Andrea Iervolino acquisisce il 75% di Mercato Metropolitano per crescere nell’agro-economico

Andrea Iervolino
Andrea Iervolino
Share

Con la sua IA Media, controllante della TaTaTu S.p.A, Andrea Iervolino ha annunciato l’integrazione del 75% di Mercato Metropolitano, società londinese attiva nella gestione della ristorazione.

I dettagli dell’operazione

L’operazione, il cui valore complessivo è di 14,5 milioni di euro per il 75% di Mercato Metropolitano, è stata perfezionata attraverso un primo aumento di capitale sociale di TaTaTu riservato ad Andrea Rasca liberato tramite conferimento di una partecipazione indiretta in Mercato Metropolitano, seguito da ulteriore secondo aumento di capitale, sempre liberato in natura tramite conferimento di ulteriori azioni di Mercato Metropolitano sino al raggiungimento del 75%.

Con l’integrazione di Mercato Metropolitano, la piattaforma di intrattenimento basata sulla sharing economy dei dati e sulla circular economy  fa un ulteriore passo avanti nella realizzazione di una economia circolare legata alla spendibilità del mezzo utilizzato per premiare i propri utenti, il TTU Coin. Che sarà utilizzabile adesso anche per l’acquisto di prodotti nelle sedi di Mercato Metropolitano: più di 5 milioni di clienti l’anno per una scelta curata di cibo sano, locale e sostenibile, prodotto da giovani chef, aspiranti imprenditori che MM ha incubato negli anni.

Due realtà a confronto

Due realtà che condividono gli stessi valori, ma in forme diverse. Da una parte Mercato Metropolitano, nato nel 2015 con un progetto “fuori Expo 2015” a Milano, e poi nel 2016 sulle ceneri di una vecchia fabbrica a Elephant and Castle, Londra, che rappresenta oggi la prima realtà di Sustainable, CoMMunity Market, completamente immersa e creata con l’aiuto delle comunità locali, ed ora con progetti in corso in altre capitali europee, americane ed asiatiche.

Dall’altra TaTaTu, la prima sharing economy dei dati il cui sistema è basato sulla condivisione del valore creato, premiando chi usufruisce dei contenuti presenti: basta ricevere dei like, commenti, condivisioni oppure invitare gli amici ad iscriversi alla piattaforma per iniziare a guadagnare TTU Coin da spendere su un e-commerce dedicato con l’acquisto di prodotti, partecipando ad aste e, da oggi, anche in store fisici.

“Entrambe le realtà si rispecchiano in determinati valori che hanno spinto a dare vita a questa acquisizione”, ha commentato Andrea Iervolino, ceo e fondatore di TaTaTu. “In primis, vogliamo dare grande importanza al ruolo della community, mettendola al centro di tutto. La possibilità di spendere TTU Coin negli store di Mercato Metropolitano è solo l’inizio di un percorso comune che continuerà a portare benefici di vario genere alle persone”.

L’obiettivo è duplice, da un lato ampliare l’offerta di TaTaTu, in particolare nell’ambito del settore agro-economico. Dall’altro aumentare le possibilità di spesa del TTU Coin, mezzo utilizzato per premiare i propri utenti che si accumula sulla piattaforma TaTaTu grazie all’attività svolta dagli utenti online.

 A proposito di Mercato Metropolitano

Mercato Metropolitano è da sempre in prima linea nel favorire la nascita di community market sostenibili fondati su obiettivi di sviluppo sostenibile ed Esg. “In Andrea Iervolino, ho trovato non solo un amico che condivide i miei stessi valori, ma anche la possibilità di sviluppare una dirompente intuizione comune – con il supporto di TaTaTu – ovvero di offrire una ricompensa agli utenti che anche solo utilizzando la piattaforma, guardando un film ad esempio, potessero poi utilizzarla nei nostri market, rendendo di fatto il cibo ancora più accessibile”, ha detto il fondatore Andrea Rasca.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.