investimento è anche un modo per festeggiare la liberazione del vicepresidente della Samsung Jay Y. Lee, rilasciato sulla parola mentre scontava una condanna di due anni e mezzo per corruzione. L’azienda può permettersi di investire una cifra così importante poiché nel secondo trimestre ha messo a segno un profitto netto che ammonta a 8,37 miliardi di dollari con una crescita del 73%.

Samsung è il maggior produttore di chip di memoria e tra i suoi clienti c’è anche la Apple. Il mercato dei chip è comunque molto aggressivo, soprattutto perché Samsung si trova a competere con concorrenti come Intel e Taiwan Semiconductor Manifacturing.

Il futuro è nei biofarmaci

L’investimento deciso dall’azienda è del 30% superiore a quello triennale avviato nel 2018 anche perché oggi Samsung Group vuole affermare la sua leadership anche in settori specialistici che vanno oltre i popolari smart tv set e i cellulari. Questi sono rappresentati da divisioni come Samsung Biologic e Samsung Bioepis che si occupano di tecnologie applicate alla medicina.

Il piano su questo comparto è di implementare le attività con due nuovi stabilimenti. “Stiamo investendo in maniera consistente poiché in questo momento di ripartenza dell’economia perdere terreno significa non tornare più in una posizione di leadership”, si legge in una nota divulgata dall’azienda.