Raccontare i segreti d’impresa: la sfida italiana di ACS Editore

ACS editore
da sinistra a destra: Stefano Barbetta e Luca Brambilla
Share

In Italia si legge poco, dicono. Ma non è proprio così. Si pubblica molto, semmai. E quel molto, spesso, prescinde dall’interesse dei potenziali lettori. Che infatti decidono di non leggere. Le regole sono cambiate: ora l’editore deve abbandonare la torre, più o meno d’avorio, nella quale è arroccato, per scendere sul campo, intercettando interessi ed esigenze per offrire valore aggiunto e utilità.

Capita così che una sera, all’interno di una chiacchierata tra Luca Brambilla, già direttore dell’Accademia di Comunicazione Strategica, e Stefano Barbetta, editore professionista con trent’anni di esperienza, vengono poste le basi per ACS Editore. Professionisti e imprenditori, con cui l’Accademia interagisce quotidianamente, lamentano la mancanza, nel panorama editoriale italiano, di un reale punto di riferimento sul tema della comunicazione, che si occupi “di” comunicazione e non “anche di” comunicazione. Che sappia essere tanto problem solver quanto enzima in grado di stimolare la loro professionalità. E, soprattutto, che li affianchi nelle sfide quotidiane.

ACS Editore diventa così l’unico editore italiano con un piano editoriale focalizzato su comunicazione strategica e soft skill. Forte della collaborazione con il centro studi di Comunicazione Strategica, l’editore coniuga la scientificità dei contenuti alla concretezza della pratica, permettendo al lettore di affrontare le tematiche in modo nuovo e più strategico grazie al raggiungimento di una maggiore consapevolezza e competenza delle dinamiche relazionali.

ACS Editore e la comunicazione strategica

Libri intelligenti per lettori intelligenti” recita lo slogan scelto, perché i volumi ACS Editore sono pensati e progettati solo per coloro che, spinti dall’esigenza di stimolare il proprio sapere e approfondire le proprie conoscenze, ambiscono a migliori performance della propria professionalità quotidiana. Nessuna arroganza, supponenza o protervia, in questo slogan, quanto la semplice consapevolezza che soltanto chi abbia l’ardire di mettere sempre in discussione sé stesso, i propri modelli e i propri processi può evolvere nella vita professionale.

Tagliato il traguardo di accreditarsi nel panorama librario, acquisendo visibilità sia nelle librerie tradizionali sia online, dal mondo business giunge lo stimolo all’ampliamento della visione editoriale. Tante, troppe aziende, pur essendo eccellenze del loro settore, non riescono a esprimere la propria unicità, a valorizzare il racconto di quella cultura e quei valori che hanno decretato il loro successo. In sintesi, perdono l’occasione di comunicare strategicamente sé stesse.

ACS Editore amplia così la propria visione, diventando il punto di riferimento per professionisti e imprenditori che desiderano raccontare la propria storia attraverso un libro, comunicando ciò che le ha distinte dalla concorrenza. Una comunicazione tanto rivolta all’interno, per dare voce a chi abbia preso parte al cammino, tanto all’esterno, per mostrare al mercato la propria qualità.

È “Racconti d’impresa, una collana di monografie nella quale professionisti e realtà imprenditoriali, piccole e medie imprese o startup, fanno emergere le proprie caratteristiche, i propri valori, le proprie tradizioni: in sintesi, la propria unicità. Nascono così una serie di collaborazioni e partnership con varie associazioni di categoria, in modo che le aziende e gli imprenditori di questi network siano agevolate nella co-progettazione del proprio “Racconto d’impresa”.

Racconti d’impresa

In un mondo globalizzato, in cui i contorni dei mercati non sono più ben definiti, gli imprenditori hanno ben chiaro che per comunicare agli stakeholder esterni il proprio posizionamento e la propria mission è indispensabile distinguersi: il libro è una risposta unica e prestigiosa per far comprendere fino in fondo le proprie caratteristiche e la propria personalità, garantendosi una ulteriore chance rispetto alla massificazione dei competitor. Per di più a “impatto aziendale zero”, disponendo di un partner come ACS Editore che sa prendersi in carico tutte le fasi del progetto, dalla co-progettualità all’arrivo delle copie stampate.

L’intero processo è infatti coordinato e gestito da un team di professionisti capaci di dar forma, struttura e spessore alle idee, declinandole in una comunicazione funzionale e strategica. Ghostwriting, consulenza editoriale, traduzione in lingua inglese, corsi di formazione e scrittura creativa: progetti su misura cuciti sartorialmente sulle esigenze e sugli obiettivi di ogni figura professionale. Il tutto sotto l’egida del direttore editoriale Barbetta.

Se poi si pensa, giustamente, che il progetto non possa finire lì, ACS Editore assicura un percorso social, sempre in co-progettazione e supportato in ogni fase del processo, partendo dalla creazione e revisione dei contenuti. Il primo mese dell’anno trae il proprio nome dalla divinità bifronte capace di osservare il passato e, contestualmente, il futuro: come un Giano dell’editoria ACS Editore si ancora nella tradizione ponendosi l’obiettivo di non distogliere mai lo sguardo dal divenire.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti