Stellantis acquisisce Share Now: obiettivo 2,8 miliardi di euro di ricavi nel car sharing

stellantis, free2move
shutterstock
Share

Stellantis punta forte sul car sharing. Attraverso la sua Free2move annuncia di aver firmato un accordo per l’acquisizione di Share Now, la joint venture costituita nel 2019 da Bmw e Mercedes-Benz.

Fatti principali

  • Oggi, Free2move del gruppo Stellantis ha comunicato di aver firmato un accordo per l’acquisizione di Share Now, la joint venture costituita nel 2019 da Bmw e Mercedes-Benz.
  • Grazie all’accordo, Free2move aggiunge 14 importanti città europee, oltre 10mila veicoli, e più di 3,4 milioni di clienti ai 2 milioni di utenti. Al momento la società conta una flotta di oltre 450.000 auto che offre servizi di noleggio, car sharing e abbonamento, 500.000 posti auto e una rete di 250.000 stazioni di ricarica.
  • Secondo quanto dichiarato in una nota ufficiale, l’acquisizione “migliorerà ulteriormente le sue economie di scala e le sinergie, contribuendo all’ambizione Dare Forward 2030 che prevede di far crescere i propri servizi per la mobilità fino a ricavi netti di 2,8 miliardi di euro.
  • Il modello di Free2move, già operativo negli Stati Uniti e in Europa, permette al cliente di prendere un’auto per pochi minuti o poche ore. E, inoltre, permette al cliente che desidera quel veicolo per un tempo superiore, di mantenere la stessa auto senza cambiare il contratto. Considerando, peraltro, che il prezzo di Free2move si adatta automaticamente in base alle esigenze e richieste del cliente.

La citazione

“L’integrazione del forte posizionamento di Share Now nelle principali città europee permetterà ai nostri clienti di avere accesso a una più ampia gamma di servizi per soddisfare le loro diverse esigenze di mobilità”, ha dichiarato Brigitte Courtehoux, ceo di Free2move. “È  altrettanto importante che questa acquisizione acceleri la nostra crescita in termini di profitto. Ora siamo più vicini a raggiungere il nostro obiettivo di espandere la presenza di Free2move in tutto il mondo, arrivando a 15 milioni di utenti attivi entro il 2030”.

Background

Free2move ha recentemente annunciato l’acquisizione di Opel Rent, accelerando la strategia di crescita in Germania e Austria e spingendo la transizione da noleggio a fornitore di mobilità. Nel frattempo, ha accelerato la sua espansione del car sharing negli Stati Uniti, con il servizio ora disponibile a Washington D.C., Portland, Oregon, Denver, Colorado, Columbus Ohio e Austin, Texas. Free2move gestisce anche il car sharing in Europa (Parigi e Madrid).

LEGGI ANCHE: “Stellantis, a Termoli la Gigafactory italiana. Pronto un piano di elettrificazione da 30 miliardi di euro”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti