Melinda French Gates non donerà più la maggior parte del suo patrimonio alla Gates Foundation

Melinda French Gates
Melinda French Gates (foto Jamie McCarthy/Getty Images)
Share

Questo articolo di Anna Kaplan è apparso su Forbes.com

Melinda French Gates, riporta il Wall Street Journal, non ha più intenzione di distribuire la maggior parte della sua ricchezza attraverso la Bill & Melinda Gates Foundation. Sposterà invece le donazioni su altre organizzazioni filantropiche, in rottura con i precedenti impegni verso la fondazione che ha creato con il suo ex marito.

I fatti chiave

– French Gates ha preso questa decisione, hanno detto al Journal fonti a conoscenza dei fatti, quando ha pubblicato la sua prima lettera individuale su Giving Pledge, alla fine del 2021 e dopo il suo divorzio da Bill Gates.

– Nella lettera, French Gates ha detto che l’unica cosa responsabile da fare con la sua fortuna è quella di distribuirla “nel modo più ponderato e d’impatto possibile”, anche se non ha specificato a quali organizzazioni andranno le sue donazioni.

– Le speculazioni sul futuro della Bill & Melinda Gates Foundation sono iniziate quando l’ex coppia ha annunciato il divorzio l’anno scorso. Mesi dopo, i due hanno confermato che la French Gates si sarebbe dimessa nel 2023 se avessero deciso di non poter più lavorare insieme come co-presidenti della fondazione.

– L’ex coppia, attraverso una lettera congiunta su Giving Pledge, si era precedentemente impegnata, nel 2010, a distribuire la maggior parte della sua fortuna attraverso la Fondazione Gates.

– La Fondazione Gates, in risposta a una richiesta di commento di Forbes, ha detto di non avere alcun nulla da aggiungere alla lettera su Giving Pledge di Melinda French Gates.

Un fatto collegato

French Gates, come ha riportato il New York Times l’anno scorso, avrebbe assunto degli avvocati divorzisti una volta che i dettagli del rapporto tra Bill Gates e il defunto finanziere Jeffrey Epstein sono diventati di dominio pubblico, nel 2019. Gates ha trascorso del tempo con Epstein, che si è dichiarato colpevole di induzione alla prostituzione minorile e ed era accusato di traffico sessuale prima di morire. Cosa che, sempre secondo il Times, ha sconvolto French Gates.

La donna ha anche espresso le proprie preoccupazioni sulla gestione delle accuse contro il manager finanziario di Bill Gates. E lo stesso vale anche per le accuse nei confronti di suo marito per aver corteggiato dipendenti di Microsoft – anche dopo il matrimonio, nel ‘94. Il Times ha comunque spiegato che non è chiaro quanto il comportamento del marito abbia contribuito alla separazione.

Cosa non sappiamo

Non sappiamo ancora quanto la Gates Foundation sarà influenzata dalla sua decisione. French Gates, riporta il Journal, potrebbe ancora fare donazioni alla Gates Foundation, facendole anche ad altri enti di beneficenza e organizzazioni.

Grandi cifre

6,1 miliardi di dollari. Questo è il patrimonio di French Gates, secondo la classifica in tempo reale dei miliardari di Forbes.

Il contesto

La Fondazione Gates è una delle più grandi organizzazioni filantropiche del mondo, con una disponibilità di oltre 50 miliardi di dollari, dopo che l’ex coppia ha donato altri 15 miliardi la scorsa estate. Se French Gates si dimettesse come co-presidente e fiduciaria nel 2023, riceverebbe risorse personali da Bill per il suo lavoro filantropico. Queste risorse sarebbero “completamente separate dalla dotazione della fondazione, che non sarebbe toccata”, ha detto la fondazione l’anno scorso. La Fondazione Gates ha aggiunto quattro nuovi membri al consiglio di amministrazione all’inizio di questo mese, per aiutare a supervisionare il suo lavoro – è la prima volta che sono stati aggiunti nuovi membri dall’uscita di Warren Buffet -. French Gates ha lanciato la sua società di investimenti, Pivotal Ventures, nel 2015, per concentrarsi specificamente sulle questioni che riguardano le donne e le famiglie negli Stati Uniti. Nel 2019, si è impegnata a donare un miliardo di dollari a Pivotal entro dieci anni per promuovere la parità di genere.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti