Fabrica Floridi: viaggio attraverso rischi e opportunità della transizione digitale

Luciano Floridi Fabrica Floridi
Luciano Floridi, conduttore di “Fabrica Floridi”
Share

Il mondo è cambiato. Il digitale, i dati e l’intelligenza artificiale abilitano stili di vita e di consumo inesplorati. Un sistema economico in costante evoluzione: dalla robotica, alla guida autonoma, alla realtà aumentata. Dobbiamo quindi prepararci a scenari avveniristici, mentre aspettiamo il Metaverso. È questo il tema della nuova puntata di Fabrica Floridi, il web show condotto dal filosofo da Oxford Luciano Floridi, diretto da Enzo Argante per la regia di Giuseppe Scutellà. Ospiti della puntata: Gianmatteo Manghi, ad Cisco Italia, Gianluca Landolina, managing director Cellnex Italia, Marilu’ Capparelli, direttore affari legali Google, Joelle Gallesi, managing director Hunters Group

“In realtà non c’è una transizione digitale, ma tante transizioni digitali”, ha esordito il filosofo Luciano Floridi, “quella della cablatura del mondo; quella dei social media; quella di una computazione sempre più potente di dati sempre più vasti e sempre più utili; oppure quella della pubblica amministrazione e della gestione della cosa pubblica. Immaginate che la transizione digitale come una flotta di velieri che sta arrivando su un nuovo continente. Alcuni di questi velieri finiranno bene, altri finiranno nelle secche e non arriveranno da nessuna parte e altri ancora potrebbero schiantarsi. È importante allora moltiplicare le voci e i punti di vista”. Aspetti che sono stati esplorati dai protagonisti della puntata.

Il tema della sicurezza

Quello della sicurezza, per esempio. Secondo Gianmatteo Manghi, amministratore delegato di Cisco Italia “ci vogliono competenze di base molto diffuse nella sicurezza. È molto importante per consentire alla trasformazione digitale di proseguire velocemente. La pandemia ha messo in risalto le vulnerabilità presenti. Ogni giorno blocchiamo sulla rete a livello mondiale 20 miliardi di attacchi la maggior parte generati probabilmente da robot software ma che effettivamente possono violare la privacy, sottrarre i dati personali, indurre le persone a navigare verso siti malevoli e bloccano. Ogni giorno un milione e mezzo di malware vengono bloccati garantendo la privacy delle persone“.

Le visioni legate al 5G. Secondo Gianluca Landolina, amministratore delegato di Cellnex “permetterà anche alle cose di parlare tra di loro. Non più solo un dialogo tra umani e umani o umani con le cose; ma saranno anche le cose che parleranno fra di loro e prenderà sempre più il sopravvento il cosiddetto Internet delle cose dove il controllo remoto potrà essere molto più efficiente e molto più efficace e in tempo reale. M ricordiamoci sempre in maniera positiva e costruttivamente e sanamente egoistica per la nostra comunità senza mai diventarne servi e schiavi“.

L’intelligenza artificiale come opportunità

“L’intelligenza artificiale è diventata una protagonista assoluta della nostra quotidianità”, ha spiegato Marilù Capparelli, direttore Affari Legali Google, “e proprio per questa ragione è assolutamente necessario far sì che questi trattamenti dei dati avvengono nel rispetto delle leggi. È quello che facciamo noi: rispettiamo il diritto alla privacy e dobbiamo tenerle tenere al sicuro le informazioni: per questo motivo per cui noi creiamo strumenti per la privacy che consentono agli utenti di avere un controllo e che sono efficaci e facili da usare”.

Joelle Gallesi ha quindi parlato del Mentoring Program che Nuvolaverde sta organizzando con Cisco e Cellnex in collaborazione con Hunters Group. “Servono transition designer che abbiano le competenze trasversali per entrare in questi ambiti. Il progetto di mentoring program a cui stiamo lavorando insieme ha un grande valore aggiunto perché entra su questo mercato e sicuramente permetterà carriere molto veloci…”.

La puntata di Fabrica Floridi sarà visibile in streaming dal 20 giugno maggio sul sito di Forbes.it e su www.nuvolaverde.eu, piattaforma della comunicazione responsabile di Nuvolaverde realizzata in collaborazione con BFC Media e con il magazine tv&web Siamo Jedi visibile su BFC Forbes (Sky 511, TvSat61 e DT 260) e in streaming su bfcvideo.com e stream24.ilsole24ore.com.

La regia è di Giuseppe Scutellà (Teatro PuntozeroBeccaria). In redazione gli Jedi di Parma (Karin Piffer, Ginevra Montano, Tommaso Pranteda, Martina Baldin), di Punto Zero Beccaria (Geson Udorovic, Alex Simbana), di Fondazione Margherita Hack (Noemi Narcisi, Elisa Lauricella, Diana Bracalente) e i giornalisti sociali della redazione de Il Bullone (Sofia Segre Reinach, Michele Tedone, Oriana Gullone, Margherita Luciani, Silvia Bellinato).
La produzione di Fabrica Floridi è coordinata da Lisa Mazoni del Teatro Puntozero Beccaria con i ragazzi dell’area penale interna ed esterna IPM e USSM Cesare Beccaria di Milano: Vanessa Costa, Federico F. Davide R. Mattia Romeo, Alex Simbana, Alessandra Turco, Geson Udorovic, Enea Pablo Zen Scutellà.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.