L’azienda delle Langhe dai cui vigneti provengono le prime bottiglie di Barolo esportate nel mondo

Share

Dai vigneti che oggi fanno parte della sua azienda sono partite le prime bottiglie di Barolo destinate all’export, per quello che è poi diventato uno dei vini italiani più famosi al mondo. Paolo Sartirano, amministratore di Cantine Sansilvestro, è stato ospite negli studi di Forbes Leader dove ha raccontato un pezzo importante della storia delle Langhe, terra piemontese del vino che vede appunto il Barolo capofila di una serie di vini pregiati. 

Una storia lunga oltre un secolo

La sua azienda, di cui è timoniere insieme al cugino Guido Sartirano, ha una storia che scorre attraverso i secoli. La sua famiglia, infatti, si occupa di vino dal 1871 ed è stata tramandata di padre in figlio fino ai giorni nostri. Oggi la Sartirano Figli Cantine e Vigneti si compone dei brand Cantine Sansilvestro e Costa di Bussia. Proprio quest’ultima, i cui 11 ettari di vigneti sono stati acquisiti nel 1988, fu un tempo di proprietà di Luigi Arnulfo, personaggio importante nella storia del Barolo a cui Sartirano ha dedicato anche un libro. Un’opera per la quale ha tratto spunto dalle lettere e manoscritti di Arnulfo, rinvenuti durante i lavori di ristrutturazione seguiti all’acquisto dell’azienda dal precedente proprietario.

Obiettivo sostenibilità

Dopo il viaggio nella storia, nel corso dell’intervista si è parlato anche di progetti futuri per l’azienda piemontese: “L’obiettivo della nostra realtà è di continuare questa storia, ovvero la storia del territorio, di questi vini e della nostra famiglia. E vogliamo che si possa tramandare nel tempo facendo in modo che la nostra attività sia sostenibile. Per questo a maggio saremo certificati Equalitas: volevamo un modo per trasmettere ai nostri clienti e a chi si avvicina a questo grande vino che è il Barolo qual è la nostra cultura”. 

Di questo e di altri argomenti si è parlato durante l’intervista a Forbes Leader (in onda ogni mercoledì alle 21.30, canale 511 di Sky e 61 di Tv Sat) che si può vedere integralmente qui di seguito.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti