I nuovi orizzonti dell’era data-driven all’evento di Sas su innovazione e tecnologia

Sas
Share

“Be Curious. Be Innovative.” Nuovi orizzonti dell’era data-driven, l’evento di Sas tenutosi a Milano e in live streaming, ha messo al centro l’innovazione e la trasformazione del business. L’incontro è stato l’occasione per ispirarsi e confrontarsi sui temi più innovativi in ambito analytics, intelligenza artificiale e trasformazione. Uno spazio di confronto interdisciplinare che ha affrontato la possibile evoluzione di business e società, mettendo al centro il ruolo abilitante delle transformative technologies.

Durante la plenaria, keynote speaker e professionisti della scena innovativa italiana hanno condiviso il loro punto di vista su analytics e intelligenza artificiale come elementi essenziali per guidare il cambiamento e tracciare la rotta dell’innovazione.

Ad accompagnare i partecipanti in questo percorso, Andrea Frollà, giornalista de La Repubblica e Affari & Finanza. Sul palco della plenaria Mirella Cerutti, regional vice president Sas; Tonia Calvio, regional marketing director Sas; Alberto Balestrazzi, ceo Auticon; Stefano Epifani, presidente della fondazione per la sostenibilità digitale; Riccardo Luna, direttore di Italian Tech; Francesco Paolo Micolucci, consigliere delegato Brico io; Carlo Ratti, architetto e ingegnere, direttore del Mit Senseable City Lab; Fabio Santini, direttore divisione global partner solutions Microsoft Italy; Valentina Sorgato, amministratore delegato Smau, e tanti altri ospiti nei percorsi tematici.

Filo conduttore di tutto l’evento la possibilità di immaginare il futuro grazie al potere dei dati. Ed è con questo spirito che Mirella Cerutti, regional vice president di Sas, ha dialogato con Riccardo Luna, direttore di Italian Tech, riflettendo insieme sui cambiamenti derivanti dalla trasformazione digitale.

“La trasformazione digitale”, ha commentato Cerutti, “sta cambiando il modo in cui si fanno le cose, sia toccando la loro natura profonda, sia ridefinendone il senso, producendo cambiamenti su persone, ambiente, società, cultura, economia. I dati, in questi possibili nuovi orizzonti, diventano una sorta di ‘faro guida’ per capire cosa migliorare e come, anche e soprattutto in chiave di sostenibilità ambientale, sociale ed economica. Definire l’orizzonte del cambiamento è una responsabilità comune”.

Se i dati, dunque, sono l’elemento da cui partire per esplorare e costruire nuovi orizzonti, il loro valore assume un significato particolare quando parliamo degli ambienti in cui viviamo, superando il concetto di smart city per abbracciare quello più attuale di “Senseable City”, dove i dati dell’internet delle cose ci permettono di leggere, descrivere, capire e progettare in modo diverso gli spazi in cui viviamo e vivremo. A testimoniare le innumerevoli possibilità in questa direzione è stato Carlo Ratti, architetto e ingegnere, direttore del Mit Senseable City Lab.

Non più identificata esclusivamente con la creazione del nuovo, oggi l’innovazione risiede nella capacità di rispondere adeguatamente alle sfide attraverso le tecnologie più evolute inserite anche in contesti di co-innovazione, per creare nuovi modelli di business e accelerare la trasformazione digitale delle aziende italiane e del sistema Paese nel suo complesso.

Dopo la plenaria, 4 percorsi tematici dedicati ad etica e intelligenza artificiale, al marketing data-driven, alla digital transformation e analytics&cloud, in cui, grazie all’esperienza e visione di esperti, manager e thought leader sono stati esplorati i temi del momento in ambito trasformazione, tecnologia e innovazione:

  • Ethical AI: la moderatrice Diletta Huyskes, ricercatrice e responsabile advocacy di privacy network, e gli ospiti presenti hanno esplorato la relazione tra etica e intelligenza artificiale e la necessità di trasparenza, prevenzione e gestione dei bias.
  • Marketing data-driven: insieme al moderatore Gianluca Diegoli, strategy advisor e professore Iulm, gli ospiti si sono confrontati su come costruire strategie di marketing data-driven a prova di futuro.
  • Digital Transformation: gli ospiti del percorso tematico insieme al moderatore Andrea Frollà, hanno esplorato come la trasformazione digitale avrà un impatto positivo a livello globale per aziende, società e ambiente.
  • Analytics & Cloud: la moderatrice Nicoletta Boldrini, giornalista e LinkedIn top voice, e gli ospiti sul palco hanno dialogato su come estrarre il massimo valore dai dati e trasformarli in insight significativi portando gli analytics nel cloud.

In più, grande attenzione ai giovani con i Job Speed Dating dedicati. Per mettere in contatto giovani e imprese, sono stati organizzati colloqui conoscitivi di 15 minuti con alcuni partner di SAS, un’occasione per avvicinarsi al mondo dei dati e dell’innovazione ed entrare in contatto con il mondo del lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.