Jet privato, Ferrari e golf con Tiger Woods: la storia del ceo che viveva nel lusso ma non pagava i dipendenti

Chris Kirchner
Chris Kirchner al Pride Park Stadium di Derby, in Inghilterra, nei giorni in cui trattava l’acquisto del Derby County (foto Nathan Stirk/Getty Images)
Share

Questo articolo di David Jeans è apparso su Forbes.com

Un’indagine di Forbes ha svelato che Chris Kirchner, amministratore delegato della startup da 240 milioni di dollari Slync.io, finanziata da Goldman Sachs, ha licenziato alcuni dirigenti dopo che questi avevano posto domande sui capitali della società. Al momento sta affrontando una causa per licenziamento senza giusta causa e accuse di “comportamento fraudolento”

Durante il weekend del 4 luglio, un dirigente poco noto di nome Chris Kirchner ha stretto amicizia con i campioni di golf al Jp McManus Pro-Am, un evento esclusivo che offre a persone facoltose la possibilità di giocare al fianco di leggende come Tiger Woods e Rory McIlroy. Kirchner, che solo pochi anni prima di fondare la sua società di software per la logistica Slync.io vendeva televisori per Best Buy, sembrava avere visto le sue sorti cambiare in modo incredibile.

Ma mentre Kirchner volava in giro per il mondo sul suo jet privato per partecipare a tornei di golf esclusivi, incontrare personaggi famosi e discutere l’acquisto di una squadra di calcio inglese, i suoi circa 100 dipendenti negli Stati Uniti restavano senza stipendio per quasi due mesi.

“Non riesco nemmeno a dirlo”, dichiara un dipendente a Forbes. “Sta volando in giro per il mondo, sta giocando nella squadra di Slync a nostro nome, a spese dell’azienda”. (Forbes ha concesso l’anonimato ai dipendenti ed ex dipendenti per il loro timore di ritorsioni). Nonostante Kirchner giochi per Team Slync, secondo la società avrebbe pagato di tasca propria per il torneo Pro-Am.

Le accuse

I problemi legati agli stipendi di Slync sono solo l’inizio dei guai dell’azienda. Un’analisi degli atti giudiziari, dei documenti e dei file video ottenuti da Forbes e le interviste con 13 dipendenti ed ex dipendenti suggeriscono che alcuni investitori e membri del consiglio hanno sottovalutato la mancanza di trasparenza di Slync riguardo i propri dati finanziari. Investitori come Goldman Sachs e Blumberg Capital, che avevano posti nel consiglio di amministrazione e gestivano finanziamenti a favore di Slync per un totale di 80 milioni di dollari, valutando la società in 240 milioni, sembrano non aver adottato alcuna iniziativa quando, in tre occasioni, i dirigenti furono licenziati dopo aver esposto le proprie preoccupazioni al consiglio.

Secondo quanto riferito da sei ex dipendenti, al centro di queste preoccupazioni sta il fatto che il cfo e il cro della società non avevano accesso a tutti i conti bancari della società. Invece, lo stesso Kirchner ha fornito al consiglio di amministrazione documenti contabili trimestrali.

Inoltre, secondo diverse persone che hanno familiarità con la questione, Kirchner ha riferito al consiglio che nel 2021 Slync avrebbe generato ricavi per quasi 30 milioni di dollari da circa 20 clienti. In realtà, la cifra reale era prossima a un milione di dollari di ricavi annuali e meno di cinque clienti, dichiarano queste persone. In risposta a queste accuse, il membro del consiglio Jim Atwell ha dichiarato che Slync “ha ben più di cinque clienti e i ricavi annuali della società sono significativamente superiori alle vostre informazioni”, ma ha rifiutato di specificare il numero di clienti o l’importo dei ricavi.

Uno dei dirigenti licenziati, l’ex vicepresidente del dipartimento di ingegneria Jason Selvidge, ha intentato una causa per licenziamento senza giusta causa. In una bozza dell’esposto esaminata da Forbes, Selvidge afferma di essere stato licenziato dopo aver inviato una lettera al consiglio in cui sosteneva che la società aveva “regolarmente” omesso di pagare i dipendenti e che Kirchner aveva tenuto “comportamenti illegali e fraudolenti”. Slync ha contestato l’affermazione di Selvidge, ma ha rifiutato di rilasciare ulteriori commenti sulle questioni dei dipendenti. La società ha dichiarato di non aver ancora ricevuto le carte, aggiungendo di non voler rilasciare commenti riguardo il contenzioso pendente.

Nel suo procedimento legale Selvidge ha sostenuto che l’ex cfo, Samar Kamdar, era stato licenziato dopo aver informato il consiglio a maggio che “il suo esame del bilancio indicava che alcune cifre non tornavano, poiché egli non aveva riscontrato alcune delle situazioni contabili che evidenziavano ricavi”. Il legale di Selvidge, Ilya Filmus, ha dichiarato: “Riteniamo che siano state violate una serie di leggi e intendiamo provarlo”.

Kirchner ha rifiutato le richieste di un’intervista e non ha risposto a un elenco dettagliato di domande. Tramite Fgs Global, società di pubbliche relazioni specializzata nella gestione delle crisi, il consiglio di amministrazione di Slync ha rifiutato di rispondere a un elenco di domande sulle attività e le disponibilità finanziarie personali di Kirchner, dichiarando che queste “non sono correlate all’attività commerciale”. Anche il portavoce della società Jamie Reints, vicepresidente del settore marketing, ha contestato alcune delle qualifiche rispetto alle operazioni finanziarie della società stessa in questa vicenda. Goldman Sachs ha detto che il consiglio ha risposto a nome della società. Blumberg non ha risposto a una richiesta di dichiarazioni.

Gli eccessi di Chris Kirchner

Molte startup stanno lottando in un mercato economico in peggioramento, le società di venture capital hanno ritirato i finanziamenti e licenziamenti di massa hanno colpito il settore tecnologico. Ma, secondo quanto dichiarato dai dipendenti, i problemi in Slync contrastano in maniera stridente con gli eccessi personali di Kirchner ed evidenziano i rischi del rifiuto da parte degli investitori di frenare tale condotta.

Negli ultimi 18 mesi, mentre la sua società stava esaurendo le sue disponibilità finanziarie e lottava per raccogliere fondi o attirare nuovi clienti, Kirchner aveva acquistato un jet privato del valore di 15 milioni di dollari, si era iscritto a un esclusivo country club del Texas, aveva acquistato auto di lusso, investito in una startup tecnologica europea e aveva tentato di acquistare la squadra di calcio inglese del Derby County.

Assistendo a questo, alcuni dipendenti concludevano di essere stati ingannati da un ceo più interessato a vivere una vita di eccessi che a costruire un’azienda di successo. “Non so se [Slync] fosse un’attività commerciale piuttosto che una forma di cleptocrazia”, ha riferito a Forbes un ex dipendente. “Chris Kirchner alla fine stava usando lo sport per garantirsi l’accesso a cose che non avrebbe mai avuto da persona normale”.

Lunedì 18 luglio, tre giorni dopo aver ricevuto domande da Forbes sul mancato pagamento dei dipendenti, il membro del consiglio di Slync Atwell ha dichiarato: “Stanno versando a tutti i dipendenti le somme che erano loro dovute”. Atwell ha dichiarato che il mancato pagamento da parte della società non era dovuto a una carenza di fondi, aggiungendo che “il processo per garantire che i dipendenti ricevessero tutti i pagamenti a cui hanno diritto è stato molto dinamico”.

Martedì 19 luglio quattro dipendenti ed ex dipendenti hanno riferito a Forbes di non essere stati ancora pagati.

Al Dubai Desert Classic di quest’anno, tappa dello European Tournament tenutasi a gennaio presso l’Emirates Golf Course, c’è stato il solito clima elettrizzante. Sponsor ufficiali come Cnn, Rolex e Bmw hanno rafforzato il prestigio della propria immagine in mezzo ai grattacieli e ai campi da golf ondulati e luminosi. Il marchio svizzero di orologi di lusso Omega era stato lo sponsor principale dell’evento negli ultimi dieci anni, ma quest’anno Slync.io, una piccola azienda sconosciuta, aveva pagato milioni per questo privilegio. “Quando parlo di Slync e dei sogni che ho fatto, questo non è uno di quelli”, ha raccontato Kirchner a un giornalista locale. “Questa settimana è eccitante, nuova e in qualche modo surreale”.

