Questi due americani hanno creato il primo dispenser al mondo di disinfettante in plastica riciclata

Miles Pepper e Martica Wakeman
Share

A volte un progetto di successo nasce dai casi della vita, da una scelta, da un cambiamento di rotta, dal sapersi reinventare a seconda delle circostanze, sfruttando magari la propria creatività. E c’è chi ha saputo realizzarsi proprio durante il periodo della pandemia, quando tutto sembrava perduto. È il caso di Sanikind, un igienizzante con bottiglietta sostenibile che ha rivoluzionato il settore e che ha fatto il boom prima a San Francisco e in Silicon Valley e al momento si sta espandendo in tutto il mondo con un grosso lancio entro fine giugno. Durante la crisi della pandemia del Covid e prima ancora di avviare Sanikind, il team, forte del ventiseienne co-fondatore e ideatore Miles Pepper, già noto in Silicon Valley per aver inventato la cannuccia FinalStraw, ha mobilitato 45 volontari e collaboratori, con oltre 100 distillerie in tutti gli Stati Uniti, per fornire disinfettante a case di cura, ospedali e organizzazioni no-profit. Tutto questo, gratuitamente, aiutando moltissime persone in difficoltà. Ma, allo stesso modo, il team di Sanikind si è reso conto di come questo prodotto potesse aiutare il pianeta. Hanno inventato così un comodo, colorato, pratico, portabile, distributore di disinfettante sostenibile, – e il primo al mondo nel suo genere – che contribuisce al problema mondiale della plastica negli oceani. La plastica che costituisce Sanikind Mini è ricavata dalle strade, dai fiumi, dalle coste e le spiagge di Haiti e del Messico. Allo stesso tempo, il loro disinfettante è dentro una bottiglietta di alluminio, essendo un materiale riciclabile al 70%. Abbiamo parlato a San Francisco con Miles Pepper e Martica Wakeman, 34 anni, co-fondatrice e amministratore delegato.

Da dove è nata la vostra passione per l’ambiente e per l’imprenditoria?

M. Pepper: Sono cresciuto nella Bay Area di San Francisco, a circa un’ora a nord dalla città, nella contea di Sonoma. Dopo il liceo sono entrato nell’industria cinematografica e ho viaggiato e lavorato in giro per il Paese. Dopo aver lavorato ad alcuni programmi TV ad Atlanta, ho deciso di andare a Los Angeles. Subito dopo essermi trasferito lì, ho inventato e avviato la mia prima azienda, FinalStraw, una cannuccia pieghevole riutilizzabile che ha raccolto quasi 2 milioni di dollari su Kickstarter. Ma dopo aver vissuto a Los Angeles per alcuni anni, mi ero stancato di non vivere più a contatto con la natura e ho deciso di tornare nella Bay Area, presso San Francisco, di essere più vicino alla mia famiglia, in modo di poter lavorare anche meglio con Martica, che ora vive accanto a me, il nostro progetto.

M. Wakeman: Sono cresciuta nel Maine circondata da alberi e foreste. Non ho mai saputo cosa volevo fare da grande. A volte pensavo di voler diventare uno zoologo, altre volte desideravo essere nella WNBA. Coltivare cibo biologico, quando ero al college, ha cambiato completamente la mia vita e mi ha fatto comprendere che dovevo fare la differenza: allora per me la vita doveva essere semplice, collegata alla terra. Su questo ho basato pure tutta la mia carriera, sui miei valori e principi.

Sanikind

Miles, da dove le venne l’idea per FinalStraw?

M. Pepper: Ho avuto l’idea per FinalStraw nel 2018, proprio mentre molte persone si stavano concentrando sul divieto delle cannucce di plastica. L’idea è nata perché non c’era un prodotto sul mercato per qualsiasi tipo di alternativa conveniente alle cannucce di plastica. C’erano già cannucce di vetro, acciaio e bambù in vendita, ma erano grandi e ingombranti, e tutt’altro che convenienti. Abbiamo lanciato FinalStraw su Kickstarter, a marzo 2019, ed è esploso. A quanto pare non ero l’unico a volere un’alternativa sostenibile e conveniente alle cannucce di plastica.

Come avete sviluppato il vostro percorso professionale?

M. Wakeman: A 27 anni il mio fidanzato, che era nel settore finanziario, ha avuto l’opportunità di trasferirsi a Londra per lavoro, e abbiamo deciso di coglierla. È stata un’esperienza straordinaria vivere all’estero, qualcosa per cui penso di essere “tagliata”. Ho lavorato con incredibili imprenditori in tutta Londra e nel Regno Unito ed ero davvero grata di trovarmi nel settore sostenibilità, quando non era tanto di moda ancora come adesso e quando non tutti ne parlavano tanto. Gestivo una scuola di cucina dal campo alla tavola chiamata Root Camp. Prendevamo in affidamento bambini di ogni provenienza, dai più elitari a quelli dati in affidamento, e li portavamo in aree remote del Regno Unito. Avrebbero passato metà del loro tempo a cucinare cibo da zero e l’altra metà del tempo fuori in campo, praticando la mungitura delle mucche, l’apicoltura, la raccolta degli ortaggi, la ricerca dei funghi, l’intaglio dei cucchiai. Fu un’esperienza incredibile per me e mi fece comprendere come la sostenibilità e l’impatto fossero la mia vocazione. È stato allora che ho deciso di fare domanda per il programma per l’ambiente e lo sviluppo sostenibile dell’University College di Londra.

M. Pepper: La mia passione per la sostenibilità è nata davvero dalla mia creazione di FinalStraw. Prima di lanciare l’azienda facevo molto jogging, e durante le mie corse ho iniziato a raccogliere tutta la spazzatura che trovavo, e molti oggetti erano cannucce di plastica. Ho finito per raccogliere addirittura alcune centinaia di cannucce scartate nei mesi precedenti al lancio dell’azienda, il che ha solo contribuito ad alimentare il mio desiderio di far uscire questo nuovo prodotto sostenibile il prima possibile.

Miles Pepper e Martica Wakeman

Durante la pandemia avete entrambi avuto un periodo molto duro…

M. Wakeman: Sì, poco prima che scoppiasse la pandemia, avevo appena terminato due lauree e ottenuto un lavoro straordinario come direttore dei clienti per una consulenza mirata. Quindi essere licenziata è stato devastante. Nessuno stava assumendo e vedevo come perfino alcuni talenti incredibili erano stati licenziati in tutto il settore, dandomi l’impressione che non sarei mai stata assunta ancora.

M. Pepper: A gennaio e febbraio stavo lavorando al lancio di un marchio per la cura della persona a rifiuti zero, ma la pandemia aveva piani diversi per me. Una volta iniziata la pandemia, mi sono trovato a dovermi orientare di nuovo nel mercato. E ho iniziato a pensare a come potevo aiutare a costruire un prodotto nello spazio del disinfettante. Quando ho iniziato a indagare sul settore ho notato che c’era una carenza nazionale di disinfettanti per le mani. Per questo motivo abbiamo iniziato a mettere in contatto le persone che avevano bisogno di disinfettante con le distillerie che avevano iniziato a produrre disinfettante, ma non sapevano a chi fornirlo per primo.

Come siete arrivati all’idea di Sanikind?

M. Pepper: L’idea di Sanikind era piuttosto organica. Nel 2019 avevo fatto un viaggio ad Haiti per procurarmi la plastica oceanica per un altro progetto a cui stavo lavorando. Una volta che la pandemia ha colpito, mi è diventato abbastanza evidente che c’erano così tanti rifiuti di plastica monouso che sarebbero stati prodotti a causa della pandemia e volevo costruire una bottiglia di disinfettante che fosse zero rifiuti e fatta con la plastica dell’oceano.

M. Wakeman: Sono stato presentata al mio co-fondatore, Miles, tramite un amico di un amico. Miles aveva iniziato ad aiutare le case di cura, le organizzazioni no profit e gli ospedali a ottenere disinfettanti durante la carenza di disinfettante. Aveva riunito un gruppo di 40 volontari per contattare le distillerie e queste popolazioni vulnerabili e collegare i due. Oltre 34mila persone tra gli americani più vulnerabili sono stati aiutati grazie ai suoi sforzi. Quando l’offerta ha raggiunto la domanda, Miles ha rivolto la sua attenzione alla crisi della plastica legata al Covid. C’era molta più plastica in uso e lui voleva cambiare la situazione, così ha inventato il nostro Sanikind Mini. È il primo dispenser al mondo di disinfettante in plastica riciclata. Supportiamo le aziende locali ad Haiti e in Messico che hanno raccolto la plastica dalle spiagge, dagli oceani e dai corsi d’acqua per poterla riutilizzare. Realizziamo un dispenser infinitamente ricaricabile, davvero conveniente: si aggancia a tutto per un facile accesso ed è disponibile in colori divertenti. Vogliamo che le persone non sentano l’orribile sensazione di paura provocata dalla pandemia, quando usano il nostro disinfettante, ma invece si divertano e facciano del bene per il pianeta. Quindi abbiamo iniziato a mettere in contatto le persone che avevano bisogno di disinfettante con le distillerie che avevano iniziato a produrre disinfettante, ma non sapevano a chi fornirlo per primo.

Quanto denaro vi è servito per cominciare?

M. Wakeman: Abbiamo lanciato l’dea su Kickstarter, una straordinaria piattaforma di crowdfunding per le idee. Abbiamo avuto 360mila dollari di preordini da Kickstarter e da un altro sito web chiamato IndieGoGo. Ci ha permesso di lanciare l’idea insieme a un sito web. Ci sono voluti più finanziamenti per effettuare ordini più grandi e siamo entusiasti di continuare a espanderci utilizzando una piattaforma di crowdfunding per gli investimenti chiamata StartEngine.

Come vedete il futuro di Sanikind?

M. Wakeman: Ci piace paragonarci alle borracce S’well. Penso che Sanikind possa posizionarsi molto bene, con i suoi colori e design divertenti, per il ritorno a scuola, e nei negozi di alimentari ed espandersi con altri prodotti altrettanto convenienti ma anche sostenibili.

Adesso volete sviluppare il prodotto a un livello ancora più internazionale…

M. Wakeman: Vendiamo i nostri Mini a livello internazionale in questo momento e finora abbiamo venduto i nostri prodotti in oltre 40 paesi. Penso che continueremo a espanderci e con i partner giusti saremo in grado di avere una presenza maggiore in Europa e in Australia.

M. Pepper: Non credo che torneremo mai alla normalità prima della pandemia. Le persone sono molto più consapevoli dei germi e igienizzare le mani è qualcosa che continueranno a fare per molto tempo. Vedo il potenziale per Sanikind di costruire grandi prodotti sostenibili nello spazio.