Fabrica Floridi: economia circolare e lotta allo spreco sono i temi al centro della nuova puntata

Luciano Floridi Fabrica Floridi
Luciano Floridi, conduttore di Fabrica Floridi
Share

articolo di Karin Piffer

Le nuove frontiere della grande distribuzione, progetti e processi legati alla sostenibilità, il ruolo nella lotta allo spreco in ottica di economia circolare. Il rapporto con il territorio, grande e piccola distribuzione organizzata. Il futuro digitale. E ancora: il ruolo possibile nel sociale e quello impercettibile nella diffusione della cultura. Agroalimentare eccellenza italiana nel mondo.

Il digitale con i big data sta cambiando le carte in tavola: occasione da sfruttare per la rivincita? Nella puntata di Fabrica Floridi dedicata al consumo circolare portano le loro testimonianze Daria Illy, membro del cda Gruppo Illy, Giorgio Santambrogio, ad di Gruppo VéGé, Gaetano Giannetto, fondatore e presidente di Epipoli S.p.A..

E ancora Eugenio Sapora, country ManagerItalia di Too Good To Go, Marco Lucchini, segretario e co-fondatore della Fondazione Banco Alimentare e Chiara Ventura, vicepresidente di Eataly Art House. Alla conduzione il filosofo da Oxford Luciano Floridi.

Il nuovo consumo circolare

Secondo il filosofo Luciano Floridi, per la stragrande maggioranza della storia umana, l’uomo si è basato su un consumo circolare, in cui non si buttava via nulla perché non c’era niente da buttare. Poi, con la nascita della produzione industriale, in particolare con il dopoguerra, è iniziato un periodo di largo consumo lineare. Adesso sta avvenendo un recupero di una tradizione antica con tecnologie moderne, ed è proprio per questo che possiamo parlare di nuovo di consumo circolare.

“… Che il mondo non vada utilizzato come un limone, che si spreme e si butta via per poi ricomprarne un altro, è un concetto molto antico, e molto recente, ma non molto moderno. La modernità ci ha insegnato invece la metodologia del limone, secondo la quale spremi, butti via e consumi di nuovo”. Un cambiamento nelle modalità di consumo e nelle abitudini di acquisto è avvenuto soprattutto con la pandemia e lo sviluppo dell’e-commerce.

Per Daria Illy si afferma sempre di più la necessità di una omnicanalità. Bisogna andare incontro al consumatore trovando un equilibrio, offrendo prodotti che possano anche essere distribuiti in modalità omnichannel, visto anche la forte potenzialità di crescita dell’online. Una trasformazione sta avvenendo anche per quanto riguarda il punto di vendita.

L’evoluzione del punto vendita

Giorgio Santambrogio, VéGé, concordando con Illy sul concetto di omnicanalità, ha illustrato l’importanza dell’e-commerce e dell’offerta di servizi come l’home delivery e il Click & Collect, e allo stesso tempo ha evidenziato che i punti di vendita si stanno evolvendo e riarmonizzando, ad esempio trasferendosi anche nelle periferie, e diventando più captive, più attraenti, per permettere al consumatore di riscoprire il piacere di fare la spesa.

Questa riscoperta e i benefici per chi acquista sono possibili anche grazie all’utilizzo dei dati raccolti con fidelity card e simili? Gaetano Giannetto, Epipoli S.p.A, ha risposto che un corretto utilizzo dei dati da parte di chi li riceve porta senza dubbio convenienti miglioramenti nei processi di acquisto dei consumatori, ha sottolineato però che è necessario rafforzare sempre di più la protezione per non spezzare la
catena di fiducia tra consumatore-cittadino e chi eroga un programma fedeltà o altri strumenti di questo tipo.

Un ennesimo cambiamento in corso all’interno dei punti vendita è che da point of sale e point of meeting diventano anche point of education: “abbiamo il dovere come moderna distribuzione”, ha proseguito Santambrogio, “di dare dei messaggi che possano essere sempre più delle informazioni valoriali”. Parliamo quindi di educazione alla sostenibilità nutrizionale, diventa allora necessario guidare i consumatori alla scoperta di una cultura del cibo, sia in fase di acquisto e consumo, sia in cucina.

Da Too Good To Go alla Fondazione Banco Alimentare: la seconda vita degli alimenti 

A questo discorso è strettamente collegato anche quello della lotta allo spreco, fenomeno con cui le moderne distribuzioni e altri settori, come la ristorazione, purtroppo, per questioni strutturali, devono fare quotidianamente i conti. Modello perfetto per le logiche dell’economia circolare, proprio in ottica di lotta allo spreco, è la realtà di Too Good To Go, un’applicazione che mette in contatto diretto utenti e rivenditori e permette di acquistare e ritirare box di prodotti che non sono stati venduti in tempo, a un prezzo molto conveniente.

Eugenio Sapora, country manager Italia di Too Good To Go, ha raccontato come in tre anni e mezzo dal lancio, più di 6 milioni di italiani hanno scaricato questa app antispreco. Un segnale estremamente positivo. Un altro esempio di come si possano salvare le eccedenze perché non diventino un rifiuto, lo ha portato Marco Lucchini della Fondazione Banco Alimentare, una realtà attiva da tanto tempo, che dona una seconda vita ad alimenti che verrebbero distrutti.

La gestione dell’eccedenza si basa su operazioni di consumo circolare, si cerca di salvare questa sovrabbondanza perché non diventi rifiuto, e con un processo di collaborazione con il mercato, il surplus è recuperato attraverso donazioni da parte del mondo profit, che il Banco dona in seguito a quello no-profit.

In chiusura, Chiara Ventura, Eataly Art House, ha messo in luce come l’unione di due dimensioni, quella dell’arte e della cultura del cibo, possa essere un modo per esportare nel mondo la cultura agroalimentare italiana ma anche i suoi valori estetici e morali.

Fabrica Floridi: imprenditori a confronto sui temi del cambiamento tecnologico

La puntata di Fabrica Floridi sarà visibile in streaming da lunedì 5 novembre sul sito di Forbes.it, Formiche.net e su Nuvolaverde.eu, la piattaforma della comunicazione responsabile realizzata in collaborazione con Bfc Media e con il magazine tv&web Siamo Jedi, visibile su BFC Forbes (Sky 511, TivùSat61 e DT 260) e in streaming su bfcvideo.com e stream24.ilsole24ore.com. Partner di Fabrica Floridi è Generali Italia. Questa puntata è stata realizzata in collaborazione Forbes.

Il web show è condotto dal filosofo di Oxford University e di Alma Mater Studiorum Università di Bologna Luciano Floridi, e propone incontri con i personaggi al vertice delle realtà istituzionali e di impresa che hanno grande influenza sui temi fondamentali del cambiamento tecnologico. Fuori campo, a scandire tempi e modi della narrazione il presidente di Nuvolaverde, Enzo Argante. La regia è di Giuseppe Scutellà (Teatro PuntozeroBeccaria).

In redazione gli Jedi di Nuvolaverde (Karin Piffer, Ginevra Montano), di Punto Zero Beccaria (Carlotta Bruschi, Alessandra Turco, Federico Frascella, Rocco Sapienza), di Fondazione Margherita Hack (Noemi Narcisi e Elisa Paolinelli). La produzione di Fabrica Floridi è coordinata da Lisa Mazoni del Teatro Puntozero Beccaria con i ragazzi dell’area penale interna ed esterna Ipm e Ussm Cesare Beccaria di Milano: Vanessa Costa, Federico F. Davide R. Mattia Romeo, Alex Simbana, Alessandra Turco, Enea Pablo Zen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.