Il valore delle squadre americane vola alle stelle. E i Golden State Warriors sono cresciuti del 3.300% in 20 anni

Stephen Curry Golden State Warriors
Stephen Curry dei Golden State Warriors (foto Thearon W. Henderson/Getty Images)
Share

Questo articolo di Justin Birnbaum è apparso su Forbes.com

Può essere difficile da credere, ma, nel mondo degli sport nordamericani, l’investimento migliore degli ultimi 20 anni non è stato la National football league (Nfl).

Ciò non significa che i proprietari delle squadre di football non abbiano motivo di essere felici. La lega, al contrario, è un colosso le cui 32 squadre possono vantare un valore totale di 112 miliardi di dollari. Solo che la Nba ha fatto ancora meglio.

Negli ultimi 20 anni, il valore delle squadre Nba è salito, in media, di più del 1.050%, la crescita più alta tra le quattro grandi leghe professionistiche. Quelle della Major league baseball (Mlb) seguono con un incremento medio del 700% e superano così il 670% della Nfl. La media della National hockey league (Nhl) è del 470%. Per avere un confronto, basti pensare che l’indice S&P 500, nello stesso periodo, ha segnato una crescita del 160%.

“Le squadre delle quattro grandi leghe professionistiche saranno ancora scelte di investimento molto popolari. Ovviamente, per chi è molto, molto ricco”, afferma Mark Nagel, professore di sport management all’università della South Carolina. “Questo vale sia a breve, sia a lungo termine”.

Per i proprietari, comprare le squadre e tenersele è stata chiaramente la strategia vincente. Dieci anni fa, le squadre della Nfl erano le prime sia per valore totale, sia per crescita di valore nel decennio precedente, con una crescita del 125% rispetto al 2001. La Mlb seguiva con un +120%, mentre la Nba e la Nhl erano più indietro, rispettivamente al 70% e al 60%. Ma da allora il valore delle squadre è decollato, grazie anche alla costruzione di nuovi palazzetti e a novità come i ricchissimi contratti sottoscritti con i media.

A marzo la Nfl ha siglato un accordo da 111,8 miliardi di dollari per i diritti di trasmissione, che ha portato il totale dei pagamenti annuali per i diritti a 10,27 miliardi. La Nba incassa una media annuale di 2,66 miliardi, che potrebbe raddoppiare a partire dal 2025. La Mlb ha portato la cifra a 1,84 miliardi dopo avere rinnovato il contratto con la Espn a maggio. E anche la Nhl ha più che raddoppiato il valore dei suoi diritti per gli Stati Uniti, con la firma, nel 2021, di nuovi contratti che porteranno alla lega 625 milioni di dollari all’anno.

E all’inizio di un nuovo decennio, nuove fonti di guadagno continuano a emergere. Gli investitori dei settori media e gioco stanno già piazzando grosse cifre sulle scommesse sportive legali, le norme più morbide sulla proprietà stanno alimentando un flusso di denaro da private equity e nuove società vanno a caccia di visibilità tramite lo sport, come Ftx e Crypto.com. La seconda, per esempio, risulta avere investito oltre 700 milioni di dollari per dare il nome al palazzetto dei Los Angeles Lakers, che per 20 anni si è chiamato Staples Center.

Questo denaro fresco entra in un mercato che, negli ultimi 20 anni, è stato incredibilmente favorevole soprattutto alla Nba e alla Mlb. Tra le dieci squadre il cui valore è salito di più dal 2001 a oggi, nove appartengono infatti a una di queste due leghe, e ben sei squadre Nba hanno visto il loro valore crescere di più del 1.300%. L’unica squadra di un’altra lega che è riuscita a entrare nella top ten sono gli Edmonton Oilers della Nhl, saliti del 1.260% e arrivati a 1,1 miliardi di dollari.

Il gioiello della corona? I Golden State Warriors, che hanno registrato la maggiore crescita tra le 120 squadre di tutte e quattro le leghe: +3.300%, per un valore di 5,6 miliardi di dollari (non sono state conteggiate le squadre nate dopo il 2001). La performance peggiore è stata quella dei Colorado Avalanche della Nhl, che hanno superato di poco la crescita dell’S&P 500, con un incremento del 160%.

In ogni caso, la Nfl rimane in vetta per valore complessivo delle sue squadre. Resta infatti 38 miliardi al di sopra della Nba, il cui totale è salito a 74 miliardi.

La classifica

Di seguito la classifica delle 10 squadre il cui valore è aumentato di più negli ultimi 20 anni.

1 | Golden State Warriors (Nba)
Incremento: 3.273,5%

2| Montreal Expos/Washington Nationals (Mlb)
Incremento: 1.992,4%

3 | Los Angeles Clippers (Nba)
Incremento: 1.841,2%

4 | New Jersey/Brooklyn Nets (Nba)
Incremento: 1.793,5%

5 | Boston Celtics (Nba)
Incremento: 1.528,4%

6 | New York Knicks (Nba)
Incremento: 1.379,6%

7 | Toronto Raptors (Nba)
Incremento: 1.341,9%

8 | Los Angeles Lakers (Nba)
Incremento: 1.264,8%

9 | Chicago Cubs (Mlb)
Incremento: 1.260,3%

10 | Edmonton Oilers (Nhl)
Incremento: 1.258,0%

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.