Altro che droni: a Parigi Ikea trasporterà le consegne a domicilio lungo la Senna

Ikea videogiochi
(foto Naomi Baker/Getty Images)
Share

Come ha riportato Le Parisien, Ikea ha annunciato che a Parigi trasporterà la merce destinata ai clienti lungo la Senna con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale delle consegne, andando a ridurre l’utilizzo dei mezzi su strada. A presentare la nuova strategia di trasporto fluviale dei mobili, spiega Ansa, è stata la direttrice della strategia e sviluppo Emma Recco, secondo la quale “questo nuovo flusso logistico fa parte di un contesto e dimostra la volontà di Ikea di ridurre l’impatto ambientale delle consegne”.

La decisione arriva a seguito di un forte incremento, inizio con la pandemia, degli ordini con trasporto a domicilio. In Francia infatti, la vendita con consegna a domicilio rappresenta il 20% del fatturato di Ikea France, che nel 2022 è pari a 3,28 miliardi di euro.

Come funziona

Ogni giorno, come viene spiegato, gli ordini vengono gestiti e preparati nel deposito di Gennevilliers. Qui, nella banlieue parigini, vengono riforniti i due nuovi punti vendita nel centro di Parigi, alla Madeleine e a rue de Rivoli. Ogni giorno arriveranno quasi 500 ordini navigando sulla Senna, sbarcando al porto di Bercy, dopo una traversata del fiume di 3 o 4 ore. I container vengono a quel punto trasferiti su veicoli elettrici ai quali resta solo la parte conclusiva del viaggio. In Francia, anche i supermercati Franprix utilizzano la navigazione nella Senza l per rifornire i 300 punti vendita della capitale.

Le altre iniziative di Ikea sulla sostenibilità

Nel 2021 Ikea ha aggiunto alla sua offerta di servizi Energy un tipo di contratto che consente ai clienti di acquistare energia elettrica certificata di provenienza eolica e solare, e di utilizzare un’app per monitorare i propri consumi. Inoltre, il colosso svedese insieme a Unilever e Michelin, ha annunciato che entro il 2040 farà viaggiare i propri prodotti solo a bordo di navi a zero emissioni nette di Co2.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.