La storia di Chris Kirchner

L’evento ha evidenziato quanta strada avesse fatto Kirchner in così poco tempo. Il 34enne, che spesso sfoggia un cappellino da baseball e ha una vaga somiglianza con il personaggio Turtle della serie TV Entourage, ha frequentato il corso di marketing e comunicazione dell’Università del Kentucky, ma ha mollato nel 2009, senza essersi laureato. Secondo il suo profilo LinkedIn, ha poi lanciato Kirchner Entertainment, che è stata coinvolta in “varie iniziative nel campo della pubblicità e dell’intrattenimento”. Poiché questa società non ha ottenuto molto successo, Kirchner è andato a lavorare per Best Buy, dove è rimasto fino al 2015.

Si è imbattuto in una circostanza fortunata nel suo lavoro successivo, mentre era capo del dipartimento di marketing presso la società di produzione di etichette Turner Labels, che ha sede a Lexington. Lì ha incontrato Raj Patel, il suo referente in Salesforce, che era un fornitore. Patel stava lavorando nel team di intelligenza artificiale Einstein di Salesforce, che realizza uno strumento di analisi predittiva, e i due si sono resi conto che tale analisi poteva essere applicata al settore della logistica.

Hanno quindi abbandonato il loro lavoro per creare un sistema operativo all-in-one in grado di collegare i dati da più software per la logistica per semplificare attività come monitoraggio delle spedizioni e gestione delle consegne. Con altri tre cofondatori che hanno lavorato con Patel in Salesforce, alla fine del 2017 hanno fondato Slync.io. Nonostante la mancanza di competenze tecniche, esperienza manageriale o conoscenza del settore logistico, Kirchner è stato nominato ceo perché, come ha ricordato in seguito un dipendente, Patel ha detto: “Può vendere a chiunque”. Patel non ha risposto a una richiesta di commento.

Le prime grane di Slync

Il team ha gestito Slync per tre anni prima di spostare il quartier generale dal Kentucky a San Francisco. Dopo aver firmato accordi con le principali società di trasporti, tra cui Kuehne + Nagel, Dhl ed Expeditors, Slync si è assicurata un finanziamento di serie A da 11 milioni di dollari nell’aprile 2020, subito dopo lo scoppio della pandemia da Covid-19. “Vediamo Slync.io come parte della soluzione, non solo a breve termine, per una catena di approvvigionamento globale più solida”, ha dichiarato allora in un comunicato David J. Blumberg, fondatore e socio amministratore di Blumberg Capital che è entrato a far parte del consiglio di Slync.

Nonostante gli attestati di fiducia, i primi segnali di allarme avevano già cominciato a emergere. Nel gennaio 2019, Kirchner ha convinto Tom Wrobleski, un consulente anziano che guadagnava più di 500mila dollari all’anno presso la società di ricerca del personale Korn Ferry, a diventare chief strategy officer di Slync. Kirchner aveva promesso a Wrobleski uno stipendio di 360mila dollari, 150mila dei quali messi a disposizione da sua madre e dal marito della madre. Ma dopo essere entrato a far parte della società, la paga di Wrobleski è stata quasi dimezzata, secondo gli atti di un procedimento legale intentato dallo stesso Wrobleski nel 2020. Slync e Kirchner hanno contestato il procedimento legale, che alla fine è stato respinto, negando interamente tutte le affermazioni di Wrobleski. Wrobleski non ha risposto alla richiesta di fornire dichiarazioni.

Ma Wrobleski non è stato l’unico a sostenere di essere stato ingannato. I pagamenti ai dipendenti erano stati ritardati ad agosto e settembre 2019 e Slync non ha pagato i dipendenti nei tre mesi precedenti il finanziamento di serie A, secondo quanto contenuto negli atti del procedimento legale di Selvidge. Inoltre, Slync è stata citata in giudizio dalla rivista di settore Freightwaves, che ha affermato di essere creditrice di quasi 400mila dollari per una sponsorizzazione di un evento non pagata. Mentre le parti raggiungevano un accordo, Slync ha riferito a Forbes che FreightWaves era stata pagata per intero dopo che la società aveva chiuso il finanziamento di serie A. FreightWaves ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni.

In seguito, cinque giorni dopo l’annuncio del finanziamento di Serie A, Slync ha ottenuto un prestito del Programma di Protezione dei Pagamenti, l’iniziativa del governo federale americano pensata per le imprese in difficoltà che faticano a rispettare le scadenze degli stipendi a causa della pandemia da Covid-19. La società ha dichiarato che avrebbe utilizzato 391.667 dollari per coprire i costi di 20 dipendenti.

