Milionari russi in fuga: in 15.000 si preparano a lasciare il paese

(Photo by Oleg Nikishin/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Migliaia di milionari russi potrebbero prepararsi a lasciare il loro paese mentre la guerra con l’Ucraina continua. Lo ha affermato il ministero della Difesa del Regno Unito nel suo aggiornamento quotidiano dell’intelligence, che segnala una possibile opposizione o preoccupazioni tra l’élite russa per le sanzioni.

LEGGI ANCHE:Chi sono gli oligarchi russi che scappano a Dubai per sfuggire alle sanzioni”

Fatti principali

  • Secondo l’aggiornamento dell’intelligence, circa 15.000 milionari russi hanno presentato domanda di migrazione e potrebbero prepararsi a lasciare il paese.
  • Il ministero osserva che il potenziale esodo potrebbe essere motivato dalla “opposizione personale all’invasione” delle persone o dai timori sull’impatto economico delle sanzioni occidentali contro la Russia.
  • L’uscita di un gran numero di ricchi russi dal paese potrebbe solo servire a peggiorare le sue prospettive economiche a lungo termine.
  • Nonostante gli sforzi del Cremlino per reprimere ogni opposizione alla guerra, diversi russi si sono uniti alla cosiddetta “Legione della libertà per la Russia” (Freedom for Russia Legion) che ora sta combattendo a fianco delle forze ucraine, aggiunge il rapporto.

Sullo sfondo

Mentre i suoi progressi in Ucraina sono rallentati, Mosca si è mossa per approvare leggi per mettere a tacere qualsiasi opposizione alla guerra all’interno della Russia, inclusa una condanna a 15 anni di reclusione per aver condiviso quelle che sono considerate false informazioni sui militari. La maggior parte dell’élite russa ha espresso sostegno alla guerra o è rimasta in silenzio al riguardo. Coloro che si sono espressi contro l’invasione, come il magnate bancario e l’ex miliardario Oleg Tinkov, avrebbero dovuto affrontare il contraccolpo dello stato.

LEGGI ANCHE: “Ecco quanto hanno perso in un anno i miliardari più ricchi della Russia”

Il mese scorso, Tinkov ha dichiarato di essere stato costretto dal Cremlino a vendere la sua partecipazione nella seconda banca russa senza alcuna possibilità di negoziare. Tinkov, che ora vive in Italia, è stato esplicito nella sua opposizione a quella che ha etichettato come una “guerra pazza”. L’ex miliardario ha suggerito che diversi membri dell’élite degli affari e del governo russo fossero d’accordo con lui in privato. Ma troppo spaventati per parlare.

LEGGI ANCHE: “Qual è il vero patrimonio di Putin?”

A margine

Diversi oligarchi russi e i loro beni di proprietà straniera sono stati presi di mira dalle sanzioni occidentali dall’inizio dell’invasione russa. Ciò ha portato al sequestro di yacht e ville multimilionarie di proprietà di oligarchi con stretti legami con il presidente russo Vladimir Putin. A inizio mese, i funzionari statunitensi hanno sequestrato un superyacht legato al magnate dell’oro e miliardario russo Suleiman Kerimov.

Anche yacht di proprietà di altri miliardari russi come Igor Sechin e il magnate minerario Alisher Usmanov sono stati sequestrati dalle autorità europee. Il profilo più alto di questi sequestri è avvenuto il mese scorso quando le autorità italiane hanno sequestrato un super yacht ritenuto di proprietà dello stesso Putin.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti

Share