Crisi delle materie prime: come l’intelligenza artificiale può combattere il caro prezzi

becky vedrai
Share

A cura di Renato De Marco, head of business development di Vedrai

La carenza di materie prime e l‘aumento incontrollato dei loro prezzi sono ormai un fenomeno diffuso su scala globale. Uno dei motivi principali è legato alla ripresa post-pandemica della domanda di merci e alla corsa allo stoccaggio di quasi tutte le materie prime da parte dei produttori. Le carenze, i colli di bottiglia dei trasporti e i picchi di prezzo si stanno avvicinando ai livelli più alti mai visti in precedenza. Nell’attuale scenario di mercato i produttori di tutto il mondo sono in corsa per accaparrarsi più risorse possibili a fronte dello smisurato aumento della domanda, che si ipotizza in crescita costante anche nel prossimo anno.

Quali sono le materie prime e i materiali industriali maggiormente sotto pressione? L’elenco è  lunghissimo: rame, minerale di ferro, acciaio, petrolio greggio, frumento, mais, riso, caffè, zucchero, carni, prodotti lattiero-caseari, soia, legname, semiconduttori, plastica e cartone per imballaggi, lana, cotone, seta, etc. solo per fare alcuni esempi. Ad aggravare ulteriormente la situazione c’è un elenco insolitamente lungo e crescente di calamità che hanno scosso il settore delle materie prime negli ultimi mesi.

Previsioni

Gli analisti ritengono che il fenomeno della scarsità delle materie prime e dell’aumento dei prezzi continuerà e, anzi, si amplificherà ulteriormente, spinto anche dall’immensa domanda da Paesi emergenti come l’India e dalla conversione dell’economia alle tecnologie verdi a cui puntano molti Paesi industrializzati, che richiede a sua volta  molte materie prime.

Becky, consulente virtuale responsabile acquisti: l’optimum per un’efficiente gestione delle materie prime

In un contesto così difficile è possibile muoversi con sufficiente sicurezza per assicurarsi forniture costanti, prezzi vantaggiosi, attraverso l’individuazione dei punti di massimo e di minimo, massimizzando la marginalità, ma ciò richiede specifici prerequisiti: il reperimento costante e aggiornato di informazioni complete sul settore e sul mercato dei fornitori e della domanda dei clienti; una comunicazione costante ed efficace con fornitori e  clienti; la disponibilità opportunamente prefissata di scorte di sicurezza sufficienti a copertura del rischio di carenze di materiale o aumenti dei prezzi dei materiali; ecc.

A queste ed altre azioni si presta perfettamente Becky, uno dei consulenti virtuali di Vedrai, gruppo specializzato in soluzioni di Intelligenza artificiale e fondato da Michele Grazioli e Valerio Zanaglio, rispettivamente presidente e vicepresidente. Le aziende, accedendo alla piattaforma SaaS sviluppata da Vedrai, possono farsi guidare da Becky – responsabile acquisti materie prime  dell’azienda – agente intelligente in grado di effettuare previsioni riguardanti i risultati futuri delle commodity, permettendo l’elaborazione di strategie di gestione dei costi. In particolare permette di avere un quadro previsionale di disponibilità e prezzi delle materie prime attraverso il monitoraggio sia delle  news macroeconomiche che ne influenzano i prezzi, sia dei mercati, con un controllo di tutti i  principali indicatori (come Stocastico, MACD, RSI). 

Il segreto di Becky è l’intelligenza artificiale, che lo rende un insostituibile consigliere decisionale, sempre pronto a fornire, in tempo reale, accurati modelli predittivi su disponibilità e costi delle materie prime, con monitoraggio dei diversi fattori che determinano l’alta volatilità del mercato delle materie prime (l’offerta e la domanda di una commodity, le quotazioni borsistiche, i costi di trasporto, i movimenti delle valute, le condizioni meteo, etc.), integrando i dati esterni con quelli interni all’azienda. Questo rende di fatto Becky il consulente ad hoc per un’efficace definizione delle strategie di approvvigionamento delle materie prime. 

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.