Sebbene la società disponesse a quel punto di contanti in quantità, secondo gli atti della causa di Selvidge, Kirchner avrebbe appreso che Slync poteva mantenere il prestito emesso dal governo se avesse mantenuto i propri dipendenti. Nello stesso mese Kirchner ha acquistato una Ferrari Superfast 812 nera, venduta al dettaglio tra i 300mila e i 500mila dollari (il portavoce di Slync Jamie Reints ha dichiarato che la società ha rimborsato il prestito alla fine del 2020).

Il ruolo degli investitori

Se i dipendenti avevano dubbi, a dissiparli poteva essere l’interesse di importanti investitori. Nel febbraio 2021, Slync annunciava che Goldman Sachs stava coordinando una tornata di finanziamenti di serie B da 60 milioni di dollari, valutando la società 240 milioni di dollari. “Slync ha dimostrato enormi progressi”, ha dichiarato John Giannuzzi di Goldman Sachs Growth in un comunicato stampa in cui il suo ingresso nel consiglio.

Con l’iniezione di denaro coordinata da Goldman, Kirchner ha cercato di far confluire il proprio amore per il golf – e più in generale per lo sport – in un obiettivo commerciale di Slync. Anche se sembrava esserci poca correlazione tra una società di tecnologia per la logistica e l’associazione del golf professionistico, Slync ha iniziato a sponsorizzare giocatori professionisti come Justin Rose e Albane Valenzuela. La società ha firmato un accordo di sponsorizzazione multimilionario con i Dallas Stars, squadra di hockey su ghiaccio della Nhl. Kirchner ha riferito ai dipendenti che le sponsorizzazioni facevano parte della nuova strategia go-to-market dell’azienda. Un dipendente ha ricordato di avere sentito Kirchner dire: “I dirigenti non acquistano software dai siti web. Lo acquistano in base a rapporti ed esperienze”. (Rose, Valanzuela e i Dallas Stars non hanno risposto alla richiesta di rilasciare dichiarazioni).

Ma la nuova direzione di Slync è servita anche a costruire l’immagine di Kirchner come un vistoso ceo giramondo. Ha acquistato un jet privato Gulfstream G550, è stato visto viaggiare in auto di lusso, compresa la sua Ferrari, che da allora era stata dipinta di rosso, e si è iscritto al Vaquero, un country club esclusivo di Dallas, dove un abbonamento annuale al golf costa oltre 150mila dollari. Durante l’estate del 2021, ha ospitato un gruppo di dipendenti al Vaquero, dove si è vantato di giocare a golf con i principi sauditi e di volare con il suo jet privato in luoghi esotici, secondo un dipendente che era presente. “Lo stile di vita che stava vivendo non sembrava reale”, dichiara un ex dipendente.

Nonostante gli sperperi e l’iniezione di denaro da parte degli investitori, alcune cose non tornavano. Il budget dell’attività di marketing dell’azienda, per esempio, non aveva molto senso, soprattutto dopo che Slync aveva annunciato, nel settembre 2021, di aver firmato un contratto quinquennale per fare da sponsor principale del Dubai Desert Classic. Un impegno annuale di circa otto milioni di dollari che comprendeva spot televisivi, un ritiro per dirigenti e un contributo al montepremi, secondo tre fonti. Nel frattempo, nel 2021 il budget per la commercializzazione del prodotto della società era solo di circa 500mila dollari, stando a due dipendenti. Reints di Slync ha dichiarato che questa cifra è “imprecisa”. Non è stato possibile contattare Dubai Desert Classic per avere una dichiarazione.

La faccenda era particolarmente allarmante perché Slync cresceva a malapena: aveva meno di cinque clienti che pagavano in modo continuativo, compresi Dhl e Kuehne + Nagel, e non lavorava più con Expeditors. Secondo tre ex dipendenti, altre società avevano fruito di prove gratuite del prodotto, ma non sono diventate clienti a tutti gli effetti. Reints ha dichiarato che questa cifra sui clienti è “imprecisa”, ma ha rifiutato di rilasciare ulteriori dichiarazioni. Dhl ha rifiutato di rilasciare commenti. Kuehne + Nagel ed Expeditors non hanno risposto a una richiesta di dichiarazioni.

