Dalla politica allo sport fino all’intrattenimento e alla moda: chi sono le donne da tenere d’occhio nel 2023

Marta Ortega Pérez (Photo by Pascal Le Segretain/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Le logiche che adottiamo per stilare l’elenco annuale delle 100 donne più potenti del mondo sono abbastanza semplici: denaro, rilevanza mediatica, impatto sociale e ambiti di influenza. Tuttavia, la realtà è molto meno lineare: come ogni altra risorsa, il potere va e viene. Basti chiedere a Liz Truss, che a settembre era nella nostra lista e a ottobre era già fuori (così come la sua posizione di primo ministro britannico).

Questione di influenza: due casi di successo

Spesso, la tempistica ha molto a che fare con la posizione di potere ricoperta da un personaggio. Si considerino Sanna Marin e Lynn Martin, rispettivamente, capo della Finlandia e della Borsa di New York. Entrambe sono state nominate pochi giorni dopo la pubblicazione della lista delle donne di successo. Nessuno delle due aveva al tempo abbastanza potere, ma abbiamo detto lo stesso che erano due donne da tenere d’occhio perché la loro influenza stava aumentando. E in effetti lo erano: Marin è la numero 83 nella lista Power Women del 2022, Martin la numero 46.

Chi si unirà a loro nella lista di donne al potere nel 2023? Solo il tempo può dirlo.

Le donne da tenere d’occhio nel 2023

Élisabeth Borne

Nel maggio del 2022 Borne è diventata la seconda donna nella storia francese a diventare primo ministro del suo Paese. È stata nominata per il nuovo ruolo, il secondo più potente nel governo francese, dal presidente Emmanuel Macron. In precedenza è stata ministro dei trasporti francese e durante il suo mandato ha contribuito a introdurre riforme pensionistiche per la SNCF, la compagnia ferroviaria nazionale.

Faith Mukutu

Nel luglio del 2022 Mukutu è stata promossa da cfo a ceo di Zambeef, il più grande produttore di carne bovina in Zambia e una delle più grandi aziende agricole dell’Africa centrale. In qualità di amministratore delegato dell’azienda, sovrintende un’ampia operazione di coltivazione. Zambeef coltiva mais, soia e grano per le sue attività di produzione di mangimi per animali e macinazione di farina, e Mukutu è stata incaricata di espandere il business della società in Africa.

Marta Ortega

Il conglomerato di vendita al dettaglio Inditex ha nominato Ortega presidente nel dicembre 2021 e Ortega ha assunto ufficialmente il ruolo nella primavera del 2022. È la figlia del co-fondatore dell’azienda, Amancio Ortega, ed è stata a lungo considerata la prossima in fila per assumere le redini di Inditex. Prende il sopravvento in un momento caratterizzato da persistenti problemi della catena di approvvigionamento e dalla sensibilità dei consumatori all’inflazione dei prezzi. È incaricata di supervisionare la crescita di influenti marchi di vendita al dettaglio tra cui Zara, Massimo Dutti e altri.

Iman Abuzeid

Co-fondatrice e ceo della startup di personale infermieristico Incredible Health, Abuzeid ha portato la sua azienda a una serie B da 80 milioni di dollari ad agosto, operazione che ha valutato la startup 1,65 miliardi di dollari. L’aumento l’ha messa in una posizione unica: è una delle poche fondatrici nere a gestire un’azienda del valore di oltre 1 miliardo di dollari. “Spero di essere di esempio per tutti coloro che credono sia impossibile”, ha detto a Forbes al momento dell’aumento di capitale.

Le donne che stanno brillando nello sport

A novembre, i Miami Marlins hanno promosso Caroline O’Connor presidente delle sue operazioni commerciali. In questo modo sono diventati l’unica squadra della Major League Baseball ad avere due donne nei primi due posti dirigenziali (Kim Ng , direttore generale, è stata nominata nel 2020). All’inizio di dicembre, i Milwaukee Brewers hanno nominato Marti Wronski direttore operativo e unica coo donna in tutta la MLB. Al di fuori del baseball, Jeanie Buss è presidente e proprietaria di controllo dei LA Lakers e proprietaria di Women of Wrestling, un’organizzazione di wrestling tutta al femminile che ha fatto il suo debutto a settembre. “Per me era importante investire negli sport femminili”, aveva detto Buss all’epoca. “E questi sono i miei fondi personali; questo non è un progetto Laker”.

Le donne nell’intrattenimento

Le donne nello sport non sono le uniche ad assumere ruoli più potenti: le donne nell’intrattenimento stanno sempre più assumendo i propri posti di potere. Consideriamo Michelle Jubelirer, che alla fine del 2021 è stata promossa a presidente e ceo di Capitol Music Group, una divisione di Universal Music Group. È la prima donna a ricoprire il ruolo negli 80 anni di storia dell’etichetta. O Pam Abdy, che a giugno è diventata co-presidente e co-ceo del Warner Brothers Pictures Group, che distribuisce quasi due dozzine di film all’anno. E alla fine di settembre, Alisa Bowen è stata promossa presidente di Disney +.

Mandela Schumacher-Hodge Dixon: Dixon ha lavorato come insegnante, fondatrice e consulente di imprenditori in erba. Nella primavera del 2022 è stata nominata ceo di All Raise, organizzazione no profit dedicata a diversificare il settore tecnologico e a permettere a fondatrici donne di raccogliere più soldi. “Il mio obiettivo è aiutare i sotto-rappresentati, i  sottovalutati e i sotto-finanziati con risorse insufficienti”, ha detto Dixon a Forbes a maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.