Elon Musk venderà la spunta blu di Twitter per 8 dollari al mese. Ma i vantaggi non sono ancora chiari

elon musk è in testa alla classifica Forbes Billionaires 2022, la classifica dei miliardari più ricchi al mondo
(Photo by Britta Pedersen-Pool/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Martedì l’ad di Twitter Elon Musk ha delineato il piano per un nuovo servizio di abbonamento al social network, che sarà incentrato sull’offerta del segno di spunta blu della piattaforma per 8 dollari al mese. I vantaggi della decisione rimarrebbero ancora oscuri.

Aspetti principali

  • Martedì pomeriggio Musk ha criticato con un tweet l’attuale sistema di Twitter per stabilire l’assegnazione della spunta blu. L’ad ha aggiunto che offrirà agli utenti il badge di verifica a un prezzo base di 8 dollari al mese.
  • Come dichiarato dall’imprenditore, gli utenti verificati avranno la “priorità nelle risposte, nelle menzioni e nelle ricerche, e la possibilità di pubblicare video e audio lunghi”. Tra i vantaggi ci sarà anche la sicurezza di incontrare la metà degli annunci rispetto agli utenti non verificati.
  • Il miliardario ha aggiunto che l’abbonamento permetterà agli utenti di leggere i contenuti di editori disposti a lavorare con la piattaforma, aggirando i paywall.
  • Musk ha affermato che il flusso di entrate derivanti dagli abbonamenti sarà utilizzato “per premiare i creatori di contenuti”, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Fatti sorprendenti

Secondo quanto riferito, Musk aveva intenzione di offrire un servizio di abbonamento premium a 20 dollari al mese, ma sembra che abbia abbandonato questi piani durante uno scambio di battute con l’autore di romanzi horror Stephen King: “Twitter dovrebbe pagarmi”, ha detto lo scrittore. “Dobbiamo pagare le utenze in qualche modo. Twitter non può contare interamente sugli inserzionisti. Che ne dici di 8 dollari?”, ha risposto l’imprenditore martedì.

In cifre

Circa 300mila. Questo è il numero di account Twitter verificati da Blue Check. Nel secondo trimestre di quest’anno, Twitter ha registrato 237,8 milioni di utenti attivi giornalieri.

Sullo sfondo

L’anno scorso, Twitter ha lanciato il servizio di abbonamento Twitter Blue al prezzo di 4,99 dollari al mese, offrendo tra i vantaggi la possibilità di annullare i tweet, una barra di navigazione personalizzabile e un’assistenza clienti prioritaria.

Il servizio di abbonamento era separato dal processo di verifica di Twitter e Musk ha suggerito di combinare i due in un pacchetto premium più costoso. Il processo è stato a lungo criticato per la mancanza di trasparenza su chi si qualifica e per il segno di spunta considerato uno status symbol.

Nel 2021, l’azienda ha riaperto alle richieste di verifica al pubblico dopo aver sospeso il programma nel 2017 a causa delle lamentele su quello che, secondo gli utenti, era un processo confuso. Twitter ha continuato a concedere il segno di spunta solo agli account ritenuti “autentici, degni di nota e attivi in ambito governativo, giornalistico, di intrattenimento o in un’altra categoria designata”.

A margine

Musk ha indicato un modello di abbonamento migliorato come una delle sue principali priorità per alleviare i problemi finanziari di Twitter. Un’analisi del New Statesman, giornale di sinistra, ha rilevato che Twitter guadagnerebbe meno di 15 milioni di dollari all’anno se un utente verificato su cinque pagasse il prezzo di verifica di 20 dollari al mese, come riportato in precedenza. Twitter genera attualmente un fatturato di circa 5 miliardi di dollari all’anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.