Licenziamenti e stipendi non pagati

Quando i dipendenti hanno messo in dubbio il modo in cui la società operasse finanziariamente, sono stati ostacolati da Patel, cofondatore e chief product officer di Slync. In seguito, il giorno dopo la fine del Dubai Desert Classic a gennaio, è stato licenziato il chief revenue officer Paul Pesutti. Quest’ultimo in passato, secondo diversi dipendenti, aveva espresso preoccupazioni al consiglio per la mancanza di trasparenza dei dati finanziari dell’azienda. Reints ha dichiarato in una nota che Pesutti “non si è lamentato con il consiglio per mancanza di trasparenza finanziaria”. Pesutti ha rifiutato rilasciare dichiarazioni.

“Ero allarmato”, dichiara Daniel Chan, un ex dipendente. “Molti di quelli che se ne andavano tendevano a essere davvero silenziosi”.

Ma Kirchner ha risposto ai dipendenti di Slync con rosee proiezioni finanziarie. L’11 aprile ha inviato un’e-mail sostenendo, secondo una copia del messaggio esaminata da Forbes, che la società avesse uno “stato patrimoniale solido” e che “siamo stati frugali nelle nostre spese”. Ha aggiunto di essere “alle battute finali per la chiusura di un finanziamento di serie C”.

Meno di due settimane dopo, però, Kirchner inviava un messaggio molto diverso. Il 21 aprile riferiva ai dipendenti di aver mancato la scadenza per effettuare un bonifico bancario a favore di tali dipendenti. “Ho deluso tutti”, scriveva, prima di aggiungere che il denaro sarebbe stato inviato in quattro giorni.

I dipendenti hanno continuato a ricevere pagamenti in ritardo nel mese successivo, fino a quando il denaro non ha smesso del tutto di fluire a metà maggio. Mentre i dipendenti chiedevano risposte, Kirchner è apparso in una riunione Zoom e ha insistito ancora una volta sul fatto che la società stesse per chiudere un ciclo di finanziamento di serie C e che alcuni investimenti a lungo termine avrebbero dovuto essere liquidati. “A quel punto ci saremo ripresi e avremo denaro a sufficienza per arrivare al finanziamento di serie C e oltre”, ha dichiarato Kirchner, secondo una registrazione dell’incontro ottenuta da Forbes. “Questo significa niente più intoppi con i pagamenti”. In conversazioni separate, Kirchner ha riferito ai dipendenti di aver parlato con investitori in Medio Oriente di un ciclo di finanziamenti da 100 milioni di dollari o di una potenziale acquisizione della società.

Entro la fine di maggio, Samar Kamdar, il cfo, aveva sollevato preoccupazioni al consiglio riguardo i problemi in corso sui pagamenti. Secondo diversi dipendenti, Kamdar avrebbe anche appreso che Kirchner aveva fornito dati sui ricavi e sui clienti del 2021 inconciliabili con ciò che sapeva delle disponibilità finanziare dell’azienda. Kamdar ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni in merito.

Il 27 maggio Kamdar ha riferito a Selvidge che il conto operativo di Slync conteneva solo 15mila dollari e che non poteva confermare quanti soldi ci fossero sul conto di investimento di Slync, poiché solo Kirchner poteva accedervi, secondo i documenti della causa intentata da Selvidge. In risposta, il portavoce di Slync Reints ha dichiarato che il conto aveva “più firmatari”, ma ha rifiutato di dichiarare chi fossero. (Tali accordi, in cui i dirigenti finanziari non hanno accesso ai conti obbligatori, hanno portato in passato a situazioni disastrose in altre startup, quando sono stati trascurati dagli investitori).

Pochi giorni dopo Kamdar è stato licenziato. Il 5 giugno Selvidge ha inviato una lettera al consiglio chiedendo perché Kirchner fosse l’unica persona in Slync ad avere accesso e conoscenza delle disponibilità finanziarie della società. Ha invitato inoltre il consiglio a effettuare indagini e a rimuovere l’amministratore delegato. Il 14 giugno Selvidge è stato estromesso dai conti dell’azienda. Una mossa che, secondo lui, equivaleva a un licenziamento per ritorsione, secondo una bozza di esposto esaminata da Forbes. L’avvocato di Selvidge, Filmus, afferma che la causa è stata intentata presso la Corte Superiore della California, nella contea di San Francisco. In risposta, Reints ha dichiarato che Selvidge “non è stato licenziato”.

