In un anno i vaccini anti-Covid hanno evitato quasi 20 milioni di morti in tutto il mondo: lo studio del Lancet

(Photo by Jens Schlueter/Getty Images)
Share

I vaccini anti-Covid-19 hanno salvato quasi 20 milioni di vite in tutto il mondo durante il primo anno in cui sono stati lanciati. A dirlo uno studio basato su modelli matematici pubblicato su Lancet Infectious Diseases. Secondo il report i vaccini hanno quindi dimezzato il potenziale bilancio delle vittime globali del coronavirus durante quel periodo anno.

Fatti principali

  • I vaccini hanno evitato 19,8 milioni su un potenziale di 31,4 milioni di decessi durante il primo anno dall’introduzione, da dicembre 2020 a dicembre 2021. Lo studio ha esaminato i dati sui decessi Covid e i dati sui decessi in eccesso di 185 paesi.
  • I vaccini hanno salvato la maggior parte delle vite nei paesi ad alto e medio reddito, dove i ricercatori hanno stimato che un maggiore accesso ai vaccini ha impedito 12,1 milioni di morti.
  • Lo studio mostra il “notevole impatto globale” della vaccinazione sulla pandemia, ha affermato Oliver Watson, autore principale dello studio.
  • Secondo i ricercatori, si sarebbero potute evitare quasi 600.000 morti in più se l’obiettivo dell’Organizzazione mondiale della sanità di vaccinare il 40% della popolazione in ogni paese entro la fine del 2021 fosse stato raggiunto.

A margine

Mentre quasi l’80% dei decessi è stato evitato a causa della protezione diretta fornita dalla vaccinazione, 4,3 milioni di decessi sono stati prevenuti grazie alla protezione indiretta offerta da altri vaccinati. Il che, secondo i ricercatori, ha portato a una diminuzione della trasmissione di Covid e a una riduzione del carico sui sistemi sanitari.

Sullo sfondo

Diversi studi regionali hanno stimato il numero di vite salvate dalla vaccinazione Covid. Ma lo studio del Lancet è il primo a quantificare l’impatto dei vaccini a livello globale attraverso la modellizzazione. Uno studio della Kaiser Family Foundation ha rilevato che quasi un quarto di milione di vite negli Stati Uniti poteva essere evitata con una vaccinazione più tempestiva tra giugno 2021 e aprile 2022.

I ricercatori hanno stimato che entro dicembre 2021, un anno dopo la somministrazione del primo vaccino, circa il 55% della popolazione mondiale aveva ricevuto almeno una dose di vaccino, mentre il 45% ne aveva ricevute due. Tuttavia, più di 3,5 milioni di persone sono morte di coronavirus da quando i vaccini sono diventati disponibili per la prima volta. Molti, secondo i ricercatori, avrebbero potuto essere evitati se i vaccini fossero stati distribuiti più rapidamente in tutto il mondo.

Gli Stati Uniti e altri paesi ad alto reddito miravano a donare 2 miliardi di dosi di vaccini ai paesi a basso e medio reddito entro la fine del 2021, nel programma Covid-19 Vaccines Global Access (Covax). Hanno consegnato poco meno della metà di tale importo. Secondo i ricercatori è necessario rafforzare la distribuzione e la consegna del vaccino in tutto il mondo. Inoltre, si dovrebbe intensificare la lotta alla disinformazione per migliorare l’adozione del vaccino, e prevenire così ulteriori morti per Covid.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.