L’investitore è davvero di aiuto alla startup? Ecco l’app per verificare l’operato dei venture capitalist

Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Come ogni venture capitalist, il partner di Craft Ventures Brian Murray avrà dovuto rispondere più volte alle stesse domande dei founder delle società in cui investe: puoi presentarmi un potenziale cliente? Conosci qualche buon candidato per questa posizione che sto cercando di ricoprire? Puoi retwittare questo articolo su di noi?

Per i fondatori di startup, può essere complicato capire a quali investitori e consulenti rivolgersi per chiedere aiuto. “Non c’è mai stato un buon modo per attivare questo gruppo di professionisti”, dice Murray.

Già raccolti 8 milioni di dollari

Così Murray e Fahim Ferdous, hanno deciso di costruire uno strumento per colmare questa mancanza di connessione tra founder e investitori. Chiamata Cabal, la loro nuova creatura ha raccolto 8 milioni di dollari in finanziamenti iniziali guidati dalla società di Murray Craft e Seven Seven Six, con la partecipazione di fondi come Y Combinator, Backstage Capital e Day One Ventures, nonché da angel investor tra cui Li Jin e Max Mullen . Già 2.600 organizzazioni stanno utilizzando l’app, la maggior parte delle quali sono aziende che cercano i loro migliori stakeholder e consulenti che possano fornire il massimo aiuto.

“Il riscontro ci sarà”, afferma Alexis Ohanian, fondatore e partner di Seven Seven Six. “Ci saranno casi di consulenti che ‘funzionano’ di più per i founder rispetto a persone che hanno pagato per essere al tavolo degli investitori. Quella trasparenza dei dati potrà essere un male per gli investitori pigri, ma sarà utile per tutti gli altri”.

Cabal è stata creata all’inizio del 2020 da Murray e Ferdous, ex colleghi della società di social networking Yammer. Inizialmente l’hanno utilizzata per se stessi e per i colleghi più stretti. L’app si poi è rapidamente diffusa tra i founder della Silicon Valley, arrivando in un momento in cui un numero crescente di investitori singoli e un mercato favorevole avevano portato a una proliferazione di azionisti nelle cap table (la lista degli shareholer) delle startup. L’anno scorso, l’azienda è entrata nell’acceleratore di startup Y Combinator ed è stata un’ ottima opportunità per fare rete con centinaia di founder.

Un abbonamento freemium

I fondatori di startup possono utilizzare l’app di Cabal per inviare aggiornamenti periodici via e-mail agli investitori e per attingere alle reti dei loro investitori. Cabal si connette con strumenti Crm in modo che un founder possa vedere chi nella sua rete ha connessioni con una determinata azienda al fine di fornire informazioni per un potenziale accordo commerciale o partnership.

L’app è disponibile tramite un modello freemium: Cabal addebita agli utenti una quota di abbonamento per le funzionalità da collegare agli strumenti di vendita. Cabal ha realizzato poche entrate finora, avendo iniziato a monetizzare solo ad aprile, afferma Murray. Questa settimana, Cabal ha lanciato un’app mobile che fornisce una dashboard per investitori e consulenti per vedere tutti i modi in cui possono aiutare le loro società presenti nel portafoglio.

Con un rallentamento negli investimenti di venture capital, Murray dice che prevede ancora più utilità per Cabal. “Penso che i fondatori dovrebbero guardare molto al loro tavolo degli investitori e ai loro consulenti per il supporto”, dice. “Sono ancora lì e vogliono aiutarti, soprattutto se saranno meno attivi nel fare nuovi investimenti, allora puoi farli essere più attivi nel contribuire alla tua attività”.

L’obiettivo è l’equità

Murray e Ferdous hanno anche deciso di gamificare il sistema creando una classifica che tiene traccia dell’aiuto fornito da ciascun investitore o consulente. Ciò può aiutare a mantenere i VC responsabili, ma anche premiare coloro che stanno facendo molto per un’azienda. Cabal si sincronizza con strumenti di gestione della cap table come Carta e Pulley per consentire alle aziende di dare un riconoscimento ai consulenti più utili o ad altre persone non interne (per esempio, qualcuno che ha sostenuto l’azienda sui social media).

“La partecipazione è stata, storicamente, un modo molto potente per creare ricchezza, ma è stata piuttosto limitata a persone che sono già ricche come gli investitori”, afferma Murray. “Ora, le persone possono costruire un portafoglio e ricevere qualcosa in base ai loro contributi e al loro autentico interesse e volontà di aiutare le aziende”.

Ohanian afferma di essere molto entusiasta del potenziale di Cabal per aiutare a inaugurare una “disaggregazione del capitale di rischio” che guiderà il potere dalle società di capitale di rischio tradizionalmente dominanti.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.