Vitesy cresce ancora nel mercato della purificazione dell’aria: nasce Natede Smart

Share

Dopo il bridge round da 1,2 milioni di euro ricevuto da Doorway e da altri importanti investitori e le 3 campagne di crowdfunding, Vitesy compie un ulteriore passo. Nasce Natede Smart, l’evoluzione tecnologica e sostenibile del suo precedente prodotto di punta. La direzione è sempre la stessa: affermare la sua identità sostenibile nell’ambito della purificazione e del monitoraggio dell’aria indoor.

Si tratta di un purificatore d’aria smart che aumenta il potere di purificazione delle piante grazie ad un sistema brevettato e a potenti nanomateriali di nuova generazione. Vitesy infatti utilizza una tecnologia all’avanguardia denominata fotocatalisi: un professo che gli permette, a differenza della maggior parte dei purificatori d’aria che si limitano al bloccaggio degli inquinanti nel proprio sistema di filtraggio, di eliminare diversi tipi di inquinanti. Dai virus ai batteri, passando per composti organici volatili, CO2, odori e altre micro particelle.

Vitesy, ecco le novità del suo prodotto di punta

Le novità di Natede Smart rispetto al precedente sono le seguenti:

  • Sostenibilità: Natede Smart non ha filtri da sostituire ma basta semplicemente lavarli ed è realizzato interamente in plastica riciclata della migliore qualità, sostituendo quindi i componenti in legno con un nuovo tipo di materiale che si categorizza come qualità A nei prodotti riciclati.
  • Unità tecnologica: la qualità dei sensori è migliorata esponenzialmente ed è stato aggiunto un nuovo modulo Wifi più performante e stabile, rendendolo a tutti gli effetti dotato della migliore tecnologia sul mercato. Infatti oltre al sistema di purificazione, Natede Smart è dotato di un sistema di monitoraggio, grazie al quale è possibile ricevere sull’app “Vitesy Hub” i valori di: temperature, umidità, polveri sottili, CO2 e Composti Organici Volatili.
  • Prestazioni: Natede Smart ora utilizza, per il suo processo di fotocatalisi, il triossido di tungsteno (WO3) che viene attivato dall’azione dei LED per eliminare gli inquinanti passanti nel sistema di filtraggio, rendendo il processo di purificazione efficiente e rapido con un consumo elettrico minore del 93% rispetto al precedente Natede, che prevedeva l’azione dei LED UV combinata col biossido di titanio.

Con questo finanziamento Vitesy aumenterà l’efficienza del reparto Ricerca & Sviluppo, nel tentativo di diventare la migliore soluzione tecnologica e digitale nel mercato dlla purificazione e del monitoraggio dell’aria indoor.