Le settimane si sono trasformate in un mese di mancati stipendi, nonostante Kirchner avesse assicurato più volte che i soldi sarebbero arrivati. Quindi la società ha appreso che i dipendenti stavano parlando con la stampa. Kirchner ha scritto allora un messaggio su Slack. Il 9 giugno ha affermato: “La condivisione pubblica di informazioni sta mettendo a repentaglio il futuro di Slync… e sono stato incaricato di perseguire rimedi legali per qualsiasi infrazione. Per favore non peggiorate una situazione già grave”.

L’acquisto (mancato) del Derby County

Nei mesi in cui i dipendenti di Slync subivano ritardi nei pagamenti degli stipendi o non venivano pagati del tutto, Kirchner si era vantato online della propria ricchezza e aveva rilasciato dichiarazioni sull’acquisto del Derby County, squadra di calcio inglese in stato di fallimento. Aveva tentato l’acquisizione alla fine del 2021, ma a dicembre aveva ritirato la sua offerta di 60 milioni di dollari. In seguito ha mancato l’acquisto di un altro club, il Preston North End, perché, secondo quanto riferito, la proprietà non credeva che Kirchner avesse le necessarie disponibilità finanziarie. È tornato così al Derby con un’altra proposta e l’11 aprile è stato selezionato come offerente preferito.

In risposta ai tifosi scettici del Derby, che avevano letto articoli dubbiosi sul fatto che avesse i mezzi per finanziare l’acquisizione, Kirchner ha scritto su Twitter di aver accesso a finanziamenti da investimenti privati e in criptovalute. Quando un tifoso gli ha chiesto su Twitter se era vero che aveva un patrimonio di oltre sei milioni di dollari, Kirchner ha risposto: “Beh, ho pagato il mio aereo in contanti… quindi sì”.

Ma quando, alla fine di maggio, la data per effettuare il pagamento è scaduta, Kirchner ha accusato tre festività nazionali inglesi di aver interferito con il trasferimento di fondi dagli Stati Uniti e ha rassicurato via Twitter: “Niente di cui allarmarsi”. Quando ha mancato una nuova scadenza il 10 giugno, Kirchner ha ritirato la sua offerta. I tifosi si sono indignati e si sono lamentati sui social media. “Un ‘casino’ e una ‘farsa’!” titolava un articolo sul Daily Mail sulla vicenda.

Le apparenze sfarzose di Kirchner hanno continuato a sgretolarsi. Ora l’imprenditore sta vendendo il suo jet privato e, secondo quanto riferito, i Dallas Stars vanterebbero un credito di circa 800mila dollari per un contratto di sponsorizzazione non pagato (la squadra non ha risposto alla richiesta di rilasciare dichiarazioni in merito). E nelle ultime settimane è stato citato in giudizio da una società denominata Triple S Sports and Entertainment Group, secondo la quale non avrebbe restituito i quasi due milioni di dollari ricevuti in prestito per pagare il personale del Derby County, come previsto dagli accordi stipulati durante le trattative per l’acquisto. L’avvocato di Triple S, Don Hill, ha dichiarato che la società sta perseguendo “una legittima richiesta di indennizzo contrattuale” contro Kirchner “a titolo individuale” e ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni sulla gestione di Slync.

Alla fine rimane un punto a favore di Kirchner: il Dubai Desert Classic 2023, che sembra essere ancora in programma per gennaio. Nella parte superiore del sito web dell’evento, Slync.io rimane lo sponsor principale. “Questa sponsorizzazione faceva parte della più ampia strategia di go-to-market dell’azienda e ha contribuito a supportare il brand generale di Slync”, ha affermato Reints in una nota. Tuttavia, quando Forbes ha inviato un’e-mail all’indirizzo di riferimento dell’evento, chiedendo se Slync sia ancora lo sponsor principale, l’e-mail è tornata indietro.

Kirchner ha parlato spesso di come il suo approccio al golf rispecchi il suo stile di comando. In un’intervista durante l’evento di Dubai di inizio anno, Kirchner ha dichiarato che si trattava di un sogno diventato realtà. “Come dico di solito del mio gioco del golf”, ha dichiarato, “è meglio essere fortunati che bravi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.